La Lupa Castelli Romani affronta la prima retrocessione della sua storia

La Lupa Castelli Romani affronta la prima retrocessione della sua storia

La Lupa Castelli Romani, a seguito della sconfitta incassata contro il Catania nella giornata di ieri (domenica 10 aprile ndr) che ha visto i siciliani imporsi per una rete a zero sugli amarantocelesti, retrocede matematicamente in Serie D con quattro giornate di anticipo dalla Lega Pro. Troppo ampia la forbice tra l’ultimo posto occupato dalla Lupa e il penultimo dell’Ischia: tredici punti, insormontabili, che avrebbero comunque valso il giocarsi la permanenza nel girone C della terza divisione nazionale. La Lupa, in questa stagione, ha visto l’avvicendarsi di ben quattro allenatori sulla propria panchina: dapprima la gestione Giorgio Galluzzo (fino alla decima giornata di campionato), poi l’interregno del duo Cioci/Taraborelli (dall’undicesima alla quindicesima giornata), poi l’affidamento a Giuseppe di Franco (dalla sedicesima alla ventiduesima giornata) e infine la gestione di Mario Palazzi, tutt’ora in carica. La squadra amarantoceleste, infine, ha vinto una sola partita, pareggiandone 6 e perdendone 22 realizzando 15 reti e incassandone 54 risultando, rispettivamente, il peggior attacco e la peggior difesa del girone C di Lega Pro.

Redazione

Il sito del settimanale 'Nuovo Corriere Laziale' testata che segue lo sport giovanile e dilettantistico della regione Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.