Archivi categoria: Serie A

José Luis Chilavert, “El Bulldog” del popolo paraguaiano

di Jean Philippe ZITO

Non ho mai mai segnato in un mondiale, questo è il mio vero rimpianto. Ne ho giocati due. Il secondo avendo per C.T. quell’allenatore italiano che aveva avuto pure un figlio in nazionale…Arriva il signor Maldini e mi affronta a muso duro, domanda se ho qualcosa contro un allenatore straniero? No, gli dico io. Meglio, fa lui, perché da oggi qui comando io. Ci tolse carne, zuppe, cocomeri e meloni. Disse che pasta e riso andavano meglio. La cosa peggiore fu che mi tolse pure le punizioni. I francesi si permisero addirittura di tenermi in panchina. Successe allo Strasburgo. Mi hanno pure dato sei mesi di carcere perché dicono che io abbia falsificato dei certificati medici per rescindere il contratto. Volevo solo andarmene di lì, ecco qual era il punto. Volevo tornare in un posto dove tutti fossero felici di avere con loro José Luis Chilavert”.

Continua la lettura di José Luis Chilavert, “El Bulldog” del popolo paraguaiano

Burdisso (DS Boca Juniors): “De Rossi mi darà una risposta la prossima settimana”

di Lorenzo Petrucci

(foto di © Gian Domenico SALE – www.photosportiva.it)

L’attuale direttore sportivo del Boca Juniors ed ex calciatore della Roma Nicolas Burdisso, intervenendo nella trasmissione “El show de Boca” ha parlato dei recenti rumors che vorrebbero l’ormai ex capitano giallorosso Daniele De Rossi vicino a vestire xenezes, ecco quanto detto dal dirigente argentino: “Mi darà una risposta la prossima settimana m non so fare una percentuale sul suo arrivo”.

Continua la lettura di Burdisso (DS Boca Juniors): “De Rossi mi darà una risposta la prossima settimana”

Serie A | Lazio-Bologna 3-3: tutti contenti, Mihajlovic salvo e festa per la Coppa Italia (FOTOGALLERY)

di Fabio BELLI

Il 20 maggio scorso aveva regalato lacrime e amarezza per un obiettivo svanito al fotofinish dopo una stagione super. Un’annata contraddittoria stavolta di 20 maggio regala invece festa, applausi e sorrisi. Per il Bologna, che Sinisa Mihajlovic ha traghettato alla salvezza dopo un campionato molto sofferto. Ma soprattutto per la Lazio di Inzaghi: poco importa se il campionato nell’appendice di Torino potrà regalare solo un settimo posto eventuale. La Coppa Italia esibita con orgoglio è il simbolo di un triennio prodigo di emozioni che tutti sperano possa continuare con una Lazio sì rafforzata, ma a partire dalla panchina anche ricca di conferme.

Continua la lettura di Serie A | Lazio-Bologna 3-3: tutti contenti, Mihajlovic salvo e festa per la Coppa Italia (FOTOGALLERY)

Coppa Italia, la finale | Atalanta-Lazio 0-2, Milinkovic e Correa firmano il settimo sigillo (FOTOGALLERY)

di Fabio BELLI (foto © Gian Domenico SALE)

Vittoria, parola dolce entrata nel vocabolario dei laziali una calda notte di aprile di 21 anni fa, e impressa ancora a fuoco in un maggio che sembra novembre. Ma i cuori non potrebbero essere più caldi: contro un’Atalanta forte, arrembante, fisicamente spumeggiante, la Lazio sfodera la partita perfetta. Tatticamente, per un Inzaghi che si toglie un Gran Sasso dalle scarpe, altro che brecciolino. E tecnicamente, con i migliori che si prendono una partita equilibrata e in cui, forse per la prima volta nella stagione, gli episodi non hanno pugnalato alle spalle la Lazio. L’hanno invece sospinta verso un meritatissimo trionfo di una settima Coppa Italia portata a casa dopo due vittorie a San Siro e uno scacco matto che Gasperini ricorderà a lungo. Mai quanto i Laziali che stanotte vivono l’ennesima favola. Vittoria, vittoria, vittoria, null’altro conta.

Continua la lettura di Coppa Italia, la finale | Atalanta-Lazio 0-2, Milinkovic e Correa firmano il settimo sigillo (FOTOGALLERY)

Vasilis Chadzipanagis, il talento che unì la Grecia al Kaftanzoglio

di Jean Philippe ZITO

A causa della mia età, non sono stato in grado di godermelo al meglio. Tuttavia ho parlato con molte persone che non vedevano l’ora che arrivasse la domenica, così da poter andare al “Kaftanzoglio”. Riuscì a unire i fan di tutte le squadre, dal nord al sud della Grecia. Tutti avevano una squadra preferita, ma, nello stesso tempo, erano desiderosi di vedere giocare l’Iraklis solo per lui. Quando guardavi Vasilis Chadzipanagis, non eri preparato per quello che sarebbe successo. In un decennio senza copertura televisiva delle partite di calcio e, ovviamente, senza YouTube, c’erano così tanti trucchi e abilità che il popolo greco non aveva mai visto prima. Fino a quando Chadzipanagis non è venuto a giocare per l’Iraklis e ce li ha mostrati.” Il giornalista sportivo Costas Bratsos ci riassume così, in poche righe, il talento calcistico del fantasista greco nato in Unione Sovietica.

Continua la lettura di Vasilis Chadzipanagis, il talento che unì la Grecia al Kaftanzoglio