Archivi categoria: Juniores

Vis Artena, Di Cori: «Questo gruppo si deve assolutamente salvare»

di Ufficio Stampa Vis Artena

Non ha vissuto un fine settimana fortunato, la Juniores d’Elite della Vis Artena. I ragazzi che da due partite sono stati affidati a mister Pino Di Cori hanno ceduto per 3-2 sul campo della super Vigor Perconti, capace di mettere assieme (prima della gara con gli artenesi) 17 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta nel girone B della categoria. I capitolini, però, hanno sudato fino al 90esimo e anche oltre per avere ragione del tenace gruppo di Di Cori che usa quasi un paradosso per commentare il match. «Sono delusissimo perché avremmo meritato almeno il pareggio. Abbiamo giocato solo nei primi venti minuti in maniera troppo timorosa tra l’altro su un campo dalle dimensioni molto piccole. Poi pian piano la squadra ha preso coscienza che la gara non era così “ingiocabile” e così ha messo in difficoltà il forte avversario anche se il gol subito alla fine del primo tempo, su un errato disimpegno, avrebbe potuto metterci in crisi. Invece siamo rientrati bene nel secondo tempo pareggiando con Saturno, poi siamo andati di nuovo sotto e abbiamo di nuovo riacciuffato la Vigor con Castagna. Per lunghi tratti del secondo tempo non si è capito quale delle due squadre fosse la capolista. Poi in pieno recupero abbiamo sbagliato un altro disimpegno che ci è costato carissimo. Ora dovremo trasformare questa rabbia in energia positiva per continuare a inseguire la salvezza». La Vis Artena rimane pericolosamente ai limiti della zona play out, ma mister Di Cori non ha dubbi. «Sono assolutamente convinto che questa squadra si possa salvare soprattutto se ci sarà collaborazione da parte del tecnico dell’Eccellenza Mirko Granieri, che sin da subito ha avuto un’apertura importante verso la prima squadra giovanile del club». Certo il tecnico non è subentrato in un momento di calendario semplice visto che dopo Tor Tre Teste e Vigor Perconti ora ci sarà l’incrocio con l’Atletico 2000 secondo della classe. «Ma queste sono le partite che mi piacciono di più. Ci troveremo di fronte un altro scoglio molto grande – conclude Di Cori -, ma dobbiamo fare tesoro di quanto accaduto nei giorni scorsi e cercare di dare il massimo».

Aprilia, Juniores Nazionale in cerca di continuità

di Ufficio Stampa

Dopo la bella vittoria di sabato scorso contro il Rieti, la Juniores Nazionale dell’Aprilia cerca continuità. La seconda gara casalinga consecutiva delle giovani rondinelle guidate da Eugenio De Min propone la sfida con il Cynthia, squadra con 8 punti in meno in classifica. La differenza in graduatoria, però, non induce lo spogliatoio bianco-celeste a rilassarsi, come sottolinea Gianmarco Baccari: «Sabato scorso abbiamo giocato la nostra miglior partita dall’inizio dell’anno. Ora siamo al quinto posto, non vogliamo perdere il treno play-off, quindi le motivazioni per affrontare le sfide che ci attendono non mancano di certo. L’ultimo posto disponibile non ci basta, siamo convinti di poter scalare ancora qualche posizione, perciò anche sabato con il Cynthia scenderemo in campo per vincere. Abbiamo tutte le carte in regola per riuscirci».

Il distacco da chi è davanti si è leggermente ridotto, quindi sognare è più che lecito per Baccari e compagni. Ma i punti persi nel girone di andata pesano ancora: «Siamo stati un po’ superficiali all’andata, ma la coesione che si è creata all’interno del gruppo ci ha fatto cambiare atteggiamento. Abbiamo risolto i problemi che ci sono costati tanti punti nella prima parte di stagione, ne abbiamo parlato tra noi e abbiamo fatto un notevole passo avanti. Ora non ci vogliamo fermare, abbiamo già dimostrato di poter competere con le migliori squadre di questo girone e secondo me valiamo le prime tre posizioni. Tutto sta nel non sbagliare l’approccio mentale alle partite. Quando siamo scesi in campo nel modo giusto, abbiamo dimostrato di cosa siamo capaci e quanto sia forte questa squadra».

Torre Angela, Caporale: «In arrivo tre gare decisive per la mia Juniores provinciale»

di Ufficio Stampa

Si entra nella fase calda di stagione. O almeno di questo è convinto Saverio Caporale, tecnico della Juniores provinciale Under 19 del Torre Angela. «Nelle prossime tre partite – dice il tecnico – avremo in sequenza Castelverde, Estense e Alberone e dopo questi scontri probabilmente il nostro destino sarà un po’ più chiaro». La squadra naviga nelle zone di medio-alta classifica. «All’inizio eravamo partiti per cercare di stare ai vertici – dice Caporale -, poi abbiamo avuto qualche difficoltà non preventivata e comunque ora l’obiettivo è di poter centrare un posto tra le prime quattro e giocare i play off di categoria. Sono convinto che i ragazzi abbiano tutte le possibilità per farcela». Nell’ultimo turno il Torre Angela ha battuto a domicilio l’Albula con un secco 2-0 firmato dai sigilli di Giuliani e Benedetti. «Il primo tempo è stato piuttosto equilibrato e probabilmente non si è vista una bellissima partita – racconta l’allenatore – Forse si è fatta sentire l’assenza di qualche giocatore, ma all’intervallo ho cercato di scuotere i ragazzi e spronarli a dare di più, cosa che è puntualmente avvenuta nella seconda frazione quando la squadra ha sbloccato il risultato e legittimato il successo. L’Albula, nonostante una non buona posizione di classifica, ha dimostrato di essere un avversario con delle qualità, non era semplice riuscire a vincere». Una volta di più il Torre Angela ha inciso “alla distanza”. «E’ vero, il gruppo tendenzialmente palesa le sue qualità nel corso dei secondi tempi: non so se è una questione di approccio non proprio ideale alla partita, sicuramente questa squadra dimostra di star bene fisicamente e fa valere spesso questo aspetto». Nel prossimo turno, il primo del trittico-verità secondo Caporale, la squadra si recherà a Castelverde. «All’andata terminò 0-0 e l’avversario si dimostrò una squadra ostica, difficile da superare. Sicuramente non sarà una passeggiata, dovremo scendere in campo con grande determinazione». La sua Juniores, intanto, un obiettivo lo ha già centrato. «Qualcuno dei nostri ragazzi – rimarca Caporale – è già in orbita prima squadra e se, come tutti speriamo, il prossimo anno Torre Angela avrà la Prima categoria, qui ci sono giovani a mio parere già pronti per far parte di una rosa di quel livello».

Morolo Calcio: il ricco programma del weekend dalla Prima Squadra al Settore Giovanile

Il prossimo weekend si prospetta estremamente impegnativo per tutte le compagini del Morolo Calcio. Andiamo con ordine. La Prima Squadra affronterà il Monte San Giovanni Campano nell’atteso derby ciociaro del girone B di Eccellenza. I ragazzi di mister Emiliano Adinolfi cercano una vittoria rilevante in chiave salvezza dopo il buon pareggio al cospetto del Città di Ciampino. Al ‘San Marco’ dirigerà Di Matteo della sezione di Roma 1, coadiuvato dagli assistenti Cazzorla di Aprilia e Viglianti di Formia. La Juniores guidata da mister Norberto Di Pofi, seconda forza del gruppo D, darà vita alla medesima sfida con i pari età giallo-blu tra le mura amiche nel pomeriggio di sabato. Trasferta ostica sul campo del Frosinone 2000, terzo in graduatoria, per gli Allievi di Giulio D’Alessandris sempre al comando del girone A. Match casalingo infine per i Giovanissimi di Giorgio Santarelli contro l’Arpino.

Riepilogo partite del fine settimana:

– M.S.G. Campano – Morolo (Eccellenza Girone B);

– Morolo – M.S.G. Campano (Juniores Regionali Girone D);

– Frosinone 2000 – Morolo (Allievi Provinciali Girone A);

– Morolo – Arpino (Giovanissimi Provinciali Girone A)

Atletico 2000, la Juniores mette le mani sul secondo posto. Prima squadra sempre in vetta

di Ufficio Stampa ASD Atletico 2000

Si è chiuso un week end impegnativo e ricco di spunti per l’Atletico 2000. Ottime notizie sono arrivate da Prima squadra e Juniores. Bella vittoria anche per Allievi e Giovanissimi Fascia B Provinciali, mentre escono a mani vuote le altre formazioni.

Juniores. E’ stato un fine settimana importante per la Juniores dell’Atletico 2000. I ragazzi di Boncori hanno battuto l’Unipomezia e, complice il ko della Pro Calcio Tor Sapienza, hanno consolidato la seconda posizione: “Sapevamo che la gara contro l’Unipomezia era fondamentale – spiega il tecnico biancorosso -, perché la Pro Calcio era impegnata sul difficile campo della Vigor Perconti. Abbiamo giocato una buona gara, anche se non è stato facile. Abbiamo trovato il vantaggio ma, come accaduto a Falasche, non siamo riusciti a chiuderla. Se contro i biancoverdi alla fine abbiamo pagato dazio nel finale, sabato, invece, non abbiamo concesso nulla trovando la rete della sicurezza allo scadere”. Una vittoria che porta a 4 i punti di vantaggio dei biancorossi sulla Pro Calcio Tor Sapienza, terza in classifica e prossima avversaria del team di Boncori: “Ci aspetta una sfida importante contro un’avversaria difficile. Una gara da affrontare al meglio per tenere testa alla loro voglia di rivalsa”.

Il week end. Turno positivo anche per la Seconda Categoria di mister Fiatti, che conferma la vetta della classifica grazie al 2-1 rifilato al Montecompatri. Alle spalle della capolista tiene però il passo il Real Valmontone, staccato di due lunghezze. Splendida vittoria anche per gli Allievi, che hanno calato il poker contro la Polisportiva Carso. Le reti di De Cesare, Bianchi, Di Rocco e Puddu hanno consegnato i tre punti al team di mister Valerio, che aggancia Pro Calcio Ferentino e Pro Roma e si porta ad una sola lunghezza proprio dai pontini, raggiungendo una zona più tranquilla della graduatoria. Non è andata altrettanto bene alle altre categorie biancorosse. Gli Allievi Fascia B Elite cadono sul campo del Futbolclub, condannati dal gol di Russo nella ripresa. Una sconfitta che rallenta la corsa dei ragazzi di Cortini che perdono due posizioni. Cadono anche i 2001 di Mariotti, che perdono lo scontro diretto contro la Polisportiva Carso. I pontini si sono imposti per 3-0, respingendo il tentativo di sorpasso dei biancorossi. Vanno ko anche i Giovanissimi Fascia B Elite, che erano chiamati ad una vera e propria impresa sul campo della Lazio. Il 2-0 finale in favore dei biancocelesti è però la dimostrazione della grande prova del team di Sambruni, capace di restare in gara fino alle battute finali. Un ko indolore, perché dagli altri campi arrivano buone notizie, con tutte le dirette avversarie dei biancorossi che non hanno trovato punti. Chiude il week end l’impegno dei Giovanissimi Fascia B Provinciali, capaci di superare 2-1 la Nuova Tor Tre Teste confermandosi in quarta posizione ad un solo punto dal podio.

Juniores Nazionale, varato il regolamento per la caccia al tricolore

Definita la formula della fase finale che porterà all’assegnazione dello scudetto l’11 giugno 2016.

Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti ha diramato oggi il nuovo regolamento della fase finale del campionato Nazionale Juniores.  Alla conquista dello scudetto di categoria concorrono tutte le formazioni vincenti i rispettivi 11 gironi (vengono ammesse direttamente agli ottavi di finale), più la migliore classificata delle squadre della Serie D in ciascun campionato regionale organizzato dai Comitati Sicilia e Sardegna, oltre alle vincenti dei play off di ciascun girone del campionato Nazionale Juniores.

A questa fase di qualificazione hanno diritto a partecipare dalla 2^ alla 5^ classificata nei raggruppamenti del campionato Juniores Nazionale con la formula della gara unica (gioca in casa la migliore in graduatoria al termine della stagione regolare: 2^ contro 5^ e 3^ contro 4^) ed in caso di parità sono previsti i tempi supplementari ma non i tiri di rigore (passa al turno successivo il club meglio classificato in campionato). Per l’accesso alla fase successiva della competizione, le due squadre vincenti il turno precedente si incontreranno a loro volta, sempre in gara unica, in casa della squadra meglio classificata in campionato.
Le 13 formazioni ammesse verranno suddivise in 3 triangolari e 2 abbinamenti con gare di andata e ritorno determinati secondo oggettivi criteri di prossimità geografica.

Le 11 società classificate al primo posto nei singoli gironi di appartenenza al campionato Nazionale Juniores, le 3 squadre vincenti il rispettivo triangolare e le 2 società vincenti gli accoppiamenti saranno abbinate per lo svolgimento delle gare di andata e ritorno degli ottavi di finale. E così in avanti fino alla disputa delle semifinali e della finale che si svolgeranno in campo neutro con la formula della gara unica. Per stabilire la squadra che riposa nella prima giornata dei triangolari (così anche quella che disputerà la prima gara in trasferta) e quella che disputerà la prima in casa nel caso degli abbinamenti si procederà ad apposito sorteggio. Al campionato Juniores Nazionale vi prendono parte i calciatori nati dal 1 gennaio ’96, nella fase finale non è consentito schierare alcun giocatore fuori quota.

Per consultare il regolamento completoComunicato Ufficiale n°55

Il calendario della fase finale

Play-off girone
23 aprile 2016 – 30 aprile 2016

Fase finale
7 maggio 2016 / 1^ giornata triangolari – 1^ giornata abbinamento andata
11 maggio 2016 / 2^ giornata triangolari
14 maggio 2016 / 3^ giornata triangolari – 2^ giornata abbinamento ritorno

21 maggio 2016 / gara andata – ottavi di finale
25 maggio 2016 / gara ritorno – ottavi di finale
28 maggio 2016 / gara andata – quarti di finale
4 giugno 2016 / gara ritorno – quarti di finale

Gare di semifinale
9 giugno 2016

Gara finale
11 giugno 2016

SSD Colonna, Fedeli sprona la Juniores: «Puntiamo in alto nel girone di ritorno»

E’ un po’ il factotum del Colonna, sempre più un uomo-società. Daniele Fedeli, nel corso del tempo, ha guadagnato la stima e l’affetto di tutto l’ambiente del club presieduto da Giancarlo Urgolo. E quando c’è stato bisogno di una soluzione per la panchina della Juniores provinciale, la società si è rivolta a lui, già preparatore atletico della prima squadra nonché tecnico dei due gruppi Esordienti 2003 e 2004. «Sono alla guida di questo gruppo da qualche settimana – spiega Fedeli – e mi ha fatto molto piacere che gli stessi ragazzi abbiano insistito per avermi come tecnico. Abbiamo giocato già quattro gare ottenendo due vittorie, una sconfitta immeritata e beffarda per 3-4 e un pareggio interno per 0-0 sabato scorso con la Cavese. Ma sono convinto che questa squadra possa recitare un girone di ritorno da protagonista, puntando decisamente più in alto rispetto alla posizione di classifica attuale». Per quanto riguarda il match con la Cavese, Fedeli sottolinea come la sua squadra abbia «sempre tenuto il pallino del gioco in mano, mancando solo di un po’ di incisività. Avremmo meritato di vincere, ma purtroppo abbiamo sciupato qualche occasione e non siamo riusciti a sbloccarla». Nel prossimo turno il Colonna sarà ospite dell’Atletico Morena, squadra di alta classifica. «Ma in questo girone non credo ci siano avversari “impossibili” da affrontare – rimarca Fedeli -, anche perché sono fiducioso sulle possibilità dei miei ragazzi». Fedeli, come detto, gestisce anche due gruppi della Scuola calcio. «I metodi rispetto al settore di base sono molto diversi a livello di approccio coi ragazzi. Coi più grandi bisogna avere un atteggiamento differente». La chiusura è dedicata proprio a due parole anche sui due gruppi Esordienti che sono sotto la sua gestione. «Innanzitutto approfitto per ringraziare Christian Ritucci che mi aiuta con i 2003 e Flavio Catoni, capitano della Juniores, che fa lo stesso col gruppo 2004. Visto che ho più competenze, è fondamentale avere un sostegno su queste due categorie. Comunque si tratta di due squadre molto promettenti: i 2003 li alleno da cinque anni e sono pronti per lo “sbarco” nell’agonistica dove, sono certo, faranno molto bene. Anche i 2004 hanno qualità e devono continuare a impegnarsi come stanno facendo».

Ufficio Stampa

Gioc Cocciano Frascati, Bacci: «Bene vittoria e primo posto, ora la Fortitudo»

E’ stato un sabato importante quello vissuto lo scorso fine settimana dalla Juniores provinciale della Gioc Cocciano Frascati. I ragazzi di mister Mauro Bacci hanno vinto 3-2 in casa contro il Real Valmontone ultimo della classe grazie alla tripletta di Gianluca Falciatori. «Un successo faticoso, ma l’avversario si è sicuramente rinforzato nell’ultimo periodo – spiega Bacci – Tra l’altro siamo andati presto in vantaggio e forse questo ha fatto calare la concentrazione dei ragazzi. Abbiamo commesso tanti errori davanti e concesso un tiro e mezzo all’avversario subendo due reti. Per fortuna alla fine l’abbiamo vinto ed era l’unica cosa che contava perché con questo successo siamo balzati al comando». Primato da condividere con la Fortitudo Velletri che sarà proprio l’avversario del prossimo turno. «Sabato giocheremo questo scontro diretto: vedo i ragazzi carichi e convinti della propria forza – sottolinea Bacci – Stanno bene e stanno rispettando quelli che erano i nostri pronostici di inizio stagione». Sarà la prima gara del girone di ritorno. «All’andata perdemmo 2-1 in extremis, ma ci sarebbe stato stretto anche il pareggio. Vogliamo riscattare quella sconfitta e soprattutto conquistare la vetta solitaria del girone e l’occasione è sicuramente ghiotta per riuscirci. Che tipo di partita prevedo? Sarà una gara aperta, ma se la mia squadra riesce a tenere i ritmi alti e a produrre un buon palleggio, è un avversario durissimo per tutti in questa categoria».
Intanto si è chiuso anche il girone d’andata della Prima categoria con il gruppo di mister Tiziano Giovannelli che ha ceduto per 1-0 sul campo della Borghesiana concludendo la prima metà di stagione all’ottavo posto con 22 punti. «Siamo al di sopra di ogni più rosea aspettativa – dice il presidente Andrea Mari -. La società è soddisfatta ed orgogliosa del risultato ottenuto dalle due massime squadre. Per la Prima categoria addirittura c’è il rammarico di aver gettato in alcune gare anche la possibilità di fare meglio, ma va bene così: al primo anno 22 punti sono un ottimo risultato. Poi c’è la Juniores che sta viaggiando su ritmi altissimi: sapevamo di avere un ottimo gruppo e soprattutto un tecnico all’altezza e chiudere il girone di andata in testa ne è la conferma. La strada è ancora lunga, ma continuando così potremmo toglierci grandi soddisfazioni anche quest’anno».

Ufficio Stampa

Vis Artena, Battistelli: «Salvezza? Non semplice, ma sono fiducioso»

La Juniores d’Elite della Vis Artena ci crede. La squadra di mister Antonio Battistelli, subentrato poco meno di un mese fa ad Alessandro Recchia, vuole salvare la categoria possibilmente senza passare per i play out. Nell’ultimo turno, pur perdendo 2-1 sul campo del Cassino, i giovani artenesi hanno messo in mostra una grande grinta e solo qualche episodio non ha permesso loro di conquistare punti. «Dopo un primo tempo equilibrato, chiuso sullo 0-0, siamo passati in vantaggio a inizio ripresa grazie ad una bella giocata di Silvestri – racconta Battistelli – Poi un errore ci è costato il gol del pareggio e successivamente abbiamo subito anche il sorpasso dei padroni di casa. Nel finale abbiamo provato a cercare il 2-2, ma non siamo riusciti a farcela. Comunque la squadra ha dato dimostrazione di essere viva e questo è molto importante, i ragazzi lavorano da poco insieme e quindi ci vuole un po’ di tempo per trovare i giusti equilibri. Tra l’altro a Cassino si è giocato su un campo in terra e in brutte condizioni, dunque è stato un match in cui si è visto poco calcio e tanto agonismo». La Vis Artena al momento è nella zona rossa anche se la salvezza diretta è a un passo. «Bisogna lavorare a testa bassa, senza fare troppi proclami – rimarca Battistelli – Ma il gruppo ha delle buone qualità e può centrare l’obiettivo della salvezza diretta». Nel prossimo turno al Comunale arriverà il Sermoneta ultimo della classe. «Una sfida molto importante per noi che non ci possiamo permettere di sottovalutare – spiega Battistelli – Loro hanno sicuramente rinforzato la squadra nell’ultimo periodo, ma noi abbiamo assoluto bisogno dei tre punti. Mi piacerebbe se, assieme al risultato, si vedesse anche la prestazione perché credo che alla lunga il lavoro e un buon gioco paghino anche a livello di traguardi di classifica». L’ex responsabile tecnico del Colleferro, ha avuto un’esperienza importante da relatore di Maurizi nella sua recente parentesi con la Lupa Roma. «Ma io nasco come tecnico di settore giovanile e mi piace lavorare coi ragazzi. Alla Vis Artena ho trovato un club ambizioso che, per mentalità, ragiona già da società professionistica, ma ci vuole tempo e pazienza per arrivare a determinati livelli». 

Ufficio Stampa

Lupa Frascati, la Juniores Regionale cerca il pokerissimo sul campo della Vjs Velletri

Poker al Passo Corese, poker di partite vinte consecutivamente, mettendo dentro anche il successo a tavolino sul Palestrina. Se non è una completa ripresa, quella della Juniores Regionale, chiamiamola almeno convalescenza. Perché i ragazzi di Fioranelli, dopo aver passato tre settimane da incubo tra novembre e dicembre, adesso si sono rimessi in carreggiata tornando a far sentire il fiato sul collo alle battistrada. Troppo lontano l’Anzio, che ha messo a segno una piccola fuga sul resto del gruppo. Ma le altre sono tutte lì, in quei quattro punti che separano la seconda dalla sesta in graduatoria. E la Lupa vuole provare ad emergere, a fare ciò di cui è capace ma il destino, come si suol dire, è proprio nelle mani di Cesaroni e compagni.

“In queste ultime partite abbiamo fatto quello che dovevamo fare, il minimo indispensabile – dichiara il capitano -. Abbiamo battuto le ultime tre in classifica e non abbiamo giocato contro il Palestrina, ritiratosi dal campionato. Sicuramente abbiamo ritrovato la fiducia nel gruppo e in noi stessi, ma andiamo avanti un passo alla volta. La classifica abbiamo smesso di guardarla dopo la sconfitta con l’Agora, per ora pensiamo solo a fare bene e a dare il massimo ogni partita, il nostro obiettivo è questo. Le somme, poi, le tireremo alla fine”.

Sarà ma il piccolo rammarico, al momento, è vedere ai primi tre posti formazioni contro cui la Lupa ha ottenuto ben sette punti, segnando sette reti e subendone solo una. Dati che evidenziano come la differenza, spesso, la facciano mentalità e atteggiamento.

“Probabilmente è una questione di testa – continua Cesaroni – ma è anche vero che in questo campionato, in questo girone in particolare, si può vincere o perdere con chiunque. Basta vedere i risultati dell’ultima giornata, col Lariano in zona play out che è andato a battere 3-1 il De Rossi che ha i nostri stessi punti. Non ci sono partite scontate, non ci sono pronostici sicuri: bisogna scendere in campo e giocare ogni sabato come fosse una finale, a prescindere dall’avversario”.

E quello di domani, sul campo della Vjs Velletri, sarà un altro esame per capire se i frascatani possono davvero ambire al definitivo salto di qualità. “Una sfida fondamentale – conclude Cesaroni – che dobbiamo sfruttare per chiudere nel migliore dei modi il girone di andata, trovare continuità e acquisire la carica giusta per le tre partite successive, importanti e complicatissime (Grottaferrata, Anzio e De Rossi, ndr). Affronteremo la gara con lo stesso spirito di sempre, con la voglia di vincere e di fare bene”. E dovrebbe essere (il condizionale è d’obbligo) una Lupa Frascati al completo. Fattore anche questo fondamentale visto che spesso, in questa prima metà di campionato, cartellini, squalifiche e infortuni hanno finito per condizionare il rendimento dell’undici di Fioranelli.

Ufficio Stampa