Allarme amianto nelle scuole: intervento in estate del Comune di Roma e della ASL di Viterbo

di Francesca EMPLER

La Capitale, oltre ai problemi che ormai da tempo la attanagliano e la logorano, si trova ad affrontare un’altra questione pericolosa e urgente da risolvere, ossia quella dell’amianto, presente tra le coperture, i pavimenti, i soffitti e i serbatoi di molte scuole.




La situazione a dir poco allarmante ha spinto il Campidoglio, in collaborazione con gli esperti della Asl di Viterbo, a intervenire a seguito di un accordo sottoscritto da entrambi. Infatti, proprio durante il periodo estivo in cui le lezioni sono sospese, saranno realizzati attenti controlli nelle varie scuole della Capitale per effettuare un’accurata mappatura. I dati del Centro regionale amianto per il 2018 lasciano senza parole: in ben 275 scuole del Lazio è stata riscontrata la presenza di amianto e 44 di queste potrebbero causare problemi di salute a chi le frequenta. L’amianto è stato rilevato nei pavimenti per un totale di 5mila metri quadri, nelle coperture di ben 31 edifici scolastici pari a circa 150mila mq, nei serbatoi di 100 scuole per un totale di 21 tonnellate e anche nei materiali di isolamento termico di 70 scuole per 700 metri di lunghezza e in 14 pannelli. È la stessa Teresa Maria Zotta, Presidente della Commissione capitolina Scuola, a sottolineare l’importanza di questo problema e a mettere in evidenza il fatto che l’affiancamento nel monitoraggio ai tecnici dell’amministrazione capitolina sarà svolto dalla Asl di Viterbo in modo assolutamente gratuito.




La Capitale, dunque, si trova a dover affrontare un’altra situazione incresciosa che potrebbe danneggiare non solo gli studenti, i docenti e il personale, ma anche altre aree, come le case stesse dei bambini, inquinate, ad esempio, dal semplice zaino appoggiato sul pavimento nocivo della scuola e poi trasportato a casa.

Non si parla in questo caso di buche o rifiuti, ma di salute, dunque non sarà possibile evitare il problema, ma obbligatoriamente analizzarlo e di conseguenza risolverlo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *