Il Bologna frena la corsa della Juve. Al Dall’Ara finisce a reti inviolate

Il Bologna frena la corsa della Juve. Al Dall’Ara finisce a reti inviolate

Si ferma a Bologna la scia impressionante di quindici vittorie consecutive della Juventus. Il Bologna di Donadoni si conferma l’avversario complicato che Massimiliano Allegri aveva pronosticato nella conferenza della vigilia. I rossoblu sono bravi a chiudere i varchi all’attacco bianconero, cercano di sfruttare le ripartenze ma impattano nel muro che è la difesa della Juve. Lo 0-0 del Dall’Ara sembra più merito dei padroni di casa che demerito della Juve.

Il ritorno di Pereyra permette ad Allegri di schierare il tanto amato 4-3-1-2, con l’argentino dietro la coppia d’attacco formata da Zaza e Morata. Per Dybala, invece, un turno di riposo anche in vista dell’impegno di martedì in Champions. Proprio in ottica europea, il tecnico bianconero lascia Khedira a Torino a prepararsi per la sfida contro il Bayern.

La prima occasione dei bianconeri arriva al 9’ con Evra che di testa sul corner di Marchisio non riesce a trovare lo specchio della porta.

Al 21’ la grande chance del Bologna: Destro dai trenta metri lascia partire un tiro potente e ad effetto che Buffon riesce a respingere. Donsah si avventa sul pallone ma lo manda sul fondo.

Il Bologna concede poco nonostante la Juve tenga il pallino del gioco. I bianconeri hanno qualche difficoltà a creare occasioni veramente pericolose mentre la squadra di Donadoni è organizzata in difesa e cerca di sfruttare le ripartenze ma sorprendere la retroguardia bianconera non è lavoro semplice.

Nella ripresa, la Juve tiene ritmi troppo blandi per mettere in difficoltà questo ottimo Bologna. Neanche l’ingresso di Cuadrado riesce a velocizzare la manovra bianconera, così come quello di Dybala al posti di Zaza non rende l’offensiva più pericolosa. A sei minuti dalla fine i padroni di casa sprecano una buona occasione con Giaccherini che si lascia ingolosire dalla conclusione personale invece di servire Destro.

Negli ultimi minuti i bianconeri si lanciano all’assedio della porta di Mirante. La chance più consistente arriva quando Marchisio pesca bene Pogba sulla sinistra. Il portiere rossoblu devia la conclusione del francese ma né Cuadrado né Dybala riescono ad intercettare il pallone e cambiare il risultato prima del triplice fischio finale.

 

BOLOGNA: Mirante; Mbaye, Gastaldello, Maietta, Masina (dal 28′ s.t. Constant); Donsah, Diawara, Taider (dal 36′ s.t. Brienza); Rizzo (dal 20′ s.t. Mounier), Destro, Giaccherini. (Da Costa, Stojanovic, Ferrari, Oikonomou, Pulgar, Zuniga, Morleo, Brighi, Floccari). All. Donadoni.

JUVENTUS: Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Evra; Sturaro, Marchisio, Pogba; Pereyra (dal 1′ s.t. Cuadrado); Zaza (dal 22′ s.t. Dybala), Morata. (Neto, Rubinho, Rugani, Romagna, Padoin, Lemina, Hernanes, Favilli). All. Allegri.

ARBITRO: Irrati di Pistoia.

NOTE: Ammoniti Gastaldello (B), Sturaro (J), Marchisio (J), Diawara (B); angoli: 1-8; rec: 0 pt-3’ st.

Ramona Giattino

30 anni, marsalese di nascita, romana per scelta da più di due lustri. Sogna una carriera da giornalista sportiva sin dalla tenera età, per sua fortuna non perché sperasse di diventare ricca con questo lavoro. Inizia la carriera tra i disastrati campi romani dell'Eccellenza. Cresciuta in una dimora bianconera, adora guardare le partite in famiglia dove gli animi diventano più caldi che in curva. Ama viaggiare e la musica dal vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.