Europa League | Lazio-Apollon, la conferenza stampa di Lucas Leiva

Il centrocampista Lucas Leiva ha presentato in conferenza stampa dal Centro Sportivo di Formello la partita di domani con l’Apollon Limassol.




Dopo le prime due sconfitte della stagione, patite contro Napoli e Juventus, abbiamo parlato nello spogliatoio tutti insieme e ci siamo detti ormai la stagione 2017/18 è passata in archivio e che, da quel momento, saremmo dovuti crescere per migliorarci. Abbiamo vinto due partite e possiamo ancora migliorare perché siamo ancora all’inizio e, se continueremo a lavorare come stiamo facendo, avremo più chance di vincere le prossime partite.




La partita dello scorso anno con il Salisburgo? Vorremmo rigiocarla, anche perché adesso abbiamo Berisha che lo scorso anno ci aveva segnato, ma ormai abbiamo messo da parte la vecchia stagione. Abbiamo sbagliato in alcuni frangenti e dobbiamo migliorare sotto questi aspetti: domani torneremo a giocare in una competizione importante che dovremo aprire con una vittoria. Siamo all’inizio e dobbiamo migliorare, ma lo scorso anno la squadra ha dimostrato di avere grande qualità. Sono arrivati nuovi calciatori per darci una mano e vantiamo, infatti, una rosa più forte rispetto a quella dello scorso anno.

Tutti si aspettano che la Lazio adesso vinca con tanti gol di scarto, ma quest’anno il campionato è cambiato ed anche le compagini come Empoli e Frosinone sono molto forti. Dobbiamo continuare a lavorare perché sappiamo di poter far meglio dello scorso anno. Non dobbiamo proiettarci troppo in avanti, altrimenti ci sarebbe il rischio di non vincere nulla.




Da quando sono arrivato mi sono sentito da subito molto bene, a casa. I compagni e lo staff mi hanno subito accolto bene e la mia famiglia si trova al meglio a Roma. Penso solo a lavorare duramente e ad aiutare la squadra. Non sto pensando alla chiusura della mia carriera, sono molto felice e contento di essere alla Lazio. La Società biancoceleste mi ha dato qualcosa in più, anche se il Brasile è sempre stato nella mia testa, ma non voglio pensare al futuro. Sto ragionando solo sul mio presente e sulla Lazio. Con la squadra abbiamo parlato, anche con lo staff e con il mister: dopo un inizio difficile nel quale avevamo raccolto zero punti, è normale che sia salita un po’ di pressione. Abbiamo analizzato come la stagione passata fosse finita ed era necessario ripartire da capo, proprio come accaduto contro il Frosinone.

Milan Badelj è stato ai Mondiali e vanta una bella carriera alle spalle: il croato ha grandi qualità e lavora sempre molto bene. Può cambiare qualcosa quando giocheremo insieme, ma a me piace condividere il campo con calciatori forti e lui è uno di questi. Vediamo se in futuro formeremo una coppia a centrocampo”.

(fonte: sslazio.it)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *