Tutti gli articoli di Paride Roncaglia

Allievi Regionali | Palocco 2-1 Petriana Calcio, la cronaca e le pagelle

Di Paride Roncaglia

Al campo sportivo di Casal Palocco si gioca il match tra Palocco e Petriana Calcio valido per il campionato Allievi Regionali. Le due squadre, divise prima della gara da due punti in classifica si giocavano la possibilità di avvicinarsi al treno delle squadre situate nella parte medio alta della classifica.




Continua la lettura di Allievi Regionali | Palocco 2-1 Petriana Calcio, la cronaca e le pagelle

Juniores élite | Vigor Perconti 2-0 Nuova Tor Tre Teste. La panchina di lusso fa felice Bellinati

di Paride Roncaglia

Al Vigor Sporting Center era di scena il big match tra la Vigor Perconti di mister Francesco Bellinati, capolista del girone B d’Elite e la Nuova Tor Tre Teste di Marco Mei, a soli due punti di distanza in classifica. Era quindi, a tutti gli effetti, un autentico spareggio per laurearsi Campione d’inverno e mettere un importante tassello sulla vittoria finale del campionato. La partita, in tutta la sua durata, non ha certo deluso le aspettative, sia sul piano dell’intensità che del gioco.
Al 6’ la prima grande occasione è per la Vigor con il bel sinistro di Madonna. Il centrocampista di casa, grazie ad una combinazione stretta con un compagno, riceve il pallone appena entrato in area di rigore e di prima intenzione calcia di mancino al volo. Nonostante non sia il suo piede la conclusione parte potente verso il secondo palo, dove arriva a salvare il portiere Kostas che respinge sulla sua destra. Al 9’ ancora Madonna su assist di Taormina che altruisticamente lascia al compagno da buona posizione: il numero otto calcia ancora di prima intenzione, ma questa volta il diagonale esce debole dal piede ed è facile preda di Kostas. Al 13’ terza occasione clamorosa per i ragazzi di Bellinati. Madonna dopo un’azione prolungata trova l’imbucata in area per Martellacci che conclude sul secondo palo. La palla sembra destinata in fondo alla rete, ma arriva provvidenziale il salvataggio di un difensore ospite che mantiene il risultato sullo 0-0. La Tor Tre, nei minuti seguenti, tenta spesso in contropiede, ma i risultati scarseggiano ad arrivare. Manca sempre l’ultimo passaggio ai ragazzi di Mei che però tengono bene il campo rispetto ai primi minuti di gara. Si instaura un certo equilibrio dopo un bell’avvio dei padroni di casa che sembra poter essere spezzato solo da una grande giocata. Al 26’ ci prova su punizione De Luzi dal limite dell’area: posizione ottima per un tiro a giro, ma il pallone si infrange sulla barriera. Al 36’ la Vigor ci prova con Chayebi il quale fa partire un bel destro a giro. Para ancora l’attento Kostas. Al 39’ ancora conclusione a giro, ancora della Vigor e ancora parata di Kostas, questa volta più difficile e su Fratini, rientrato da sinistra verso il centro. Termina in parità la prima frazione di gioco.
Nel secondo tempo la Vigor alza ancora di più il baricentro. Primo effetto è l’espulsione per somma di ammonizioni di De Luzi, il quale lascia la Tor Tre in dieci. Il numero otto ospite prende due gialli in due minuti: prima allontanando il pallone a gioco fermo e poi commettendo un fallo su ripartenza della Vigor. Al 9’ la Tor Tre, nonostante sia in inferiorità, per poco non passa in vantaggio con un grandissimo contropiede condotto da Masini. Conclusione finale del numero quattro De Cicco, in proiezione offensiva nell’occasione, deviata in angolo dal portiere. La Vigor continua ad esercitare la pressione sulla difesa di mister Mei, ma manca di precisione sotto porta per arrivare alla rete del vantaggio. Al 21’ Fratini in solitaria sfiora ancora la rete del vantaggio. L’azione parte da destra con il numero undici che punta l’area, si accentra e fa partire un gran destro a giro il quale termina non di molto alla sinistra di Kostas. Al 23’ ancora Vigor vicina al vantaggio. Madonna conclude da dentro l’area dopo una mischia sugli sviluppi di un angolo. Para ancora Kostas con sicurezza. Al 34’ episodio dubbio che avrebbe potuto spostare gli equilibri del match. Lampis entra in area di rigore seguito da Indino che per fermarlo trattiene la sua maglia. L’attaccante ospite cade a terra forse troppo in ritardo rispetto al contatto ed è per questo che il direttore di gara decide di non assegnare il penalty alla Tor Tre Teste. Subito dopo ammonisce lo stesso Lampis per simulazione. Equilibrio che si sblocca nel finale grazie a due intuizioni di mister Bellinati. Al 41’ la Vigor si porta in vantaggio dopo tantissimi tentativi non sfruttati. Sulla punizione di Paradisi dalla trequarti la palla non viene messa fuori dalla difesa ospite e rimane disponibile per Casagrande. Il giocatore di mister Bellinati, appena entrato, calcia di prima intenzione e batte l’incolpevole Kostas facendo esplodere la tribuna del Vigor Sporting Center. Al 46’ arriva poi la rete che legittima il vantaggio con Rossetti. Su un cross dalla trequarti, il numero diciotto, anch’egli subentrato nella ripresa, stoppa spalle alla porta, si gira e batte con una grande conclusione l’estremo difensore della Tor Tre. Al triplice fischio del signor Martinelli è Vigor Perconti 2-0 Nuova Tor Tre Teste, una vittoria meritata e che poteva essere molto più larga viste le occasioni mancate dai ragazzi della squadra di casa.

TABELLINO

VIGOR PERCONTI – NUOVA TOR TRE TESTE 2 – 0

MARCATORI: Casagrande 41′ st (VP), Rossetti 46′ st (VP)

VIGOR PERCONTI: Martini, Pastorelli, Indino, Colacicchi, Paradisi, Spatara(Casagrande 36′ st), Taormina(Oliva 44′ st), Madonna, Martellacci(Rossetti 10′ st), Chayebi, Fratini. PANCHINA: Pancotto, Mascoli, Djengue, Pasquetto.

ALLENATORE: Francesco Bellinati

NTTT: Kostas, Guerrieri, De Marchis, De Cicco(Evora 41′ st), Pasquali, Di Giacomo, Zanoletti(Valentino 10′ st), De Luzi, Inglese, Masini, Lampis. PANCHINA: Di Biasio, Pezzi, Melucci, Puddu, Cangianiello.

ALLENATORE: Marco Mei

ARBITRO: Martinelli di Ostia Lido

NOTE: Ammoniti Madonna, De Marchis, Lampis. Espulsi: De Luzi al 7′ st per somma di ammonizioni. Angoli 7 – 4. Rec. 3’ pt – 4’ st.

ESCLUSIVA Giovanissimi Elite. Clamoroso passaggio di capitan Di Tella dalla Vigor Perconti alla Tor Tre Teste

di Paride Roncaglia

E’ notizia fresca quella che arriva direttamente dal Girone B Eccellenza dei Giovanissimi Elite: Davide Di Tella è pronto a vestire una nuova maglia, quella della Tor Tre Teste, a discapito della blaugrana della Vigor Perconti. Parliamo di un inaspettato e clamoroso passaggio tra due compagini e rivali storiche del calcio romano e laziale, nonché del panorama giovanile nazionale.

Capitan Di Tella ha deciso di cambiare maglia dopo un anno e mezzo trascorso da protagonista alla Vigor Perconti. Parliamo di un classe 2003, numero dieci, piede mancino, assoluto talento che agisce maggiormente nel ruolo di trequartista. Nell’ultima stagione è stato eletto sette volte giocatore del mese e nella top undici dei migliori giocatori della stagione 2016-2017, grazie a mister Sambruni che ne ha valorizzato le caratteristiche utilizzandolo in più ruoli, vista la predisposizione del ragazzo e l’attaccamento alla squadra.

L’assist la sua vocazione, ma anche un grande fiuto del gol. Qualità e dinamicità al servizio dei suoi compagni per i quali, fino ad ora, in 12 partite, ha confezionato 7 assist. Ha realizzato anche 4 reti tutte di pregevole fattura.

Un giocatore di grande prospettiva, rimasto in estate al Vigor Sporting Center per crescere definitivamente, nonostante le tante richieste da altre importanti squadre. Grande attaccamento alla maglia e un forte legame a molti compagni di tante battaglie.

E allora qual è stato il motivo di questa improvvisa ed inaspettata decisione? Il rapporto con mister Di Luigi, tanto a livello emotivo, quanto sul piano sportivo. Se un giocatore non si sente contento quando è con il pallone tra i piedi, quando gioca lo sport più bello del mondo, allora cambiare aria potrebbe essere la giusta soluzione. Di Tella è un giocatore talentuoso e quelli come lui hanno bisogno di una certa libertà in campo, hanno bisogno di mettere dentro la fantasia e di uscire dagli schemi. Se un talento puro viene chiuso dentro una gabbia soffre e finisce per smettere di esserlo. Poi qualche altro diverbio calcistico, ma poco importa, Davide Di Tella ha deciso, nonostante i compagni abbiano tentato di convincerlo a restare di cambiare maglia. Tutto questo ringraziando comunque la Vigor per la grande disponibilità e per non essersi opposta al trasferimento come promesso a giugno.

E perché proprio la Nuova Tor Tre Teste? Il DS Pane lo cercava da quest’estate, ma come detto il ragazzo voleva inizialmente rimanere blaugrana. La Tor Tre non ha mollato la presa e ha battuto la concorrenza aggiudicandosi il talentino, che a parere di molti, si presenta come un colpo magistrale nella finestra di dicembre messo a segno proprio dal Direttore Sportivo di Via Candiani. Da oggi, con la chiusura del periodo di mercato per gli svincolati, è a tutti gli effetti un giocatore della Tor Tre Teste. Nel 4-3-3 o nel 4-2-3-1 di mister Santoni potrà certamente dire la sua e alzare l’asticella della qualità dell’intero undici.

Una nuova vita calcistica, delle nuove sfide attendono Davide, il quale sicuramente non dimenticherà le giocate, i gol, le esultanze per e con i compagni di squadra. Il 7 gennaio del nuovo anno sarà ancora Tor Tre Teste – Vigor Perconti, con il trequartista classe 2003, questa volta, nell’undici del centro sportivo di Via Candiani.

Juniores Regionali, è parità nello scontro al vertice tra Petriana Calcio e Neorizon Acquacetosa

Ufficio Stampa Petriana Calcio

Al Pio XII di via Monti di Primavalle scontro al vertice tra la Petriana Calcio di mister Flavio De Baggis e la Neorizon Acquacetosa. La partita, molto intensa dal punto di vista agonistico, è stata ricca di colpi di scena e di importanti giocate. Il primo tempo parte con il gol di Pergolizzi il quale porta in vantaggio i padroni di casa con una  punizione da fuori area. Tiro potente e preciso che scavalca la barriera e si insacca nella porta avversaria. Il vantaggio dura poco visto perchè l’Acquacetosa, con un gol segnato di testa ad anticipare il portiete Foglia, raggiunge il pareggio. Finisce il primo tempo 1-1.

Ad avvio del secondo tempo un bel gol di Tiberi porta di nuovo la Petriana in vantaggio. Non si fa attendere la reazione degli ospiti che pareggiano con un gol in sospetto fuorigioco. Si scaldano gli animi soprattutto in panchina e l’arbitro espelle i due mister. In campo i ragazzi restano concentrati e agonisticamente corretti fino ad un fallo da espulsione di un giocatore ospite. L’Acquacetosa in dieci subisce il terzo gol firmato da Botok dopo una lunga mischia in area. La partita sembra a quel punto finita. L’arbitro assegna inizialmente 5′ di recupero, con aggiunta di altri 4′, arrivando così ad un totale di 9′. Ed è qui che succede l’incredibile: prima viene espulso Pergolizzi per proteste. La Petriana non riesce a gestire con intelligenza il tempo e anziché tenere la palla continua ad attaccare. Allo scadere del 9′ la Neorizon segna su punizione il definitivo 3-3.

Nel complesso una bella partita, giocata molto bene da entrambe le squadre, ma fortemente influenzata dalle decisioni dell’arbitro, forse ancora troppo giovane ed inesperto per gestire la pressione di uno scontro così importante.

Soddisfazione per Samuel Doda (Vigor Perconti) convocato dall’Under 17 dell’Albania

Di Lorenzo Petrucci

Gioia e soddisfazione per il centrocampista della Vigor Perconti Samuel Doda.

Il classe 2001, assistito dallo Studio ricca di Brescia e dalla BRM Agency, è stato infatti convocato dalla sua nazionale d’origine, l’Albania, per uno stage in programma il prossimo 14 dicembre a Perugia.

Un premio per un ragazzo che in quest’avvio di stagione sta trovando il suo spazio negli allievi elite della Vigor Perconti con prestazioni sempre in crescita.

Giovani talenti: il centrocampista del Torre Angela Stefano Casciotti si racconta

di Paride Roncaglia

Intervista ad un calciatore giovane con una grande esperienza in Eccellenza alle spalle. Grinta e determinazione al servizio della mediana del Torre Angela.

La tua prima presenza in prima squadra?

“Quattro anni fa ho esordito in Eccellenza con il Montecelio. Venivo da un infortunio. Mi sono

 aggregato con loro a Novembre e a Dicembre mi hanno fatto esordire. Ho finito la stagione da titolare e ho avuto la fortuna di arrivare in semifinale di Coppa Italia, purtroppo poi persa. Comunque una grande stagione”.

Si stava aprendo un portone per te…

“Eh si mi hanno riconfermato anche per la stagione successiva. Però durante la preparazione ho subito un grave infortunio al tendine rotuleo e sono rimasto ai box per sei mesi. Considerando poi la riabilitazione la stagione praticamente non è mai iniziata”.

Poi cos’è successo?

“Pensavo di stare meglio con l’arrivo della nuova stagione, ma ho avuto delle ricadute al ginocchio che non mi hanno permesso di continuare a giocare in Eccellenza. Ero un po’ abbattuto ma dopo qualche tempo ho ricevuto la chiamata del Direttore dell’Atletico Kick Off Massimiliano Martinelli che mi ha invogliato a ricominciare. Ho fatto i primi mesi della scorsa stagione da loro, una società splendida. A dicembre però per alcune divergenze ho deciso di cambiare squadra e mi sono accasato al Torre Angela dove ho firmato anche per quest’anno”. 

Come è andata la seconda parte di stagione?

“Abbiamo ottenuto un buon piazzamento, ma cosa più importante ho conosciuto mister Alessio Ottobrini uno dei più preparati a livello tattico e tecnico che io abbia mai conosciuto. Io credo che sia uno dei pochi ad insegnare calcio. Riuscirebbe a far giocare bene chiunque”.

Sei fiducioso per questa annata? Dove pensi possa arrivare questo Torre Angela?

“Sì. La squadra è un bel mix tra giovani e “vecchi” che hanno fatto categorie importanti. Puntiamo ad una grande stagione e abbiamo il vantaggio di avere un grande Mister che è riuscito a far giocare palla a terra anche a me (ndr ride). Abbiamo comunque un girone con avversari tosti, vedi il Certosa, l’Albula, il Valle Martella e il Tivoli per via della tifoseria. In questa Prima Categoria abbiamo il dovere di farci valere, magari puntando ai piani alti”.

 

Tu che l’hai giocate entrambe, che differenza c’è tra l’Eccellenza e la Prima Categoria?

“A prescindere dal livello tecnico dei singoli calciatori, la velocità del gioco è quella che ti mette in difficoltà. In Prima ti puoi permettere di fare anche tre, quattro tocchi, mentre in Eccellenza uno, massimo due, altrimenti ti trovi immediatamente pressato. E poi la preparazione fisica perché in Eccellenza fai anche cinque allenamenti a settimana, compresa la rifinitura”.

Come mai hai deciso di accettare di giocare in Prima?

“Ho deciso di scendere e fare la Prima Categoria anche per conciliare il calcio e lo studio all’Università. Fare tre allenamenti mi permette di studiare. Ho sempre richieste da categorie superiori, ma per ora preferisco fare la Prima, nella quale, comunque, ti devi impegnare tantissimo”.  

Petriana Calcio, tripudio di colori e grande festa. Presentata la stagione 2017-2018

di Paride Roncaglia

Che la Petriana stesse tornando grande lo si era capito da mesi, ma ieri c’è stata la definitiva conferma. Dopotutto una squadra con una tradizione del genere non può stare per troppo tempo fuori dalla scena.

In occasione della presentazione per la stagione 2017/2018, tenutasi al centro sportivo in via di Monti di Primavalle 134, ha parlato il Presidente della Polisportiva Petriana Maurizio Zoffoli:

“Grazie a chiunque parteciperà a questa nuova avventura della Petriana Calcio. Sono emozionato, fiero ed orgoglioso di potervi trovare qui perché gli ultimi anni sono stati davvero molto impegnativi. Per questo ringrazio il Presidente Settimi, e il vice-presidente Galdi, ma il mio grazie è per tutti quelli che per l’ennesima volta ci hanno aiutato a dimostrare il nostro amore nei confronti dei ragazzi”.

Ha continuato dicendo: “Il Calcio è una delle sezioni che ci sta più a cuore, per tanti validi motivi. La cosa più importante è che noi abbiamo una missione, far crescere sani i nostri ragazzi. Li mettiamo sempre al primo posto ed è questo che, in qualche modo, ci rende sempre vincitori. Siamo proiettati su di loro perché sono il nostro futuro. Infine voglio che sia fatto un grande applauso per tutti i genitori, perché se siamo oggi qui è soprattutto merito loro, con la loro pazienza e disponibilità”.

Dopo il discorso più di 150 ragazzi hanno sfilato, con il loro mister, in un giro di campo tra musica, foto e applausi dei genitori. Tanti sorrisi e momenti di divertimento per tutti quanti.

Per quella che si prospetta una lunga ed intensa stagione ecco le squadre che la Petriana presenta ai rispettivi campionati:

Juniores Primavera (2000) di mister De Baggis

Allievi Regionali (2001) di mister Mosca

Allievi Regionali Fascia B (2002) di mister La Salvia

Giovanissimi Regionali (2003) di mister Provenzano

Giovanissimi Regionali Fascia B (2004) di mister Di Tella

Le parole del presidente Curci e di mister Parlato dopo la vittoria del Rieti in Coppa Italia

Ufficio Stampa FC Rieti

Al termine della gara, le parole del presidente Riccardo Curci e del tecnico Carmine Parlato.

CURCI: “Evidentemente ci sono ancora alcuni giocatori che non sono in condizione e che in questo periodo hanno lavorato molto – dice il presidente – ma in questi primi 90’ ufficiali ho visto tanta voglia di fare, tanta voglia di sacrificarsi l’un per l’altro. Debbo complimentarmi con tutti perché anche in nove contro undici non abbiamo rischiato nulla. Ora pensiamo a domenica, alla sfida con il Latina sperando che si possa assistere a una gara meno nervosa e più divertente di quella odierna”.

PARLATO: “Innanzitutto era importante ottenere il passaggio del turno – esordisce in sala stampa il tecnico campano – Poi sotto l’aspetto tecnico e tattico ci sono state delle cose che mi sono piaciute, altre meno, ma voglio comunque congratularmi con tutta la squadra perché in nove contro undici, con una condizione atmosferica quasi proibitiva non era assolutamente facile tenere il campo. Abbiamo affrontato un avversario che per sette undicesimi era totalmente diverso da quello visto in campo domenica scorsa, ma noi siamo stati bravi ad affrontarli col piglio giusto e trovare il gol del vantaggio che ci ha permesso di gestire alcune situazioni. Poi nella ripresa, subito in dieci, poi addirittura in nove – prosegue Parlato – la partita cambia e anche le dinamiche tattiche sono state riviste. Ripeto: abbiamo ancora molto da lavorare, ma sono contento per la vittoria anche per i nostri tifosi, ci tenevamo a regalargli subito una gioia e ci siamo riusciti”.

Giunta e Scotto portano avanti il Rieti. Sconfitto il Villabiagio e raggiunti i 32esimi di Coppa Italia

Ufficio Stampa FC Rieti

Con un gol per tempo, il Rieti batte il Villabiagio 2-0 e si qualifica ai 32esimi di finale di Coppa Italia.

Decisiva la rete di Giunta al 35′ su assist di un ispiratissimo Scotto e raddoppio nella ripresa, al 20′, dello stesso bomber sardo che realizza con freddezza un penalty propiziato da capitan Tirelli.
Nonostante la doppia inferiorità numerica, la squadra ha retto bene il campo ed ha saputo stringere i denti al cospetto di un Villabiagio che solo nel finale ha avuto qualche opportunità, prontamente disinnescata da Scaramuzzino.
Con questa vittoria il Rieti si qualifica ai 32esimi di finale ed ora si prepara all’esordio in campionato contro il Latina, in programma domenica 3 settembre sempre allo “Scopigno”.

FC RIETI (4-3-1-2): Scaramuzzino; Tiraferri, Dionisi, Biondi, Ispas; Giunta, Cuffa, Luciani (1’st Scardala); Tirelli; Marcheggiani (3’st Dalmazzi), Scotto (26’st Cericola). A disposizione: Prudente, Rossi, Mostarda, Pezzotti, Camilli, Piras. Allenatore: Parlato.

VILLABIAGIO (4-3-1-2): Kikkri; Polidori (13’st Lucaroni), Vergaini, Curti, Trequattrini; Goretti (33’st Pettinelli), Ubaldi, Gramaccia (16’st Mirval); Montanucci (13’st Brunori); Francioni (13’st Rinaldi), Cardarelli. A disposizione: Vitali, Fracassini, Cenerini, Cangi. Allenatore: Cocciari.

ARBITRO: Fiero di Pistoia (Camoni e Mangone di Pistoia).
RETI: 35’ Giunta, 20’st Scotto (rig.)
NOTE: spettatori paganti 190. Nell’intervallo espulso Dionisi (R) per proteste. Al 3’st espulso Giunta (R) per doppia ammonizione. Ammoniti: Luciani (R), Gramaccia (V). Recupero: 1-3.