Archivi categoria: Giovanili

Allievi Fascia B Regionali, nel posticipo dell’Epifania pari tra GdF e Atletico Fidene

di Giordano Galeazzi

Bronzo e argento a confronto per mantenere il podio del girone. E’ un incontro assai versatile, giocato sul filo del rasoio dato l’elevato equilibrio tecnico in campo: c’è, però, da sottolineare l’assenza di 4 pedine fondamentali nella scacchiera di mister Contaldo. Si arriva ben presto a metà della prima frazione senza alcunché di segnalabile, se non qualche azione potenzialmente pericolosa ma sprecata con troppa sufficienza. Bisogna anche evidenziare, dal punto di vista tattico, una grande difficoltà nella fioritura del gioco e degli schemi di ambedue le squadre per l’insolita larghezza del campo: risulta essere, infatti, piuttosto “stretto” impedendo il gioco sulle fasce, gli inserimenti dei laterali e costringendo solamente alle verticalizzazioni. Con il rettangolo verde bagnato e piuttosto scivoloso, aumentano le difficoltà di controllo palla, ma ciò può anche favorire le conclusioni verso la porta. Al 25’ ci prova Massaro su calcio piazzato dai 20 metri, una bordata di collo pieno che prende una strana traiettoria respinta da Beccacceci coi pugni. La distanza nel passare da “equilibrio” a “paura” di aprirsi è davvero breve: l’incontro si blocca alla mezz’ora, le squadre non riescono a creare gioco. Si prosegue a lancioni, azioni personali e conclusioni disperate dalla distanza: sembra essere un incontro dallo stile “chi segna, vince”. Poco prima dello scadere Tifi ha sul destro l’occasione per sbloccare la gara: slalom a bordo area, trova lo spazio per calciare ma la conclusione è centrale e debole tra le braccia di Sordini. Subito dopo, cross tagliato dalla destra, ancora Tifi in agguato impatta di testa spendendo la sfera fuori a fil di palo. Risultato di 0 a 0, tutti a riposo. Le squadre rientrano sul terreno di gioco, sembra la stessa musica del primo tempo ma dopo 4 minuti bomber Tifi apre le marcature con la più classica ma al tempo stesso più spettacolare delle azioni: dallo spigolo sinistro d’area, si accentra sulla lunetta e col destro spara un missile sotto l’incrocio, imparabile. L’Atletico è in vantaggio ed ora prova ad amministrare il match serrando la fase difensiva e ripartendo quando può. La GDF però non sta a guardare tentando il tutto per tutto per riprendere il risultato: al quarto d’ora, su calcio d’angolo, Pettinari svetta sopra tutti incornando alla grande, la sfera però si alza e termina alta di un soffio sopra il montante. I ritmi si intensificano, sono punti importantissimi. Nel finale al cardiopalma la spinta costante dei locali viene premiata grazie a Ranuzzi che nella mischia infila la zampata vincente, in dubbio fuorigioco, che vale però l’1-1 siglato in extremis. Un pareggio tutto sommato che ci può stare, alla luce di quanto visto nella ripresa. Si gioca tutto nella ripresa, con un goal ad inizio e fine di tempo, ma che beffa per l’Atletico!

ALLIEVI REGIONALI FASCIA B – IL TABELLINO

CIRCOLO GUARDIA DI FINANZA – ATLETICO FIDENE 1 – 1

MARCATORI Tifi 4’st (AF), Ranuzzi 40’st (CGDF)

GUARDIA DI FINANZA Sordini, Capra, Massaro (Cascalici 5’st), Arabia, Pettinari, Uggeri, Pannuti (Lazzari 1’st), Ranuzzi, Lucarini, Miano, Petrucci (Cori 17’st) PANCHINA Alboretti, D’Agostino, Gorelli ALLENATORE

ATLETICO FIDENE Beccaceci, Rubeca, Geracitano, Sonsoni (Bonanni 39’st), Battaglia, Dolce, Scopetti, Onorati, Lucarelli, Pioppini (Bocchetti 15’st), Tifi PANCHINA Fascetti, Di Palma, Zlibut ALLENATORE Contaldo

ARBITRO Anibaldi di Tivoli – voto 6

NOTE Rec. 0’pt-3’st Ang. 3-3

Sporting Broccostella: i prossimi impegni del settore giovanile

Concluse le vacanze natalizie, lo Sporting Broccostella è pronto a ripartire. Le compagini del settore giovanile ciociaro, infatti, saranno impegnate nei prossimi giorni. La Juniores Provinciale affronterà nel giorno dell’Epifania l’Atletico Cervaro in trasferta. I ragazzi guidati da mister Giannandrea, attualmente sesti in classifica, stanno passando il momento topico della stagione con concrete possibilità di accedere agli spareggi promozione. Sabato si replicherà contro Atina alle 14.30. Gli Allievi di mister Venditti, dopo il pareggio contro la Pro Calcio San Giorgio, faranno visita al Colosseo sabato 9 gennaio. Turno di riposo invece per i Giovanissimi Sperimentali Fascia B, allenati da mister Fabrizio Forletta in concerto con il responsabile della parte atletica Luca Cerqua, che torneranno in campo domenica 17 al cospetto dell’ostico Fiuggi. La truppa brocchese si sta disimpegnando egregiamente in un girone alquanto difficile, considerando anche che la maggior parte dei calciatori sono nati nel 2003.

DLF all’inglese: espugnato il Fontanelle di Montefiascone. Fascia B a secco

Giovanissimi Elite

I giovanissimi Elite guidato da mister Onorati, espugnano il Fontanelle di Montefiascone con il classico risultato all’inglese di 2-0. I Biancoverdi vincono e convincono nell’ultima gara del girone di andata, riagguantando la settima posizione ai danni dell’Aurelio F.A. I dielleffini giocano un buon calcio creando, come spesso capita, molte occasioni da gol, però questa volta riusciranno a capitalizzare una segnatura per tempo. Anche il terreno di gara, in pessime condizioni, non aiuta i biancoverdi, ma nonostante ciò mantengono saldamente il pallino del gioco, sfruttando come al solito le corsie laterali. La prima azione degna di nota capita sui piedi di Belloni che sfiora il vantaggio su cross di Mercuri. Il vantaggio arriva al 29’ per opera di Mariani che realizza l’1-0 dopo un intenso scambio con Mercuri. Nella ripresa, al minuto 9, il raddoppio porta la firma di Biferali L., che batte il portiere falisco dopo la respinta sul tiro di Belloni. Negli ultimi minuti i biancoverdi hanno la possibilità di calare il tris, ma il tiro di Loi si stampa sul palo.

Giovanissimi Elite Fascia B

Sosta natalizia indigesta per i Giovanissimi Elite 2002 guidati da mister Supino. I biancoverdi subiscono un brutto stop da parte dell’Accademia Calcio che centra la sesta vittoria consecutiva, violando il green di via Baccelli con un secco 3-0. Dopo un primo tempo di contenimento, dove i dielleffini non riescono a entrare in partita, è l’Accademia che sciupa alcune buone occasioni. La resistenza biancoverde dura solo un tempo, cedendo poi nella ripresa. Al’8’ della ripresa arriva il goal del vantaggio ospite. Dagli sviluppi di un corner la difesa biancoverde riesce ad allontanare la sfera che arriva sui piedi del n. 11 Abdalla che con un pallonetto beffardo porta l’Accademia sull’1-0. Il raddoppio non tarda ad arrivare: al 15’ azione manovrata sulla destra con Abdalla, che entra in area saltando due uomini per poi andare alla conclusione in porta, Santu stavolta è bravo a respingere, ma la sfera giunge sui piedi di Ciocerini che ribadisce in rete per il 2-0. I biancoverdi accusano il colpo ma la reazione è sterile, anche per un campo sempre più pesante a causa della pioggia. L’Accademia soddisfatta del doppio vantaggio abbassa i ritmi di gioco, e al 28’ calerà addirittura il tris con una punizione calciata direttamente in porta da Gentilucci, la cui paraola è male interpretata da Santu.

Primo Torneo TDEFFE “Giovani Promesse”: il resoconto delle semifinali

(in foto, la squadra del Trastevere)

Terminate anche le Semifinali svolte al Campo Paolo Valenti del Torneo Giovani Promesse e come da pronostico si sono rivelate due partite avvincenti dove il risultato sempre in bilico fra le quattro compagini ha fatto si che’ fino all’ultimo minuto aleggiasse l’ombra dei calci di rigore. La prima partita infatti vedeva imporsi Il Time Sport Garbatella per 2-1 nei confronti della Lupa Ostia Antica Calcio, e nella seconda partita Il Vis Aurelia per 1-0 nei confronti del Trastevere. Onore alle due squadre uscite sconfitte nel risultato ma non nell’impegno e nel gioco profuso e grande attesa per la Finalissima del 6 Gennaio ore 10:00 al campo “Paolo Valenti” della Polisportiva Forte Aurelio per l’assegnazione della Coppa “Giovani Promesse”.

SEMIFINALI:
Time Sport Garbatella – Ostia Antica Calcio: 2-1
Vis Aurelia – Trastevere: 1-0

FINALE:
Mercoledi’ 06 Gennaio 2016 ore 10:00

Campionato Primavera: i trionfi delle capitoline

Articolo apparso sul Nuovo Corriere Laziale del 16 novembre 2015

La storia del Campionato Primavera sorride alle compagini capitoline.
Nell’albo d’oro della competizione, infatti, Lazio e Roma occupano il secondo ed il terzo gradino del podio. Torino e Inter fanno la voce grossa, rispettivamente con 9 e 7 titoli. Prima di intraprendere il viaggio nella macchina del tempo, occorre ricordare l’origine di questa manifestazione.La creatura nacque nel lontano 1962 e per sette stagioni si svolsero due distinte competizioni per la Serie A e per la Serie B.

Lo strapotere del settentrione fu abbattuto soltanto nel 1972-1973. Mister Antonio Trebiciani, originario di Ostia, formò un roster sensazionale con un cospicuo gruppo di talenti. I nomi di Agostino Di Bartolomei, Bruno Conti e Francesco Rocca bastano per comprendere le potenzialità. Un’autentica corazzata che anche l’anno successivo bissò la vittoria. Contemporaneamente, sull’altra sponda del Tevere, la Lazio iniziò ad allestire una ‘cantera’ di tutto rispetto. A due anni di distanza dallo Scudetto di Chinaglia e Wilson con Tommaso Maestrelli in panchina, la Primavera esultò nella quattordicesima edizione. Al timone venne chiamato mister Paolo Carosi che forgiò alcuni ragazzi che diverranno poi protagonisti nel calcio dei professionisti. Bruno Giordano, Andrea Agostinelli e Lionello Manfredonia in particolare sono entrati nella memoria dei tifosi bianco-celesti. Il tricolore rispuntò all’ombra del Colosseo nel 1984.

Esattamente un anno dopo la festa scudetto della Prima Squadra di Falcao e Liedholm, i giovani calciatori giallorossi conquistarono il quarto alloro. Nella formazione guidata da Romeo Benetti, ex mediano lottatore, cresceva pian piano il futuro ‘Principe’ Giuseppe Giannini. Una rosa davvero competitiva rimpinguata da Fabrizio Di Mauro, Stefano Desideri, Stefano Impallomeni e Paolo Baldieri. La risposta dei cugini bianco-celesti giunse nella stagione 1986-1987.
La venticinquesima edizione vide primeggiare i ragazzi di Juan Carlos Morrone. Valerio Fiori, dal 2008 allenatore dei portieri del Milan, tra i pali. Alfonso Greco e Oberdan Biagioni a centrocampo. Il Tandem formato da Saurini e Rizzolo furoreggiò in attacco. La stella romanista tornò a brillare nel 1989-1990. Alla vigilia delle ‘notti magiche’, quelle del sogno mondiale svanito in semifinale contro l’Argentina di Maradona, la punta Roberto Muzzi trascinò i compagni all’apoteosi. Luciano Spinosi ricopriva il ruolo di tecnico in quel periodo.

Le potenze del Nord, Torino, Atalanta e Juventus nello specifico, monopolizzarono i successivi tornei dal 1991 al 1994. Intanto, nel marzo del 1992, l’imprenditore Sergio Cragnotti rilevò la presidenza della Lazio da Gian Marco Calleri. Gli ‘aquilotti’ si trasformarono in una corazzata imbottita di campioni affermati come Gascoigne, Signori, Nedved e Boksic. Nell’oasi bianco-celeste il vivaio cresceva in armonia. Agli ordini di Domenico Caso salirono alla ribalta ragazzi del calibro di Marco Di Vaio, Daniele Franceschini, Flavio Roma e Alessandro Iannuzzi. Il simbolo di quella compagine era senz’altro il difensore Alessandro Nesta. Ancora indelebili le emozioni vissute nel match di ritorno all’Olimpico vinto per 2-1 contro il Perugia. Nella stagione 2000-2001, in concomitanza con il centenario della sua nascita, la Lazio guidata da Alberto Bollini incamerò il quarto titolo.

L’esaltante cammino vide cadere nell’ordine la Roma (ottavi di finale), l’Atalanta (quarti di finale), il Bari (semifinale) ed il Pescara in Finale. Nella rosa di allora spiccarono Maurizio Domizzi, Giorgio Santarelli, Andrea Luciani ed Emanuele Berrettoni. La sponda giallorossa tornò al vertice nella stagioni 2004-2005 e 2010-2011. Alberto De Rossi, indiscusso allenatore della Primavera romanista, portò i suoi ragazzi sul tetto d’Italia. Alessio Cerci, Stefano Okaka, Aleandro Rosi, Daniele Corvia e Leandro Greco sono cresciuti sotto il controllo del padre di ‘capitan futuro’. Il leader della formazione del 2011 era Alessandro Florenzi che oggi è un elemento cardine in Prima Squadra. La carrellata termina con l’edizione del 2013. Il patron laziale Claudio Lotito richiamò Alberto Bollini al comando della Primavera con l’obiettivo di tornare ai gloriosi fasti. Dopo il primato del girone C in coabitazione con il Catania, Tounkara e soci parteciparono alla fase finale di Gubbio. Torino, Chievo Verona e Atalanta le vittime predestinate. Il calcio della ‘Città eterna’ può e deve ricominciare ad affermarsi, partendo proprio dall’ambito giovanile.

Alessandro Iacobelli

Vigili Urbani, la ripresa del campionato fa sorridere gli allievi. Piangono le altre categorie

Ripresa del campionato parzialmente positiva per i gruppi del Tobia; gli Juniores sprecano un’occasione importante

Dopo gli ultimi tre risultati utili consecutivi, il gruppo Juniores Elite chiude il girone d’andata con una sconfitta che fa male: un 2-1 sofferto nella tana del Tor Sapienza. Occhio ora alla Boreale, fresca di sorpasso al Vigili Urbani grazie al punticino rimediato con il Montespaccato, ed allo stesso Tor Sapienza, portatosi a -2. Un 2016 iniziato d’altro canto all’insegna della vittoria per gli Allievi Elite che, sconfiggendo per 1-0 il Sansa, recuperano terreno ai danni del Civitavecchia e della Vigor Perconti, vittime di un arresto improvviso. Dura batosta, invece, patita dai Giovanissimi Elite che, alla ripresa del campionato, vengono colpiti duramente dalla rivale Racing Club (6-1) e sorpassati dalla stessa. Necessario per loro uscire dalla crisi di risultati: la vittoria manca ormai dal 6 dicembre e le distanze in classifica sono sempre più consumate. Festa grande, tuttavia, per quanto riguarda gli Allievi Fascia B Elite, titolari di una fondamentale vittoria sul Tor di Quinto, attuale quarta forza del girone. Si tratta di tre punti pesanti, che consentono ai giallorossi di portarsi sopra il Fiano Romano. Missione fallita, di contro, dai Giovanissimi Fascia B Elite. La spedizione in casa dell’Ostiamare era delicata, complessa; ma la ricompensa in palio oltremodo golosa. Cade dunque il Vigili Urbani di Lapertosa, respinto con un secco 3-0.

Ufficio Stampa Vigili Urbani Calcio

Lo Sporting Tanas affonda sotto i colpi della Viterbese: finisce 1 a 3

Non esattamente ‘da sogno’ la prima del 2016 del Tanas: con una squadra parecchio rimaneggiata per le numerose assenze, Fatiga riceve una Viterbese addirittura diciassette punti sopra i suoi biancorossi. Serve un’impresa allo Sbardella ai padroni di casa, che quasi inaspettatamente partono meglio degli avversari, mettendoli alla corda nei primi cinque minuti di gara. Un predominio breve quanto intenso, quello del Tanas, che subito si sgretola quando Colagè sfiora l’incrocio su punizione. Il mancino del capitano è una chiamata alle armi per i neri, che prendono stabilmente possesso della metà campo avversaria. Nel duello fra capitani Colagè supera Mohamed, ma il diagonale mancino è troppo debole per sorprendere Bruni. Il gol, però, è nell’aria, e un retropassaggio avventato del Tanas si trasforma nel migliore degli assist per Dari, che piazza il destro del vantaggio calciando a terra di prima intenzione. Vantaggio legittimato e avvalorato cinque minuti dopo dalla Viterbese, col raddoppio che indirizza quasi irrimediabilmente la gara sui binari degli ospiti: gran traiettoria di Oriolesi che pizzica l’incrocio, Tadja tutto solo raccoglie e fa due a zero. Solo allora, sotto di due reti, il Tanas prova a rispondere con Morbidelli: il numero nove ci prova prima con un pallonetto, poi sfondando sulla sinistra, ma l’occasione più grande la guadagna al ventesimo, quando scappa in mezzo a due me mette a lato il diagonale col destro di fronte Torelli. La chiave tattica è chiara: linea difensiva del Tanas troppo bassa, che impedisce ai biancorossi di impostare efficacemente da dietro, permettendo allo stesso tempo il pressing alto della Viterbese, e un recupero palla già nella trequarti dei padroni di casa. Le sliding doors della ripresa di aprono al quinto: se il Tanas colpisce la traversa su una punizione di Siesto, la Viterbese – pochi minuti dopo – non perdona, e Dari sfrutta bene il filtrante di Colagè incrociando col sinistro il punto dello zero-tre. L’episodio che può riaprire la gara arriva dieci minuti dopo: rosso diretto per Tadja, in seguito alle proteste del numero nove per un fischio di Manzano, e Viterbese costretta in dieci. La superiorità numerica, tuttavia, sembra quasi non vedersi in campo, con la linea difensiva della squadra di Fatiga ancora troppo bassa. Il Tanas prova a riaprirla nel finale, con un gol da rapace d’area di Massenzi, ma è troppo tardi per tentare la clamorosa rimonta, nonostante i cinque di recupero assegnati dal direttore di gara.

IL TABELLINO

MARCATORI Dari (V), Todja (V), Dari (V), Massenzi (T)
SPORTING TANAS Bruni, Gutierrez, Ianiro, Mohamed (C) (32’ st Leoni), Ranieri, Cucaro (23’ st Rizzi), Sturba (25’ st Martina), Frasca (1’ st Siesto), Morbidelli, Tomassetti (11’ st Sardella), Lozzi (30’ st Massenzi)
ALLENATORE Fatiga
VITERBESE Torelli, Mancinelli, Pieri (29’ st Fabi), Oriolesi, Chiavarino (10’ st Picariello), Taglioni (21’ st Capati C.), Dari (16’ st Vergaro), Arcuri, Todja, Colagè (C) (29’ st Cuomo), Masini (25’ st Fornaroli)
PANCHINA Capati P. ALLENATORE Livi
ARBITRO Manzano di Roma 2
NOTE Ammoniti Morbidelli, Sardella; Espulso Tadja.
Rec. 0 pt – 5’ st

Luca Barbon

Sapio/Gallo: le parole dei due mister prima di Aprila-SaMaGor

Al via anche il 2016 dei Giovanissimi Provinciali. I ragazzi allenati dal duo Sapio/Gallo affronteranno nella prima domenica dell’anno il Samagor, squadra con 18 punti in classifica, gli stessi delle rondinelle. Vacanze di fine anno ridotte al minimo per i ragazzi del 2003 «ma se fosse per loro – confida mister Michele Sapio – non usciremmo mai dal campo di allenamento. A tre gare dalla fine del girone di andata devo ammettere che siamo un po’ indietro rispetto a ciò che mi aspettavo. Ma è chiaro che le responsabilità vanno equamente suddivise. Da parte dei ragazzi c’è stata inesperienza su alcune situazioni arbitrali, visto che sono alla prima stagione con un direttore di gara. Sta a noi tecnici fargli capire dove migliorare per non ricadere in errore e non perdere punti. Togliendo i tre pareggi consecutivi di novembre saremmo a lottare per le posizioni di vertice. E non va dimenticato che stiamo giocando sotto età». «Comunque stiamo crescendo – fa eco mister Alberico Gallo – anche nella lettura di alcune situazioni di gioco. Inoltre nella gara contro il Samagor, per la prima volta, avremo a disposizione tutta la rosa. Finora avevamo tre ragazzi che non avevano ancora compiuto l’età minima per partecipare al campionato, mentre ora potremo disporre di tutti i giocatori. Questo è certamente un aspetto positivo, anche se rimaniamo fortemente penalizzati dal punto di vista fisico».

Il fattore fisico è dall’inizio dell’anno il tallone di Achille delle giovani rondinelle. Un anno in più o in meno nella fascia di età compresa in questa categoria può significare molto, in termini di centimetri e chili. Un handicap a cui però i ragazzi guidati dai due tecnici stanno imparando a far fronte: «i ragazzi stanno interpretando bene la differenza che c’è tra loro e gli avversari – prosegue mister Sapio –: sanno che devono arrivare per primi sulla palla e si impegnano molto in allenamento per trovare soluzioni alternative all’uno contro uno in partita. Si tratta però di un percorso a tappe, non può essere completo a questo punto della stagione. Non è poi da trascurare l’impatto sulla fase difensiva di questa disparità di fisico. Quasi tutte le nostre avversarie hanno un attaccante già strutturato, intorno al metro e 80. Noi impostiamo il gioco prevalentemente sul possesso, agli altri basta un lancio lungo per metterci in difficoltà».

Ufficio Stampa F.C. Aprilia

Aprilia, il punto su Allievi e Giovanissimi Elite Fascia B

Il punto sugli Allievi Elite Fascia B

Il nuovo anno è appena iniziato, ma gli Allievi Regionali di Eccellenza fascia B non hanno molto tempo di festeggiare. Sabato 2 Gennaio, infatti, li attende lo scontro con l’Atletico 2000, terza forza del campionato. Per il tecnico Antonio Verardi si tratta di confermare la vittoria in casa della Romulea nell’ultimo impegno del 2015: «Il nostro percorso di crescita prevede di riuscire a raccogliere punti anche contro squadre più attrezzate di noi. Forse siamo un po’ in anticipo rispetto alla tabella di marcia che avevo in mente. Ma non va dimenticato che questi ragazzi sono stati in grado di interrompere il ciclo di vittorie consecutive del Carso, prima di arrivare al risultato contro la Romulea. Resto convinto della mia idea: se la squadra riesce ad esprimersi al massimo, se la può giocare con chiunque».

La gara arriva a ridosso delle festività, periodo che anche dal punto di vista scolastico lascia ai ragazzi maggiore libertà e maggiore spensieratezza. Ed il tecnico bianco-celeste ne è consapevole: «Ripartire dopo una settimana di stop non è semplice. La concentrazione delle ultime due gare va ritrovata al più presto, così come l’entusiasmo che ci ha spinti ad ottenere la vittoria nell’ultima giornata. Ci vuole ancora un po’ di tempo perché i ragazzi riescano ad assimilare appieno le mie idee (per Verardi quella con l’Atletico 2000 sarà solo la quarta partita alla guida dell’Aprilia). Le prestazioni, la crescita fisica e mentale di queste settimane mi lasciano comunque ben sperare. La crescita c’è stata, ora bisogna farla durare».

Il punto sui Giovanissimi Elite Fascia B

Neanche il tempo di poggiare il bicchiere di spumante che si riparte. I Giovanissimi Regionali di Eccellenza fascia B tornano in campo sabato 2 Gennaio per la trasferta in casa della Lodigiani. I ragazzi di mister Stefano Cappiello riprendono il loro cammino verso la salvezza dopo il pareggio nello scontro diretto contro il Cinecittà, arrivato nell’ultimo turno del 2015: «Siamo andati in vantaggio ed abbiamo avuto diverse occasioni per chiuderla. Poi però siamo rimasti in dieci, a causa di un intervento di Albanese che poi si è rivelato decisivo per non far segnare i nostri avversari. Ci teniamo il pareggio, anche se forse avremmo meritato qualcosa in più. Ma bisogna leggere tutti gli aspetti che hanno portato a questo risultato. Nella settimana che ha portato alla sfida con noi, il Cinecittà hanno inserito 4-5 elementi che hanno dato qualità e fisicità alla squadra. Siamo stati i primi ad affrontare questo “nuovo” Cinecittà, che in questo nuovo anno farà un campionato decisamente diverso a quello che è stato finora».

Il periodo natalizio non ha fermato i ragazzi nati nel 2002. La truppa è rimasta compatta ed unita, con tanto di amichevole l’ultimo dell’anno: «Abbiamo preparato la partita con la Lodigiani al meglio, anche se sappiamo che si tratta di una delle grandi del nostro girone. Li affronteremo con lo spirito giusto e con la voglia di sorprendere. È arrivato il tempo di osare: dobbiamo iniziare a rubare punti anche alle grandi, pur sapendo che non è una cosa facile».

L’ultimo pensiero di mister Cappiello va a all’ex-tecnico della prima squadra Mauro Fattori, esonerato lo scorso 27 dicembre e per molti anni responsabile del settore giovanile delle rondinelle: «Nel settore giovanile c’è rammarico per l’allontanamento di mister Fattori. A lui faccio i complimenti per quello che ha saputo fare, anche perché i nostri orari di allenamento ci permettevano di assistere in parte alle sedute da lui dirette e so quanto lavoro c’è stato dietro l’ottima salvezza dello scorso anno e dietro le prime gare di questa nuova stagione. Ci è dispiaciuto questo esonero e ci tengo ad augurargli le migliori fortune per il prosieguo della sua carriera».

Ufficio stampa

Memorial Porcelli: mercoledì le due semifinali

Conclusa è anche la 4° Giornata del IV° Memorial Porcelli, in corso di svolgimento sui campi del Grifone Monteverde. Vittoria per la Lupa Castelli Romani, per 3-0 sul Real Tor Sapienza. Tra Grifone Monteverde e Lazio è invece quest’ultima ad imporsi con un perentorio 0 – 4
Di seguito anche le classifiche finali dei due gironi.

1- S.S.Lazio 7 pti
2 – Grifone Monteverde 6
3- Lupa Castelli Romani 1
4- Real Tor Sapienza 0

GIRONE B – CLASSIFICA FINALE

1- Rapp. Cr Lazio 9pti
2- Frosinone 4
3- Fortitudo C. Roma 2
4- Viterbese 1

Questo il programma delle due semifinali:

MERCOLEDI’ 30 DICEMBRE 2015 SEMIFINALI

ORE 10,00 S.S.LAZIO – FROSINONE

ORE 11,30 C.R. LAZIO – GRIFONE MONTEVERDE