Serie D | Monterosi, Pisanu: “Avellino obbligato a vincere, giocare al Partenio ci dà grandi motivazioni”

di Ufficio stampa Fc Monterosi

Fermato solo dalle squalifiche come in occasione di domenica prossima Michele Pisanu è uno dei fedelissimi di mister Mariotti che non ha quasi mai rinunciato a lui nel suo schema di gioco.




Regista o mezz’ala per il centrocampista sardo classe 1993 è indifferente. Corre, lotta, strappa palloni e li distribuisce ai compagni.




Il Monterosi Fc non può prescindere dalla sua corsa, temperamento e carattere in una trasferta difficile come quella del partenio Lombardi. Di fronte un Avellino per una sfida che probabilmente deciderà chi delle due avrà la spinta necessaria per andare all’inseguimento delle due sarde (Lanusei-Latte Dolce) e Trastevere.




Michele Pisanu è pronto come tutti i suoi compagni a mordere i lupi: “Non è una sfida che decide il campionato ma saranno tre punti fondamentali per la classifica di ambo le squadre. Nonostante l’andata avesse già grandi giocatori, l’Avellino ne ha presi di ancora più forti. Ma non è detto che chi venga dalla serie C riesca ad ambientarsi nella categoria. Sono nella condizione di non poter più sbagliare. Il Monterosi sta bene, sono certo che andrà a giocarsi questa sfida come tutte le altre anche se scendere in uno stadio che ha ospitato la serie A e quella cadetta ti dà delle motivazioni superiori”.




Pisanu ha vestito le maglie di Bellaria, Nuorese e, nelle ultime due stagione di quel Lanusei che con grande sorpresa si trova in testa alla classifica. Lanusei dove Pisanu tornerà fra due settimane da avversario per un altro scontro diretto. Ma prima, nella testa di Pisanu, c’è solo l’Avellino: “Non me l’aspettavo ma vedendo come è partita anche nel ritorno si giocherà il campionato fino alla fine. In ogni partita si divertono perché non hanno pressioni come le altre squadre che sono sotto. Ma in questo momento la nostra concentrazione è solo sull’Avellino. Giocatori di esperienza come me, Gasperini, Nohman e gli altri dovranno farsi sentire ancora di più in mezzo al campo. Avremo probabilmente alcune assenze ma sono certo che chi andrà in campo darà il meglio di sé”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *