Quarti di finale Juniores elite Fase Nazionale Tor di Quinto – Alba Adriatica 3-0, la cronaca

di Christian Rodrigues

Al Campo Testa si gioca il ritorno dei quarti di finale della categoria Juniores Nazionali, il Tor di Quinto ospita l’Alba Adriatica, per giocarsi le chance di approdo alla semifinale.

Tor di Quinto che parte un passo avanti grazie alla vittoria per 2-3 nel match di andata in Abruzzo, ottenuta tramite la doppietta siglata da Libertini e la rete segnata da Russo.

Alba Adriatica che dovrà fare un grande sforzo dato che, il campo Testa , risulta essere un fortino questa stagione, espugnato solo dall’Urbetevere nella fase a gironi della regular season.

La squadra di mister Marini dal canto suo potrà contare su Njambè in buona condizione fisica e in fiducia, dopo la doppietta di sabato che ha lasciato un barlume di speranza per la gara odierna.

Speranza che viene spazzata via dal goal di Sornoza e dalla doppietta di Libertini, che regala al Tor di Quinto l’accesso alla semifinale.

Partita che non rispecchia totalmente il punteggio finale, infatti l’Alba Adriatica è stato un avversario ostico per i padroni di casa, difatti la squadra ospite ha tenuto testa al Tor di Quinto per buona parte della partita, facendo scaturire una partita equilibrata e discretamente emozionante .

Partendo con ordine, la prima azione pericolosa del match porta il timbro del Tor di Quinto, Sornoza al limite dell’area di rigore riesce a trovare lo scarico per Russo, il quale non ci pensa due volte e scarica il mancino potente da fuori area.

La sua conclusione viene ben respinta da Santomo, che toglie la sfera dallo specchio di porta con un buon intervento.

Ritmi bassi ad inizio partita, con il caldo che è un fattore da gestire per entrambe le squadre; l’Alba Adriatica da la sensazione di voler sorprendere i campioni in carica in contropiede, compito più che arduo data l’esperienza nel gestire il vantaggio da parte dei padroni di casa.

Alba che si affaccia pericolosamente in avanti al minuto 24’ , capitan Passamonti calcia la punizione da centrocampo verso il centro dell’area di rigore, trovando la testa di Njambè, che stacca, ma trova la presa di Carolis , la conclusione del dieci degli ospiti risulta infatti essere abbastanza fiacca .

Momento positivo per l’Alba, Pantoni sulla tre quarti di campo avversaria cede la sfera a Neri, il numero nove controlla la palla e cerca il sinistro al volo nel tentativo di sorprendere Carolis, tiro che termina non poco a lato del palo destro .

La migliore occasione del primo tempo è in favore del Tor di Quinto, punizione mal giocata da parte degli ospiti con Libertini che recupera il pallone e serve bene Sornoza facendo ripartire in contropiede i suoi , sulla fascia destra il numero undici dei padroni di casa trova la linea di passaggio per Acanfora, il quale riesce a mettere un bel traversone sul secondo palo, sul quale arriva Russo, che di testa, non riesce a trovare la porta a pochi passi dal portiere, spedendo sul fondo una ghiotta occasione.

Altra grande chance per i blaugrana al minuto 44’, sulla fascia destra Russo imbuca bene il passaggio per Libertini che si ritrova a tu per tu con Santomo, l’attaccante prova a scavalcare l’estremo difensore con un tocco sotto, ma il numero uno degli ospiti non si fa sorprendere e, con un brillante colpo di reni, mette la sfera in calcio d’angolo.

Il primo tempo si chiude sul parziale di 0-0.

Ad inizio secondo tempo si rende subito protagonista Njambè, che riceve al centro dell’area di rigore un bel passaggio da parte di Picone, l’attaccante della squadra abruzzese colpisce il pallone di testa, trovando una buona risposta di Carolis che riesce a bloccare la sfera.

Alba Adriatica che si riversa all’attacco nella ricerca del goal che potrebbe riaprire i giochi, ma è proprio a questo punto che i blaugrana mettono una seria ipoteca sul passaggio del turno.

Su azione offensiva degli ospiti, la difesa del Tor di Quinto riesce a rilanciare lungo il pallone, trovando fortunosamente Libertini che, partito sul filo del fuorigioco, pesca con un passaggio illuminante Sornoza.

Il numero undici ricevuto il pallone, se lo porta avanti e batte il portiere con un tiro piazzato sul secondo palo, realizzando la rete del vantaggio per i blaugrana.

Da questo momento in poi sale in cattedra Gianluca Libertini, che risulta incontenibile  a tratti devastante ; al minuto 16’ Corsetti sulla fascia sinistra serve sulla corsa il fantasista dei padroni di casa, che semina il panico nella difesa avversaria.

Dopo aver saltato due difensori e anche il portiere con classe sopraffina , Libertini è costretto ad indietreggiare, ciò non gli impedisce di tentare il tiro a giro che impatta sul palo a portiere battuto, per la fortuna di Santomo e dell’Alba Adriatica.

Non si accontenta il Tor di Quinto che continua a macinare gioco, sull’out di destra si scambiano molto bene il pallone Staffa e Francioni, con quest’ultimo che, dopo aver saltato con una piroetta il suo avversario, cambia gioco dall’altra parte trovando Libertini.

Il numero dieci controlla la sfera e dopo essere rientrato verso il centro del campo cerca il suo marchio di fabbrica, ossia il destro a giro sul secondo palo, in questo caso risulta provvidenziale la parata di Santomo che fa sbattere il pallone sul palo, togliendo il pallone dallo specchio della porta e negando la gioia del goal ai padroni di casa.

Alba Adriatica che, salvata dalla dea bendata, ha un’ultima occasione per rientrare in partita al minuto 33’, Neri difende bene il possesso del pallone al limite dell’area e, dopo aver saltato il suo diretto marcatore, calcia con il destro a giro verso l’angolino basso di destra, trovando però un Carolis in stato di grazia che, con la mano sinistra, mette il pallone in corner.

Nei minuti di recupero la squadra ospite molla la presa e Libertini ne approfitta per realizzare la sua doppietta personale, oltre che a raggiungere la cifra dei ventotto goal stagionali.

Al minuto 46’ il numero dieci fa tutto bene, sulla corsia di sinistra si libera facilmente di due avversari e, dopo essere entrato in area di rigore, trafigge Santomo con un destro potente sul primo palo.

Santomo si rende protagonista in negativo nella fattispecie della seconda rete del capocannoniere del Tor di Quinto, il portiere degli ospiti infatti non rinvia efficacemente la sfera, regalandola di fatto a Libertini che, dopo aver fatto due passi in dietro, scucchiaia il pallone alle spalle del numero uno degli ospiti, chiudendo la partita e archiviando la pratica quarti di finale in favore dei padroni di casa.

TOR DI QUINTO 3-0 ALBA ADRIATICA

MARCATORI: Sornoza 14’st, Libertini 46’-49’st.

TOR DI QUINTO: Carolis, Pellegrini, Corsetti, Cancrini, Staffa, Papa, Acanfora (Berardelli 39’st), Mattei (Francioni 42’pt), Russo, Libertini, Sornoza (Celesti 27’st)

A DISPOSIZIONE: Natali, Pitzalis, Timperi, Matera.

ALLENATORE: Moretti.

ALBA ADRIATICA: Santomo, Iuvaló, Palazzese (Ripani 13’pt), Passamonti, Picone, Fabrizi, Foglia (Capocasa 23’st), Emili, Neri (Di Renzo 35’st), Njambè, Pantoni (Iuvaló C. 23’st).

A DISPOSIZIONE: Ulivello, Di Loreto, Di Egidio.

ALLENATORE: Marini

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.

ASSISTENTI Castiglione di Frattamaggiore, Cipolletta di Avellino.

NOTE- AMMONITI: Mattei (T)

RECUPERO: +2’pt- +5’st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *