Superlega: la Biosì Indexa Sora festeggia al tie break contro Padova

Cuore e batticuore al ‘Pala Polsinelli’. La Biosì Indexa Sora supera al tie break la Kioene Padova dopo una battaglia emozionante. I ragazzi di coach Bruno Bagnoli salgono così a quota 11 in graduatoria, un bottino davvero positivo al culmine del giro di boa della stagione.

Le gradinate vengono invase da migliaia di spettatori. La tifoseria organizzata inscena una splendida coreografia nel pre-partita. Insomma, ci sono tutti i presupposti per una serata di spettacolo puro.

Si parte a mille con la compagine ospite, piena di giovani interessanti, che lotta su ogni pallone. Il primo set premia Padova che sfrutta al meglio qualche incertezza difensiva patita dai padroni di casa. Michele Fedrizzi si dimostra il più vivace con lodevoli percentuali sia in difesa, sia in attacco. Miskevich alterna colpi da urlo ad errori banali, ma si riscatterà successivamente. Si chiude sul 18-25 (8-6, 15-16, 18-21).

Nel secondo set la Biosì reagisce con veemenza impressionante. La truppa volsca asfalta gli avversari. Entrano nella contesa pezzi forti come Miskevich, capitan Rosso e Kalinin. Inizia a carburare anche Gotsev a muro. I time-out chiamati da coach Baldovin si rivelano effimeri dinanzi all’onda d’urto bianconera. Si arriva ad un vantaggio ampio di nove lunghezze sul 20-11. Sora pareggia i conti archiviando la seconda ripresa sul 25-15.

La banda di giovani scalmanati di Padova non molla la presa. Si materializza allora un terzo set spumeggiante. Lo spirito agonistico degli ospiti è da applausi. Volpato e Fedrizzi si scatenano con percentuali elevate. Oltre la sufficienza pure la prova offerta dal canadese Maar. La squadra sorana però è concentrata sull’obiettivo, o almeno sembra. Mattia Rosso porta i suoi ad un massimo divario di 24-20. Poi il gioco a muro dello statunitense Averiil e di Volpato ribaltano il copione. Padova conduce 2-1.

Gli ospiti inaugurano bene anche il quarto set, portandosi in vantaggio nel primo parziale (6-8). La Biosì mantiene la calma. Il russo Kalinin prende per mano i compagni. Risulta letale Miskevich in attacco e a muro. Torna l’equilibrio sul 2-2.

Il tie break decide le sorti dell’incontro. Sempre Miskevich e Kalinin operano alla perfezione sulla difesa a muro avversaria e ottengono punti fondamentali. Padova torna minacciosa sul 15-15 grazie al primo tempo di Koncilija. Il capitano Mattia Rosso firma l’acuto decisivo del 19-17 che dona la gioia immensa ai tifosi locali.

Volley – SuperLega

Biosì Indexa Sora – Kioene Padova 3-2 (18-25, 25-15, 25-27, 25-20, 19-17)

Biosì Indexa Sora: Marrazzo, Corsetti, Gotsev, Tiozzo, Lucarelli, Santucci, Kalinin, Rosso, Mattei, Seganov, Mauti, Sperandio, Miskevich, De Marchi. Allenatore: Bagnoli.

Kioene Padova: Bassanello, Zoppellari, Shaw, Giannotti, Balaso, Maar, Koncilija, Volpato, Averiil, Milan, Link, Fedrizzi, Sestan. Allenatore: Baldovin.

Note                         

Spettatori: 1830.

Incasso: € 10.091,01.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alessandro Iacobelli

Foto di Matteo Ricci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *