L’erede di Spelacchio sbarca nella Capitale e arrivano le prime critiche

di Francesca EMPLER

Il Natale è ormai alle porte e, come da tradizione, Roma inizia ad essere addobbata con luci che danno un forte impatto visivo e regalano agli abitanti della Capitale, come anche ai turisti, la classica e irrinunciabile atmosfera natalizia.




Quest’anno, però, i riflettori sono tutti puntati sul sostituto di Spelacchio, arrivato a Roma il 3 dicembre. Originario di Cittiglio, in provincia di Varese, è alto 20 metri. Per le feste sarà abbellito con 60.000 luci a led, a basso consumo, e con 500 sfere colorate.




Le critiche sono subito arrivate: sulla rete è stato messo in evidenza il fatto che alcuni rami fossero a terra e che, nel corpo centrale, l’abete sembrasse addirittura più spoglio del buon vecchio Spelacchio. A seguito di queste considerazioni, gli utenti hanno dato sfogo alla fantasia, proponendo vari nomi da dare a questo albero. Tra questi: #spelacchio2, #spezzacchio, #speraggio e #scovolino. Non si è fatta attendere la risposta della Ditta IGP Decaux, che si occupa del trasporto e dell’allestimento per conto di Netflix, sponsor di tutta l’operazione. La società ha voluto sottolineare che, durante il trasporto e nel corso del posizionamento, l’albero non ha subito danneggiamenti. I rami più robusti sono stati sezionati al fine di impedire che l’albero potesse subire danneggiamenti. Questi ultimi verranno dunque sistemati posizionando staffe metalliche nel tronco e avvitando poi i rami.




Ben diverso è stato il trasporto per l’albero destinato a piazza San Pietro, donato a Papa Francesco dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Giunto dalla foresta del Cansiglio, i rami, per non essere tagliati, sono stati piegati, legati e compressi con funi.

La differenza tra i due abeti è notevole e, secondo il professor Salbitano, tagliare l’albero è stato uno sbaglio di tipo culturale: l’abete deve essere in continuità con la natura.

Non resta dunque che attendere il giorno dell’accensione delle luci, l’8 dicembre, e sperare, in presenza anche della sindaca di Roma Virginia Raggi, che l’abete di piazza Venezia si mostri al grande pubblico in ottima forma.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *