Serie A, la Juventus fa tredici e tallona il Napoli: Genoa ko di misura

Serie A, la Juventus fa tredici e tallona il Napoli: Genoa ko di misura

di Ramona GIATTINO

Non è una partita particolarmente bella ed emozionante quella giocata allo Stadium tra Juve e Genoa.
A deciderne le sorti è un’autorete di De Maio che manda dentro il tiro Cuadrado. Il tredicesimo sigillo consecutivo permette ai bianconeri di tenere il passo del Napoli e per Massimiliano Allegri vale il sorpasso su Conte. L’avvio di gara è lento con le due squadre che faticano a trovare spazi. Il primo acuto arriva dopo quasi un quarto d’ora di gioco con Dybala che si libera degli avversari e lascia partire un sinistro che sorprende Perin ma che si spegne di poco sul fondo. Il Genoa non si scopre e fa densità a centrocampo, rendendo complicato ai bianconeri trovare varchi per far salire la manovra. Il risultato si sblocca alla mezz’ora. Cuadrado semina il panico nella retroguardia dei liguri, dribbla gli avversari e poi tira in porta.
È De Maio a deviare dentro la palla. Sul finale del primo tempo e nei primi minuti della ripresa il Genoa prova a spingersi in avanti. Al ritorno dagli spogliatoi, Pavoletti spreca una buona occasione lisciando la respinta di Buffon sulla conclusione di Cerci. Appena entra in campo al posto di Morata, Zaza si fa vedere nell’area avversaria. Dybala serve l’ex attaccante del Sassuolo che si porta a tu per tu con Perin ma non riesce a beffarlo e gli calcia il pallone addosso. Al 63’ Caceres lascia il campo in lacrime. L’uruguaiano cade male dopo uno scontro con Pavoletti e le sue condizioni appaiono subito preoccupanti.
Rugani prende il suo posto ma l’infortunio di Caceres alla caviglia potrebbe complicare la situazione della retroguardia bianconera. La gara si trascina parca di emozioni con la Juve che praticamente non concede nulla al Genoa. Al 90’ Russo punisce l’intervento in scivolata di Zaza su Izzo con il cartellino rosso e la Juve gestisce in inferiorità numerica un finale nervoso che non cambia l’esito del match.

IL TABELLINO

MARCATORI 30’ p.t. aut. De Maio.
JUVENTUS: Buffon; Caceres (18’ s.t. Rugani), Bonucci, Barzagli; Cuadrado, Padoin, Marchisio, Pogba, Evra (41’p.t. Alex Sandro); Morata (9’ s.t. Zaza), Dybala. A DISP: Neto, Rubinho, Lichtesteiner, Hernanes, Lemina, Sturaro, Pereyra. All. Allegri

GENOA: Perin; Munoz, De Maio, Izzo; Ansaldi, L. Rigoni, Ntcham (13’ s.t. Diego Capel), Dzemaili (36’ s.t. Matavz), Gabriel Silva; Pavoletti, Cerci (9’ p.t. Suso). A DISP: Lamanna, Burdisso, Marchese, Pandev, Lazovic, Fiamozzi, Tatchtsidis, Rincon, Laxalt). All. Gasperini
ARBITRO Russo di Nola
NOTE Espulso Zaza al 46’s.t. per gioco scorretto. Ammoniti Munoz (G), Bonucci (J), Diego Capel (G), Rigoni (G); angoli: 3-0; rec: 1’ pt – 4’ s.t

Ramona Giattino

30 anni, marsalese di nascita, romana per scelta da più di due lustri. Sogna una carriera da giornalista sportiva sin dalla tenera età, per sua fortuna non perché sperasse di diventare ricca con questo lavoro. Inizia la carriera tra i disastrati campi romani dell'Eccellenza. Cresciuta in una dimora bianconera, adora guardare le partite in famiglia dove gli animi diventano più caldi che in curva. Ama viaggiare e la musica dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.