Crolla a San Lorenzo una parte del muro di Villa Mercede

di Francesca EMPLER

Poco dopo la mezzanotte del 16 dicembre è crollata una parte del muro perimetrale di Villa Mercede, lungo via dei Marrucini, nel quartiere storico San Lorenzo di Roma.

Un boato è quello che è stato sentito in un primo momento, poi un polverone scuro. Momenti di paura, che, anche solo per un attimo, hanno rievocato il bombardamento subito dal quartiere durante la seconda guerra mondiale. Per fortuna nel momento del crollo nessun passante, dunque nessun ferito. Sette automobili, invece, sono state danneggiate. Il muro è crollato in due fasi: la prima, in cui a cedere è stata la parte più esterna e la seconda su cui era montata la cancellata del parco. Un evento che ha innescato l’operazione di messa in sicurezza da parte dei vigili del fuoco, terminata alle cinque del mattino. La strada, per precauzione, è stata interdetta al traffico. È intervenuto in merito il consigliere dem del municipio II Valerio Casini, che cercherà di portare a termine velocemente la messa in sicurezza e che intraprenderà, insieme al Comune e ai vigili del fuoco, tutte le procedure per riaprire nel minor tempo possibile la strada. Continuano ad effettuare sopralluoghi sul posto i tecnici del Dipartimento Lavori pubblici del Campidoglio (SIMU), del Dipartimento Ambiente e della Sovrintendenza capitolina ai Beni Culturali. Ad affermarlo è stato il Campidoglio in una nota, riportando inoltre che sono ancora in corso i controlli e che per la sicurezza è stata transennata la zona.

Un evento, ancora una volta, che lascia soprattutto i cittadini della Capitale sgomenti e non tutelati. Il crollo è avvenuto inoltre in un punto della città molto frequentato dai giovani e che, per fortuna, solo per fortuna, non ha causato una strage. Non ci si può aggrappare al caso e sperare che le cose non accadano. Queste situazioni devono essere prevenute. La Capitale chiede maggiore protezione, anzi, la pretende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *