Le otto squadre dei derby della Capitale

Le otto squadre dei derby della Capitale

Articolo apparso sul Nuovo Corriere Laziale del 4 maggio 2015

di Fabio BELLI

La nostra ricostruzione storica vuole chiarire (seppur a grandi linee e con le semplificazioni dovute anche allo spazio non infinito, per quella che invece è storia infinita e capace di riempire decine di illustri testi sulla storia del calcio romano) quella che era la mappa del calcio capitolino dei pionieri. La storia del derby infinito tra Lazio e Roma la conoscono in molti: un divertente esercizio di fantasia potrebbe essere rappresentato dall’immaginare come sarebbe la Roma dei giorni nostri se calcisticamente fosse rimasta come la Londra che porta diverse squadre in Premier League, e ne conta a decine in tutte le serie professionistiche e della Non-League. Una squadra per ogni anima della città: si potrebbe anche immaginare, visto che di fantasia stiamo giocando, che un’Associazione Sportiva Roma sarebbe stata costituita anche senza fusioni, partendo da campo Testaccio e racchiudendo l’anima popolare di quella parte del Tevere. Alla Lazio sarebbe rimasto il primato di prima squadra fondata nella Capitale, con la storia già conosciuta.

LEGGI ANCHE IL PRIMO CAPITOLO “LA CAPITALE DEL CALCIO”

E le altre? Alba e Fortitudo avrebbero potuto comporre un quadrilatero ideale, presenza costante in Serie A, la prima altra espressione popolare (se la Lazio nasce a Piazza della Libertà e ottiene i consensi maggiori a Roma Nord, e la Roma acquista consensi trasversali anche nelle periferie, l’Alba potrebbe diventare nei nostri sogni folli di calciofili la squadra che dal quartiere Flaminio e piazza del Popolo estende la sua roccaforte fino a Trastevere), la seconda club del mondo cattolico che in Roma trova la sua culla per eccellenza. Visto che siamo nel campo della fantascienza calcistica, ci piace immaginare la Fortitudo come squadra andreottiana e legata all’establishment della DC ai tempi della Prima Repubblica. Più popolare e “sinistrorsa” l’Alba. L’Audace sarebbe stata il Rayo Vallecano del nostro calcio: anni in C e in B ma anche orgogliose puntate nella massima serie, nel piccolo stadio tutto biancorosso, una bomboniera nel quartiere Tuscolano, che racchiude la passione dei tifosi da Cinecittà a piazza Re di Roma. Più snob la Roman, una sorta di Fulham de’ noantri al quale strizza l’occhio la Roma bene. Stadio piccolo e di proprietà, più Serie B che Serie A e qualche campagna acquisti dispendiosa tanto da regalare negli anni ottanta una rapida puntata nelle coppe europee. B e C per Pro Roma, che trova il suo feudo partendo dalla via Ostiense e la Piramide fino ad arrivare all’Eur e a Ostia, e per l’orgogliosa US Romana, che dal campo dell’Olmo sa risalire dai dilettanti, spesso e volentieri, fino ai campionati nazionali e alla cadetteria. Sono “cavolate”, un excursus dalla ferrea ricostruzione storica che abbiamo voluto proporvi: ma immaginare Roma come Londra, con campo Testaccio e la Rondinella come stadi all’avanguardia, riammodernati senza perdere location storica e anni di gloria, e altri club ad animare una città dai mille derby, è una delle “stupidaggini” più belle che chi ama il calcio può immaginare. Poi però arriverebbero i tifosi più sanguigni a dire: “Oh, fermate ‘sta giostra della fantasia, che già reggere un derby è dura, figuriamoci otto.” Per la serie: addio, coronarie.

LEGGI ANCHE DEL “MITO” DELLO STADIO DELLA RONDINELLA: TUTTO NACQUE CON UNA PALLONATA

Redazione

Il sito del settimanale 'Nuovo Corriere Laziale' testata che segue lo sport giovanile e dilettantistico della regione Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.