Prima Categoria | Nuova Virtus, Mosciatti: “Primo posto complicato, qui una società coi fiocchi”

di Area comunicazione Nuova Virtus calcio

Il penultimo turno del girone F di Prima categoria non ha cambiato il senso della classifica. Un doppio pareggio per la capolista Alberone e per la Nuova Virtus ha lasciato le distanze invariate (tre punti), ma con una sola gara da giocare il primo posto è certamente difficile da agganciare.




«Le speranze sono poche, ma cercheremo comunque di chiudere in bellezza nella sfida interna della prossima settimana contro il Città di Pomezia – dice il tecnico della Nuova Virtus Nazzareno Mosciatti – Abbiamo fatto una bellissima cavalcata nella seconda parte di stagione: l’1-1 di Grottaferrata contro la Vivace Furlani ha rappresentato il 18esimo risultato utile consecutivo (da quando è sulla panchina marinese il tecnico è imbattuto, ndr) e quindi ai ragazzi non posso rimproverare nulla. Hanno dato tutto e in questo finale di stagione, con alcuni elementi alle prese con acciacchi vari, qualcosa stiamo pagando in termini di brillantezza. Ma c’è da essere soddisfatti per aver centrato quantomeno il secondo posto, poi vedremo cosa accadrà in estate con molta serenità».




L’incertezza sulla categoria non condizionerà la programmazione della Nuova Virtus. «Sono certo che la società si muoverà serenamente e senza problemi. Quando ho accettato la proposta del club marinese, arrivata tramite il presidente onorario Enzo Bazzucchi che già conoscevo in precedenza, ho avuto modo di apprezzare due persone di grande spessore come il presidente Claudio Barbaria e il vice presidente Matteo Botti. Ho trovato un ambiente coi fiocchi in cui si può lavorare benissimo, un gruppo sano, dirigenti appassionati e competenti come il direttore sportivo Pasquale Carnevale. Insomma, sono molto felice della scelta fatta e di come abbiamo lavorato».




L’1-1 di Grottaferrata è stato il frutto di «un primo tempo un po’ opaco, ma anche di una ripresa ben giocata – rimarca Mosciatti -. Abbiamo pareggiato i conti con un gol di Massullo e poi abbiamo colpito un palo e sfiorato nel finale il gol del 2-1, ma come detto la squadra forse in questo finale di stagione ha accusato la stanchezza del grande sforzo profuso durante l’annata. Ora ci prepareremo per l’ultimo match di domenica prossima, poi staccheremo qualche giorno e successivamente parleremo con la società dei programmi futuri».




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *