Domina Neapolis troppo forte, la Roma Decimoquarto cade fra le mura partenopee

Domina Neapolis troppo forte, la Roma Decimoquarto cade fra le mura partenopee

di Giordano GALEAZZI

La Domina Neapolis si sbarazza agevolmente, senza eccessivi patemi, della Roma XIV e raggiunge il terzo posto scavalcando il Napoli che ha impattato 2-2 contro il Salento Women Soccer; per il gradino più basso del podio si parlerà esclusivamente il bellissimo dialetto napoletano.

Da segnalare che il torpedone della squadra romana ha avuto un guasto sull’autostrada (rimanendo fermo oltre un’ora) di conseguenza è stato chiesto il doveroso rinvio del fischio d’inizio – ritardato di mezz’ora; la trasferta non è iniziata sicuramente sotto i migliori auspici per il sodalizio capitolino. Al fischio della giacchetta nera il Neapolis si riversa subito nel centrocampo avversario stringendo d’assedio le ragazze della Decimoquarto; la strategia è ovvia – chiudere immediatamente la pratica e gestire poi con tranquillità l’incontro risparmiando eventuali forze per le partite a venire. All’8’ infatti la tattica è premiata e le campane passano in vantaggio con una bella rete di Ciccarelli C. – la strada nel campo di Casalnuovo si fa in salita per l’undici di Martini che oltre ad aver subito il goal soffre oltremisura la costante pressione delle locali che dominano l’incontro sia dal punto di vista tattico che, e soprattutto, su quello fisico. Il che non è poco ma forse il giustificato ritardo nella presentazione e il ridotto riscaldamento pre-gara influrà sicuramente molto sulla prestazione. La partita prosegue statica senza sussulti ma con isolati sprazzi di nervosismo e vede le romane che provano una flebile reazione ma il tutto si concretizza – al 32’ – con una punizione della specialista De Luca parata senza problemi dalla inoperosa Balbi. Poca roba. Al 45’ – a seguito di una rapida ripartenza – il bravo Rocco Ponzio di Moliterno rileva giustamente un fallo in area e concede senza esitazioni la massima punizione per il Neapolis; giusto. Alla battuta va la Fiengo che spiazza Natalucci e raddoppia: se prima era ardua ora la strada per la XIV si fa praticamente impercorribile. Si va al riposo così col doppio meritato vantaggio locale.

La ripresa si apre subito con un cambio – fuori Boldrini, dentro Sciarretti (lasciata inizialmente in panchina) – mister Martini prova in questo modo di dare una bella scossa alle sue ragazze cercando l’eventuale soluzione che possa cambiare le sorti dell’incontro: è chiaro che i miracoli sono difficili da fare. Le locali però sono ben messe in campo, chiudono tutti gli spazi e concedono veramente poco alle ospiti che cozzano continuamente sul muro che protegge la porta di Balbi: comunque tiri veri e propri non ce ne sono e le azioni si smorzano tutte a ridosso dell’area di rigore. Cosicchè la tranquilla gestione gara porta inevitabilmente alla terza rete – 67’ – siglata da Galluccio: tutto troppo facile oggi. C’è solo da segnalare il valzer delle (poche) sostituzioni ed il goal della bandiera – 80’ – che rende meno amaro il punteggio, con Giorgia Ragnoli la migliore delle romane. Finisce 3-1, arbitraggio buono.

IL TABELLINO

SERIE B FEMMINILE  GIRONE D

DOMINA NEAPOLIS – ROMA XIV   3 – 1
MARCATORI 8’ Ciccarelli C. (DN), 45’ rig. Fiengo (DN), 67’ Galluccio (DN), 80’ Ragnoli (R)
DOMINA NEAPOLIS Balbi, Apicella, Testa, Ciccarelli C., Attanasio, Razza, Ponticiello (C), Galluccio, Ciccarelli V., Fiengo, Polverino PANCHINA Ciambriello, Gandy, Napolitano L., Napolitano M., Carratù ALLENATORE
ROMA XIV  Natalucci, Boldrini S. (C) (46’ Sciarretti), Filippi (65’ Genovesi), Vittori, Ragnoli, Panichi (74’ Maurelli), De Luca, Boldrini G., Novelli N., Novelli E., Loddo PANCHINA Quartullo ALLENATORE Martini Paolo ARBITRO Rocco Ponzio di Moliterno ASSISTENTI Agorini e D’Agostino di Frattamaggiore

Redazione

Il sito del settimanale 'Nuovo Corriere Laziale' testata che segue lo sport giovanile e dilettantistico della regione Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.