Archivi categoria: Serie B

Emanuele Marino, il portiere classe 2000 ex Lazio e Latina, in rampa di lancio con l’Unicusano Ternana (FOTO)

di Lorenzo Petrucci

Tra i giovani portieri “millennials” che il calcio italiano può offrire c’è senza ombra di dubbio il  portiere classe 2000 Emanuele Marino dell’Unicusano Ternana.




Continua la lettura di Emanuele Marino, il portiere classe 2000 ex Lazio e Latina, in rampa di lancio con l’Unicusano Ternana (FOTO)

Frosinone 3-2 Bari, LE PAGELLE: Sammarco rigenerato, provvidenziale Bardi

di Andrea Pontone
Francesco BARDI 7 – Poco reattivo in occasione del primo gol barese, viene spiazzato dagli undici metri dopo aver commesso fallo su Floro Flores. Il resto della sua prestazione, però, lo consacra come uno dei migliori in campo: provvidenziale nel primo tempo su Brienza e Busellato, il suo slancio felino a fine ripresa neutralizza un’insidiosa conclusione di Basha. Decisivo.
Emanuele TERRANOVA 6+ – Svolge un compito silenzioso, ma efficace: ruvido e roccioso, fa della fisicità la sua forza. Rimedia anche ai vuoti non colmati da Matteo Ciofani. Ottimo senso della posizione.
Lorenzo ARIAUDO 6 – Spicca nella sua prestazione l’errore con cui si perde Improta nell’azione che porta all’1-1. Una svista dovuta all’arrembante velocità degli avversari in contropiede. Trova il modo di rifarsi nel prosieguo dell’incontro, dimostrando palla al piede di saper dettare le trame di gioco giallazzurre in fase di costruzione. Luka Krajnc 5,5 – Allontana le minacce avversarie senza badare allo stile, quando prende il possesso del pallone mette in luce una discreta visione di gioco. Ma c’è ancora qualcosa da migliorare: dalle sue parti si alimentano le scorribande dei pugliesi, difatti entrambe le azioni che portano al gol lo vedono fuori posizione.
Matteo CIOFANI 5,5 – Non riesce ad emergere come vorrebbe e potrebbe: in difesa concede poco o nulla, ma lì davanti pecca di precisione. Spreca visibilmente una ghiotta chance calciando male il pallone alla metà del primo tempo, nella ripresa viaggia con il freno a mano sulla destra e si propone con meno frequenza.
Roberto CRIVELLO 6+ – Preciso nelle chiusure sugli esterni, anche grazie al puntuale raddoppio di Sammarco. Accompagna anche in fase d’attacco, con continui cross che turbano gli animi dei difensori avversari. L’infortunio è ormai alle spalle.
Mirko GORI 6,5 – Il “Cobra” fa valere i muscoli ed esce vittorioso dal duello fisico con Basha. Cuce continue giocate in mezzo al campo, filtra palloni nel breve, recupera in copertura, si getta in continuazione nei contrasti, ispira al gioco e va anche alla conclusione. Centrocampista totale.
Raffaele MAIELLO 6+ – Longo si affida a lui per impostare il gioco da dietro in compartecipazione con Ariaudo. Il regista ciociaro mette in atto una prestazione di poca visibilità, ma sempre di grande aiuto alla manovra. Esce dal campo a metà della ripresa per un improvviso calo psicofisico. (dal 32’ s.t. Alessandro FRARA S.V.)
Paolo SAMMARCO 6,5 – Sta al suo posto, limita gli inserimenti e cura la fase difensiva. Sembra in procinto di strappare la solita e meritata sufficienza, quando all’improvviso si accende anche in avanti e sblocca il parziale: sfrutta una svista di Micai spedendo in rete il pallone. Tanto quanto basta per completare la rimonta giallazzurra, e portare i suoi in vetta.
Camillo CIANO 6+ – In crescita evidente, ha già una solida intesa con Daniel Ciofani al fianco del quale da martedì tornerà anche Dionisi. Si muove bene in campo, migliora in fase di pressing ed ha anche il merito di indurre Cassani all’autorete pennellando per il centro dell’area. Buona prova. (dal 39’ s.t. Nicola CITRO 5,5 – Entra subito nel vivo dell’azione, inserendosi bene e cogliendo di sorpresa la retroguardia barese. Pecca, però, nell’ultimo tocco: a tu per tu con Micai spreca un importante match point che avrebbe potuto chiuderla prima. Non è ancora al top della forma)
Daniel CIOFANI 6,5 – Il bomber ciociaro non perde il vizio, e dopo l’eurogol di Pescara timbra il cartellino anche contro il Bari. Ha una voglia matta e questo lo induce a lottare su ogni pallone, dal primo all’ultimo minuto.
Moreno LONGO 7 – Tre vittorie e un pareggio: l’avvio di campionato del suo Frosinone è a dir poco convincente, considerando le pesanti assenze di Soddimo e Dionisi, l’handicap dello stadio non ancora ultimato e l’appeal degli avversari (due scontri diretti su quattro). La vittoria contro il Bari è senz’altro incoraggiante, calcolando il primato in classifica e i buoni propositi messi in luce anche sul piano del gioco. Adesso la settimana decisiva: due trasferte (Ascoli e Perugia), prima dell’ingresso al ‘Benito Stirpe’. Per confermare quanto di buono messo in mostra in questo avvio…