Archivi categoria: Juniores

Urbetevere, Mauro Marinelli: “Arbitri? Serve maggior sensibilizzazione”

di Ufficio Stampa Urbetevere

Il responsabile della prima squadra e dell’Under 19 gialloblù commenta la pausa forzata dei campionati ed allarga il discorso sulla figura istituzionale dei fischietti.




Continua la lettura di Urbetevere, Mauro Marinelli: “Arbitri? Serve maggior sensibilizzazione”

Juniores Provinciali. Prima Porta Saxa Rubra 0-3 Petriana Calcio. Un triplo Botoc porta i gialloblu in testa alla classifica

Articolo e foto di Paride Roncaglia

Alla ricerca dei primi tre punti in casa il Prima Porta Saxa Rubra dopo la vittoria esterna contro lo Spes 1908. Dall’altra parte la Petriana tentava di confermare una volta per tutte di essere una delle candidate a vincere il girone B. Queste le due squadre che si sono trovate di fronte, nel pomeriggio di sabato, al campo Dezi.




Continua la lettura di Juniores Provinciali. Prima Porta Saxa Rubra 0-3 Petriana Calcio. Un triplo Botoc porta i gialloblu in testa alla classifica

Under 17 Regionali | Spes Artiglio-Setteville Caserosse 2-0, la cronaca

di Yuri MARTINELLI

La Spes Montesacro la spunta tra le mura amiche in uno scontro sempre insidioso come quello con il Setteville Caserosse. Il passivo per gli ospiti è di 2-0.




Continua la lettura di Under 17 Regionali | Spes Artiglio-Setteville Caserosse 2-0, la cronaca

Giovanili, Petriana Calcio: trasferta vincente per i 2002, Juniores da favola

Di ufficio Stampa Petriana Calcio 

Dopo aver già visto nel dettaglio la partita dei 2004 andiamo a vedere cosa è successo nel weekend delle squadre agonistiche della Petriana.

La Juniores di mister Massimo Fiumicini ha dispustato la seconda giornata di campionato in casa contro il Fidene. Il risultato finale 2-0 per i gialloblu, è stata la dimostrazione che questa squadra può fare davvero qualcosa di importante in questa stagione. Queste le parole del tecnico sulla gara:
“Calcolando le mille difficoltà ad assemblare questa squadra, non ultima la questione dei fuori quota, siamo riusciti a formare un buon gruppo e questo è un dato molto importante. Il Gruppo, su questa parola dobbiamo costruire i nostri successi.
Per quanto riguarda la partita contro, a detta di tutti, una delle favorite per la vittoria del campionato, non abbiamo mai subito e abbiamo creato molte occasioni. Basti pensare che il loro miglior giocatore è stato il portiere.
Per le marcature: molto bene il gol di Pace ed, in particolare, sono felicissimo per il gol del ragazzo del 2002, Ranieri, che era aggregato a noi. Siamo stati autori di un ottima partenza, ma ancora non abbiamo fatto niente, dobbiamo continuare così”.

Gli Allievi di Fontana hanno invece dovuto affrontare la lunga trasferta contro la compagine della Polisportiva Oriolo. Dopo la sconfitta casalinga contro il Palocco era necessario ripartire immediatamente e dare un segnale forte al campionato. Infatti così è stato: 0-2 perentorio con gol di Ruggini e Fontana, entrambi di testa.

“Molto soddisfatto abbiamo fatto una grandissima partita contro un ottimo avversario e su un campo difficilissimo. La soddisfazione maggiore è stata vedere i ragazzi giocare da squadra. Siamo stati perfetti dal punto di vista tattico, non abbiamo sbagliato nulla rischiando praticamente zero. Il primo tempo è stato più equilibrato, mentre nella ripresa dopo i primi dieci minuti giocati nella loro metà campo, su un calcio d’angolo, di cinque battuti in serie , è arrivata la rete di Ruggini di testa. Dopo il vantaggio abbiamo continuato a difenderci con molto ordine, con molta diligenza. Sul finire della gara l’abbiamo chiusa con la rete, sempre di testa, di Fontana su calcio di punizione battuto perfettamente da D’Ambrogi.
Stiamo crescendo, la squadra sta crescendo davvero molto. Ci tengo a fare un elogio particolare al gruppo perché alla seconda rete tutta la panchina è corsa in campo ad abbracciare Gabriele. Inoltre i ragazzi infortunati hanno percorso 100km per stare vicino ai compagni. Questa è la vittoria più importante per un allenatore. Adesso comunque piedi per terra, testa bassa, continuiamo a lavorare così come abbiamo fatto fino ad ora”.