Archivi categoria: Cronaca

Frascati, le vittime dei bombardamenti “rivivono” nei volumi restaurati nella parrocchia di Capocroce

Sono stati restaurati i due libri esposti all’interno della parrocchia di Capocroce, un lavoro che ha portato a vita nuova due importanti testimonianze dei bombardamenti angloamericani su Frascati.
I due grossi tomi, realizzati in ottone, contengono circa 750 nomi delle vittime dei drammatici episodii e furono realizzati nel 1957 su iniziativa della Pia Unione di Maria Santissima di Capocroce con le offerte dei cittadini di Frascati.

I libri, che non potevano essere rimossi dalla loro sede, perché murati, sono stati trattati con degli acidi speciali che hanno fatto tornare alla luce il loro contenuto che era stato completamente cancellato dal deterioramento dovuto agli anni.
Il restauro, realizzato anche con il contributo del Comune di Frascati, ha restituito a tutta la comunità frascatana un vero e proprio tesoro che ora è visibile e visitabile presso la parrocchia di Capocroce di Frascati.

Nei giorni scorsi, il vicesindaco Francesca Sbardella e l’assessore ai Servizi Sociali, Matteo Filipponi, si sono recati in visita presso la parrocchia di Santa Maria in Capocroce per vedere le opere restaurate oltre al bel presepe fatto in occasione delle festività natalizie.

«Siamo molto colpiti dal lavoro svolto durante il restauro – commentano la vicesindaco Francesca Sbardella e l’assessore Matteo Filipponi – i volumi sono tornati come nuovi. E’ bellissimo vedere come una così importante testimonianza storica del passato, purtroppo drammatico, della nostra città sia tornata fruibile a tutti».

Ferrovia Orte-Civitavecchia: continua la battaglia del Sindaco Giovagnoli per la riapertura della linea

“Dopo l’incontro da me sollecitato sulla riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia – Capranica – Orte, con la partecipazione dei sindaci,  dei rappresentanti delle associazioni e dei comitati – afferma il sindaco Alessandro Giovagnoli – continua il mio impegno nel portare avanti azioni concrete. Per questo ho invitato tutti i sindaci coinvolti ad aderire formalmente al documento di sintesi stilato in occasione della riunione . Come prossimo step, chiederò un incontro al Vice Ministro alle Infrastrutture e Trasporti Riccardo Nencini. Lo chiedono i cittadini, le associazioni e lo chiediamo noi con forza in veste di amministrazione locale, convinti di un progetto in cui ha investito anche l’Unione Europea”.

Continua l’impegno in prima linea del sindaco di Ronciglione Alessandro Giovagnoli e dell’amministrazione comunale in merito al progetto di riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia – Capranica – Orte. Dopo l’incontro avvenuto presso il Comune di Ronciglione con i sindaci del territorio, i rappresentanti di associazioni e comitati coinvolti, che aveva sottolineato una comunione di intenti tra i partecipanti, il sindaco Giovagnoli ha invitato le amministrazioni locali, ciascuna con il proprio organo deliberativo, ad una adesione formale al documento di sintesi riguardante la riunione. La richiesta è finalizzata a dare maggiore peso all’azione intrapresa, che ha trovato tutti i soggetti coinvolti d’accordo sull’importanza della riapertura di una linea che dà valore allo sviluppo del territorio e dell’intera Italia centrale.

Nella lettera inviata ai sindaci, oltre al documento di sintesi, è stata allegata anche la mozione approvata dal consiglio comunale.

Lo step successivo consisterà nel coinvolgere gli organi regionali competenti e a tal fine il sindaco Giovagnoli chiederà un incontro al Vice Ministro alle Infrastrutture e Trasporti Riccardo Nencini, con la volontà di portare all’attenzione dei piani più alti un progetto voluto da tutti, sostenuto e finanziato anche dall’Unione Europea.

Debora Novellino, una calciatrice-Miss dopo quarant’anni

«Tutto è iniziato all’età di quattro anni, da mio padre e da mio zio (Walter Novellino nda): ho giocato a calcio per undici anni con i ragazzi, poi calcio a 5 e ora di nuovo calcio a 11 con la Pink Bari». A parlare è Debora Novellino, affiancata dalla sorella (militare e calciatrice del Pordenone in Serie B Femminile) e da Patrizia Mirigliani, patron – in un certo qual modo – della conferenza stampa di presentazione della Prima Miss Italia dell’Anno. Miss Italia 365, questa la dicitura esatta che dà diritto alla terzina tarantina che veste della Pink Bari di accedere alle semifinali della kermesse che si terranno a Jesolo. Alla conferenza stampa di oggi, tenutasi presso gli uffici della LND di Piazzale Flaminio, erano presenti – oltre ai nomi sopracitati – il presidente Cosentino, l’allenatrice Cardone della Pink Bari, i Vice Presidenti Mambelli e Morgana, Rosella Sensi (delegata al Calcio femminile per la LND) e vari rappresentanti regionali della Lega Dilettanti.
La prima a prendere la parola e Patrizia Mirigliani: «Una miss-calciatrice non si vedeva da quarant’anni: la prima fu quello di Paola Bresciano», centravanti del Trapani e della Nazionale di calcio femminile che, a 16 anni nel 1976, fu eletta Miss Italia. Il tema, in ogni caso, è anche – e soprattutto – quello del Calcio Femminile e del suo ruolo all’interno del panorama sportivo italiano, a tal proposito Rosella Sensi ha avuto modo di dichiarare: «Non siamo ancora abituati a parlare di Calcio Femminile ma è un nostro compito: la disciplina femminile è interessante tanto quanto quella maschile». La LND, in ogni caso, «sta lavorando molto per far emergere la disciplina» delle donne calciatrici e «spero ha aggiunto la dirigente – si possa arrivare a parlare di Calcio Femminile con quell’interesse che ripaghi la tenacia e gli sforzi delle calciatrici».

Debora Novellino, terzina della Pink Bari, immortalata da Gian Domenico Sale durante la partita di sabato 9/1/16 in casa della Res Roma
Debora Novellino, terzina della Pink Bari, immortalata da Gian Domenico Sale durante la partita di sabato 9/1/16 in casa della Res Roma

«Attraverso l’opera di valorizzazione del Calcio Femminile che sta apportando Rosella Sensi – ha dichiarato, poi, il Presidente Antonio Cosentino – Debora Novellino può essere un impulso positivo per tutto il movimento: ti ringraziamo per quello che sei, per quello che fai e per ciò che farai in seguito».
«La questione – ha avuto modo di dire Cosentino nel suo intervento – è quella di agire sulle ragazze fin da piccole: il punto è anche culturale, giacché il calcio è legato ad una percezione comune mascolina» ma il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti non può non mandare un appello all’Esecutivo: «il Governo ci deve aiutare ad ‘entrare’ nelle scuole: lì il calcio è ancora percepito come fortemente maschile, tanto nei plessi scolastici quanto nelle famiglie».

E’ fuor d’ogni dubbio, infatti, che una ragazza, spesso ancora adolescente, che si avvicini al gioco del calcio lo fa con la contrarietà della famiglia e con un ambiente ostile all’interno dell’ambito scolastico, in cui tale pratica è percepita solo come maschile: è chiaro, infatti, che una ragazza che inizi a giocare a calcio vinca uno stereotipo non indifferente.
«Il Calcio Femminile può rappresentare in maniera eccellente l’attività della LND – ha poi detto Cosentino – abbiamo fatto un gran lavoro anche per quanto riguarda la gratuità delle iscrizioni delle ragazze che vogliono avvicinarsi alle società sportive in questione»
Il caso-Locri, tuttavia, torna a riaffacciarsi, dato che solo tre giorni fa si è disputata la partita Locri-Lazio (Calcio a 5 Femminile): «La Lega – dichiara Cosentino – ha assunto fin dall’inizio posizioni chiare di condanna della violenza. Non vorrei toccare la questione perché mi ha amareggiato molto: siamo stati a Locri fino al 4 di gennaio e, certamente, posso dare una notizia ai presenti: domani si verificherà un cambio al vertice della Società di Calcio a 5 in questione e il Comune prenderà in gestione il tutto».
Debora Novellino, comunque, proseguirà gli studi in ragioneria e continuerà ad essere la terzina della Pink Bari. Milanista ma con mito interista: Zanetti: «Una persona umile».

 

(Foto di ©Gian Domenico Sale)

Mustillo (PC): «Olimpiadi a Roma? Farebbero ricchi solo gli speculatori»

«Le olimpiadi a Roma sarebbero solo una nuova torta da spartire tra speculatori, palazzinari e corrotti», è quanto dichiara in una nota il candidato sindaco del Partito Comunista Alessandro Mustillo. La notizia del comitato pro-olimpiadi a Roma ha suscitato una sequela di reazioni, a partire da quelle negative a riguardo: «Lo dico con rammarico – afferma il giovane candidato sindaco – e non per contrarietà di principio. Roma oggi deve guardare alle emergenze sociali, alla casa, alla condizione delle periferie come priorità. L’investimento sullo sport deve essere orientato alla realizzazione di spazi pubblici di qualità e aperti a tutti e alla riqualificazione di quelli esistenti, non a costruire nuove cattedrali nel deserto i cui costi lieviteranno di appalto in appalto per arricchire i soliti noti».
L’esempio che porta Mustillo è sotto gli occhi degli abitanti di tutta Roma: «Basta guardare Tor Vergata, dove sono stati spesi centinaia di milioni di euro per impianti non finiti, per capire di cosa parliamo».
Il ‘Corriere della Sera‘, infatti, ha fornito numeri chiari e che – metaforicamente – parlano da soli: «Per questo gigantesco monumento allo spreco (la Città dello sport di Calatrava) i contribuenti hanno speso finora 201 milioni, Iva esclusa. E per completarla ne servirebbero altri 426. Per un costo totale pari a sei volte la stima fatta (60 milioni ndr) quando l’idea, una decina d’anni fa, venne partorita. Numeri che portano realisticamente a escludere che il progetto concepito dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava possa mai vedere la luce, almeno in quella forma».
Olimpiadi e profitto, dunque, è un binomio che rischierebbe di riproporsi realisticamente ancora una volta e di nuovo su una città allo stremo come Roma.

L’associazione Trenta ore per la vita e Rainbow Magicland insieme per i bambini malati di tumore

Un Natale all’insegna della solidarietà al Parco divertimenti di Roma Valmontone, Rainbow MagicLand e l’Associazione “Trenta Ore per la Vita” insieme per i bambini malati di tumore.  Durante il periodo delle Feste Natalizie, il Parco ha raccolto dai suoi generosi visitatori tantissimi giocattoli da inviare nella “Casa Famiglia Trenta Ore per la Vita” di Pescara, gestita dall’Associazione locale AGBE, che accoglie gratuitamente le famiglie dei bambini e adolescenti malati di tumore in cura presso il Reparto di Ematologia dell’Ospedale Santo Spirito. Il passaggio di testimone tra Babbo Natale e la Befana, per consegnare questi doni avverrà il 4 di gennaio. “Trenta Ore per la Vita” ha lanciato nel 2014 il “Progetto Home” che sta assicurando ai bambini e agli adolescenti malati di tumore il diritto alle cure migliori possibilmente rimanendo a casa propria e quando ciò non fosse possibile, garantisce ai malati e alle loro famiglie una casa lontano da casa. Dal 2 al 6 gennaio il Parco resterà aperto tutti i giorni, in attesa dell’amatissima Befana dalle 10.00 alle 17.00.  Dopo la pausa invernale, il più grande e amato Parco divertimenti della Capitale, tornerà a Marzo, con un nuovo e ricchissimo calendario eventi e le attrazioni che hanno reso Rainbow MagicLand, il paradiso dei bimbi.

 

“Aspettando la Befana” a Ronciglione fra calzette, tradizioni e presepe vivente

“Come ogni anno – afferma il Sindaco, Alessandro Giovagnoli – il Comune organizza un pomeriggio dedicato ai bambini e all’attesa della Befana, grazie alla preziosa collaborazione della Pro Loco e, quest’anno, del comitato organizzatore del presepe vivente. Una manifestazione realizzata con poco, ma che riscontra sempre grande entusiasmo da parte dei più piccoli e dei genitori. Il mio ringraziamento va anche all’associazione culturale M. Virgili, che da 30 anni si impegna a rendere il 6 gennaio una festa indimenticabile per i bambini ed un momento di condivisione per gli adulti, all’insegna della cultura e della tradizione. Infine invito tutti, soprattutto chi se lo fosse perso, a visitare il meraviglioso Presepe Vivente messo in scena nei borghi di Ronciglione. Una prima edizione di grande successo che sicuramente avrà un seguito nei prossimi anni”.

Ronciglione saluta le feste riservando un’accoglienza particolare alla simpatica vecchietta che ogni anno porta dolciumi e carbone a cavallo di una scopa.

Numerosi gli eventi nei giorni dell’Epifania organizzati dal Comune e dalle associazioni. Martedì 05 gennaio si rinnova l’appuntamento con “Aspettando la Befana” organizzato dall’amministrazione comunale insieme all’Associazione Pro-Loco e con l’ausilio delle organizzatrici del presepe vivente. Dalle ore 16.00, in piazza Principe di Napoli, i bambini potranno trascorrere un pomeriggio all’insegna del divertimento e della dolcezza, con giochi, musica, animazione, dolciumi e l’immancabile calzetta.

L’evento è preceduto, alle ore 15.30, dalla premiazione dei vincitori del “Concorso di idee: Caro Babbo Natale…”, presso la sala consiliare. Il concorso, giunto alla seconda edizione, ha coinvolto i bambini della Scuola Primaria invitandoli a scrivere la classica letterina a Babbo Natale, trasformata in poesia e racconto dalla creatività dei piccoli partecipanti. Le letterine sono state consegnate a Babbo Natale durante l’iniziativa “Il Villaggio di Babbo Natale”, allestito in piazza Principe di Napoli in occasione delle festività. I vincitori del concorso verranno premiati con un buono per l’acquisto di un giocattolo e con “l’Attestato di aiutante di Babbo Natale”, contenente la motivazione delle premiazione .

Altro appuntamento annuale atteso dai ronciglionesi in occasione dell’Epifania è quello del 06 gennaio con l’Associazione Culturale M. Virgili di Ronciglione. Nello splendido scenario del borgo medievale di Ronciglione, adulti e bambini avranno l’opportunità di trascorrere una mattinata davvero speciale all’insegna della cultura e delle più antiche tradizioni.

Dalle ore 9.00 alle ore 12.00, saranno aperte la chiesa di Santa Maria della Provvidenza (XI sec.) e la Casa-museo della Venerabile Mariangela Virgili (XVI sec.), dove il presidente dell’Associazione Bruno Pastorelli cercherà di soddisfare le richieste dei visitatori più curiosi raccontando storie e aneddoti sui luoghi interessati.

La chiesa di Santa Maria della Provvidenza si fa scrigno di due importantissimi e immancabili eventi: la 31^ edizione della mostra di presepi artistici, elaborati con impegno e passione da alcuni soci dell’Associazione Culturale Mariangela Virgili; nonché  la 14^ mostra fotografica in memoria di “Agostino Trappolini”, costituita di 12 splendide fotografie scattate da sei fotoamatori ronciglionesi. La chiesa si è, inoltre, arricchita grazie al recente restauro dell’affresco della Madonna della Provvidenza, presentato il 20 dicembre 2015 di fronte a un nutrito numero di persone.

Nella giornata dell’Epifania non possono di certo mancare eventi pensati per i più piccini. Alle ore 10,00 circa in Piazza degli Angeli si svolgerà la tradizionale “Befana ai Borghi”, giunta ormai alla sua 30^ edizione: la Befana e Babbo Natale distribuiranno calzette piene di leccornie a tutti i bambini presenti.

A chiudere il giorno dell’Epifania la replica del Presepe Vivente, evento rivelazione di queste feste natalizie. Una prima edizione da record, che ha premiato a suon di grandi numeri l’idea vincente e l’impegno del comitato organizzatore della manifestazione, tutto al femminile. L’arrivo dei Re Magi nel suggestivo Borgo medievale del paese siglerà la chiusura di questa esperienza accolta con così tanto entusiasmo dai ronciglionesi e che, senza ombra di dubbio, lascerà spazio a molte altre edizioni.

 

Kim Onlus e Cerveteri insieme per una giornata di beneficenza

Cuori grandi, come un pallone da calcio , al campo Galli di Cerveteri, dove la squadra Genitori sfida quella composta da Mister e Dirigenti, in una partita a sfondo benefico, a favore della Kim ONLUS, un’associazione che si autofinanzia e che vive – anzi sopravvive – di donazioni e proventi dei manufatti che mamme e figli realizzano all’interno di questa amichevole casa famiglia a Roma in via di Villa Troli, 46; che cura e ospita bambini malati, con una gran parte di casi di livello oncologico, sorridenti e sempre allegri: nonostante le prove che quotidianamente affrontano, nonostante lontani dal loro paese di origine. Così ecco che persone, semplicemente persone, come Luca, il presidente del Cerveteri,  la nota squadra di calcio,  aiutato dai suoi fidati responsabili Mauro e Paolo e che assieme a lui mandano avanti questa bella attività sportiva, organizzano una partita di calcio tra due insoliti agonisti, i mister delle varie categorie ed i genitori dei ragazzi che frequentano la società sportiva Cerveteri. Questa volta, però, non per punti o per una qualificazione, semplicemente per amore di chi ha bisogno.
Così eccoci qui: i bambini della Kim ai lati del campo a fare il tifo, anche loro con la maglia ed il nome e questi 25/30 calciatori in campo. Tutti felici: alcuni con qualche anno di lontananza dalla loro ultima partita, altri ancora in attività anche se mister e padri contemporaneamente, a tempo pieno, tuttavia sono presenti a dare spettacolo, tra le risate ed i commenti degli astanti dato che stavolta al loro posto, trovano i figli o i loro allievi a dire la loro, proprio come fanno di solito loro nel corso delle partire o degli allenamenti.
Cuori grandi in campo: ognuno dà il massimo per onorare questo evento nel migliore dei modi e nel massimo della sportività, fino all’ultimo secondo, fino al fischio finale, consapevoli di far parte di qualcosa di grande.
Poi chi segna, poco importa. E anche se dovessero vincere i genitori o i mister, l’unico vero risultato sarà la somma delle donazioni che permetteranno all’associazione di avere un aiuto in più, anche perché da un po’ di tempo, nessuno più finanzia la Kim se non i volontari donatori ed i gruppi che fanno gratuitamente il loro nei vari settori, sia nelle casa, sia negli ospedali, dove questi piccoli amici – a volte di soli pochi mesi -, si ritrovano a dover fare chemioterapia o radio, o simili.
Finché non lo vediamo con i nostri occhi‎ sembra una brutta favola, anche male raccontata, ma purtroppo qui di favoloso, ci sono solo i sorrisi di questi piccoli guerrieri che riescono a cantare dopo la quattordicesima operazione, che riescono a sdrammatizzare scherzando sulla loro patologia o addirittura a riderci su assieme ad altri. Se pensate, poi, che tutto questo avviene solo sotto le feste di Natale, dove la preoccupazione più grande è cosa si prepara o si indossa per la Viglia di Natale, o ancora, quale regalo fare, tutto acquista un senso diverso.
E se prima il futile ci sembrava essenziale, ora veramente possiamo imparare da questi bambini, perché anche se sembra assurdo – alla fine dei giochi – dobbiamo ringraziarli: perché siamo noi, al termine della giornata, ad uscirne arricchiti, perché per quanto noi possiamo fare per loro, non è mai pari a quello che loro ci danno.
Anche solo con un sorriso.
Guarda la fotogallery dell’evento del 27 dicembre che ha coinvolto l’Associazione Kim ONLUS e il Cerveteri

Questo slideshow richiede JavaScript.

Botti vietati a Grottaferrata: l’ordinanza disposta dal Sindaco

In data 28 dicembre 2015 l’Amministrazione comunale di Grottaferrata ha emanato un’Ordinanza che dispone il divieto di accensione ed i lanci di fuochi d’artificio – tranne quelli autorizzati ai sensi dell’art. 57 del T.U.L.P.S. – lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici, sull’intero territorio comunale, nel periodo compreso tra il 31 dicembre 2015 ed il 1° gennaio 2016.
Previste sanzioni amministrative da 25,00 a 500,00 euro per i trasgressori, oltre all’eventuale sequestro degli articoli pirotecnici, se illegittimamente posseduti. Tale disposizione è stata emanata al fine di garantire la sicurezza e la quiete dei Cittadini, per evitare pericoli e danni a persone e cose, oltre a tutelare il benessere degli animali. L’Ordinanza richiama altresì la Cittadinanza sull’oggettiva pericolosità dei prodotti e sull’uso di precauzioni a tutela della propria e altrui incolumità, confidando nel senso di responsabilità di ciascuno, in modo che le occasioni di festa e divertimento collettivo non siano funestate da incidenti.
L’Ordinanza è stata disposta dal Sindaco Giampiero Fontana il 28 dicembre

Frascati, parcheggio via Consalvi, adottata in via definitiva la sosta gratuita per i residenti delle periferie

La giunta comunale di Frascati, riunitasi nella giornata di oggi, 24 dicembre 2015, ha approvato la delibera che rende definitiva la possibilità di sosta gratuita presso il parcheggio di via Consalvi per i cittadini residenti in periferia.

«Vista la sperimentazione positiva dell’ultimo anno – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Milca Cappelloe il numero di permessi rilasciati, si è provveduto a rendere questa possibilità permanente. Finisce quindi il periodo di sperimentazione e dal 1 gennaio 2016 il provvedimento entrerà in vigore».

Gabriele Gravina nuovo Presidente della Lega Pro

Gabriele Gravina è il nuovo presidente della Lega Pro.

Lo ha eletto l’assemblea dei club riunitasi il 22/12/15 a Firenze, al secondo scrutinio, con 31 voti contro i 13 di Raffaele Pagnozzi e i 7 di Paolo Marcheschi.

Gravina, nato a Castellaneta in provincia di Taranto, succede come Presidente a Mario Macalli. “E’ un momento importante e sono soddisfatto di quanto ho raggiunto- ha commentato subito dopo l’elezione, Gabriele Gravina- è un risultato chiaro e impegnativo perché è ricco di responsabilità. E’ necessario lavorare per rimettere assieme le energie dei presidenti. E’ stata premiata la mia tenacia. Al termine dell’Assemblea, ho abbracciato uno ad uno  tutti i presidenti. La prima cosa che farò? Tra pochi giorni al lavoro perché abbiamo un anno, ma tante attività da portare avanti con traguardi e obiettivi. Incontrerò appena possibile il Commissario Miele per il passaggio di consegne”.
L’Assemblea ha votato con larga maggioranza il rinvio dell’elezione dei due vicepresidenti della Lega Pro. Sono stati eletti per il Consiglio Direttivo: 
Cerrai (Lupa Roma), De Meis (Rimini),  Lovisa (Pordenone), Maglione (Melfi), Miani (Ancona), Nitti (Pro Patria), Sannella (Foggia), Tardella (Maceratese)

Gaia Simonetta, Ufficio stampa Lega Pro