Stefano Greco, il giovane portiere della Roma Primavera alla prima chiamata con i grandi

di Lorenzo Petrucci

(foto di © Gian Domenico SALE – www.photosportiva.it)

 

greco2Serata di festeggiamenti lunedì allo Stadio Olimpico non solo per la Roma vincitrice contro il Milan  ma anche per uno dei convocati, il giovane portiere della Primavera Stefano Greco alla prima chiamata con “i grandi”.
Greco, classe ’99, nato a Galatina in Puglia convocato più volte con la Nazione Under di categoria gioca con la maglia della Roma dal 2013 quando a scovarlo fu Bruno Conti tra le file del Lecce conquistando con i colori giallorossi uno scudetto con i Giovanissimi Nazionali tre anni fa.
Per il portiere, la partita contro il Milan non la dimenticherà facilmente, avendo potuto essere per la prima volta tra i convocati di Spalletti e niente di meglio che farlo in una partita importante davanti a quaranta mila spettatori. Se il Milan ha come portiere titolare un altro classe ’99, Donnarumma, anche la Roma spera di avere in casa il numero uno del futuro.greco-3

Serie A, Roma-Milan 1-0, decide Nainggolan che regala il solitario secondo posto ai giallorossi

di Lorenzo Petrucci

(foto di © Gian Domenico SALE – www.photosportiva.it)

 

Che sarebbe stata una partita importante lo si diceva da settimane, una partita che avrebbe secondo molti nominato chi fosse stata la vera anti-Juventus, con la vittoria finale che va alla Roma per uno a zero grazie alla rete di Nainggolan al quarto d’ora della ripresa che regala il successo alla formazione giallorossa e il secondo posto solitario.
Una vittoria meritata per la Roma che nei 90’ minuti di gioco ha provato a fare maggiormente la partita, per poi trovare un successo che permette di presentarsi al meglio al big match di sabato prossimo proprio contro la Juventus.
esultanzaLe intenzioni della Roma sono subito chiare, sfiorando il vantaggio dopo nemmeno due minuti di gioco con Nainggolan che lanciato in contropiede arriva al limite dell’area di rigore del Milan e appoggia a Dzeko, l’attaccante bosniaco che non ci pensa due volte a calciare in porta e con una potente quanto precisa conclusione scalda subito i guantoni a un attento Donnarumma posizionato sul primo palo.
Il Milan, in questa parte iniziale, pensa più a difendersi che ad attaccare ma poco dopo il quarto d’ora ha la sua prima occasione con Niang che parte in velocità, appoggia a Suso con lo spagnolo che cerca il passaggio filtrante in mezzo per Lapadula che però non trova il tempo giusto per indirizzare il pallone, con Szczesny che fa sua la presa.
La Roma sembra giocare meglio, con una manovra offensiva elaborata che tiene non poco impegnata la retroguardia rossonera, nonostante questo però è il Milan a passare più vicino al vantaggio. Al 26’ Lapadula scappa alla marcatura di Manolas e in area giallorossa viene atterrato da Szczesny con l’arbitro che fischia il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Niang che non calcia nel migliore dei modi alla sinistra del portiere con Szczesny che intuisce e tra gli applausi del pubblico devia in angolo.
La Roma si rivede poco oltre la mezz’ora, Rudiger dalla difesa lancia Dzeko che da posizione defilata calcia in diagonale col pallone che sfila di poco a lato. Poco prima dell’intervallo giallorossi che devono sopperire all’infortunio di Peres, uscito in barella, al suo posto entra l’ex di turno El Shaarawy.infortunio-peres
Nel secondo tempo, la partita non sembra mutare molto rispetto alla prima frazione, con un ritmo non particolarmente alto e poche azioni da entrambe le parti, ma al quarto d’ora ci pensa Nainggolan che, dopo la marcatura nel derby, trova ancora il gol con un bel tiro di sinistro dal limite che non lascia scampo a Donnarumma per l’uno a zero.
Roma che, dopo il gol, trova anche maggiore spinta offensiva, con gli esterni d’attacco che costringono i difensori rossoneri spesso agli straordinari. E’ proprio, al 35’st, su un errore di uno dei due centrali del Milan, Paletta, che la Roma sfiora il raddoppio, con Dzeko che ne approfitta e cerca l’angolo basso con Donnarumma attento a rifugiarsi in angolo.
Si chiude così, uno a zero per la Roma che stacca il Milan al secondo posto portandosi a meno quattro dalla Juventus, con la sfida di sabato prossimo a Torino che si preannuncia di importanza assoluta.

 

SERIE A

IL TABELLINO

ROMA – MILAN 1 – 0

MARCATORI 17’st Nainggolan
ROMA Szczesny, Rudiger, Manolas, Fazio, Emerson, De Rossi (C), Strootman, Peres (42’st El Shaarawy), Nainggolan, Perotti, Dzeko PANCHINA Alisson, Greco, Seck, Jesus, Vermaelen, Rui, Spinozzi, Gerson, Iturbe ALLENATORE Spalletti
MILAN Donnarumma, Abate (C), Paletta, Romagnoli, De Sciglio, Pasalic (39’st Honda), Locatelli, Bertolacci (21’st Fernandez), Suso, Lapadula (27’st Luiz Adriano), Niang PANCHINA Gabriel, Plizzari, Gomez, Antonelli, Zapata, Poli, Vangioni, Sosa, Ely ALLENATORE Montella
ARBITRO Mazzoleni di Bergamo
ASSISSTENTI Meli – Barbirati
QUARTO UFFICIALE Di Fiore di Aosta
ARBITRI ADDIZIONALI D’AREA Celi – Rizzoli
NOTE Ammoniti al 18’pt Pasalic (M), al 33’st Paletta (M) Angoli 6 -2 Rec. 3’pt – 3’st.

SuperLega: l’Azimut Modena passa senza patemi a Sora

I campioni d’Italia in carica passano al ‘PalaGlobo Luca Polsinelli’. L’Azimut Modena vince infatti 3-0 sulla Biosì Indexa Sora.

Un ritorno al passato per il libero Rossini, grande ex di turno. Gli spalti dell’impianto ciociaro si riempiono con più di 1700 spettatori. I ragazzi di coach Piazza spolverano subito colpi d’alta scuola.

I parziali del primo set lasciano ai padroni di casa soltanto le briciole (5-8; 11-16; 13-21). Earvin Ngapeth alterna percentuali da sogno in ricezione e in zona offensiva. Discorso identico per l’argentino Santiago Orduna e Jacopo Massari.

Coach Bagnoli prova a rivitalizzare i suoi uomini durante i momenti time-out, ma l’avversario odierno dimostra la superiorità pronosticata alla vigilia. Il marchio francese è inconfondibile Ngapeth e Le Roux furoreggiano con il 60% nelle giocate d’attacco. La difesa sorana si lascia sorprendere con troppa facilità dagli avversari, certamente smaliziati ed esperti a certi livelli.

Nel secondo set, tranne nel primo parziale, il resto della trama è di marca ospite. Si va quindi sullo 0-2. Nell’ultima ripresa si destreggia con brillantezza anche Luca Vettori con punti assolutamente decisivi. Ottimo il supporto di Piano nei primi tempi. L’acuto finale è della stella Ngapeth che archivia la pratica sul 18-25.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Volley – SuperLega

Biosì Indexa Sora – Azimut Modena 0-3 (17-25, 16-25, 18-25)

Biosì Indexa Sora: Marrazzo, Corsetti, Gotsev, Tiozzo, Lucarelli, Santucci, Kalinin, Rosso, Mattei, Seganov, Mauti, Sperandio, Miskevich, De Marchi. Allenatore: Bagnoli.

Azimut Modena: Petric, Orduna, Massari, Rossini, Ngapeth Swan, Ngpeth Earvin, Le Roux, Piano, Holt, Onwuelo, Salsi, Vettori. Allenatore: Piazza.

Arbitri: Venturi Giuliano, Cesare Stefano.

Note                         

Spettatori: 1702..

Incasso: € 15.300,01.

 

Alessandro Iacobelli

Foto di Matteo Ricci

 

Europa League, in Romania regna l’equilibrio, tra Astra Giurgiu e Roma finisce 0-0

di Lorenzo Petrucci

(foto di © Gian Domenico SALE – www.photosportiva.it)

 

Termina senza molte emozioni l’ultima giornata del girone eliminatorio dell’Europa League per la Roma, con uno scialbo zero a zero contro l’Astra Giurgiu. Un pareggio che alla fine fa felici entrambe le squadre: la Roma, già qualificata come prima con 90′ minuti di anticipo chiude il raggruppamento con tre vittorie e tre pareggi e la formazione romena che invece si qualifica al turno successivo come seconda.
Col primo posto già in cascina, Spalletti opta per una “Roma B”, schierando chi in questa parte di stagione ha giocato meno come Vermaelen, Seck, Gerson e Iturbe. Seconde linee giallorosse che non riescono però a dare vita a una partita particolarmente accesa, perché a Bucarest si è assistito a un incontro giocato a ritmo abbastanza blando, dove è regnato l’equilibrio e la partita ha stentato a decollare, con poche occasioni da entrambe le parti e con i portieri che hanno vissuto una giornata tranquilla.
Dopo una fase iniziale di studio, sono i padroni di casa che provano a prendere le redini dell’incontro, ma le occasioni più pericolose di questa prima parte di gara sono a tinte giallorosse, con Totti, Iturbe e Gerson che cercano, senza però riuscirci, ad impensierire il portiere Lung. Il primo tempo quindi passa senza particolari sussulti fino allo scadere quando Alibec dalla distanza cerca e trova lo specchio della porta, con Alisson attento che non si lascia sorprendere.
Anche nel secondo tempo le emozioni non sembrano crescere, con la Roma che conduce la partita e l’Astra che si affaccia in avanti ma in maniera poco pericoloso. Al 20’st Alibec, uno dei più pericolosi della gara, con l’ex Inter che impegna ancora una volta Alisson che si oppone e allontana il pericolo. Roma che invece sfiora il gol negli sgoccioli di partita col neo entrato Dzeko, il bosniaco su azione di calcio d’angolo prova ad indirizzare di testa il pallone che finisce di poco alto.
Quasi allo scadere, in pieno recupero, ha un’occasione anche Iturbe ma spreca sparando alto dal cuore dell’area di rigore avversaria. Cala così il sipario su un incontro in particolarmente emozionante con Roma ed Astra Giurgiu che strappano entrambe il pass per la fase ad eliminazione diretta.

 

IL TABELLINO

ASTRA GIURGIU – ROMA 0 – 0
ASTRA GIURGIU Lung, Stan, Oros, Sapunaru, Fabricio (27’st Florea), Nicoara, Seto, Lovin, Filipe Teixeira, Budescu (43’st Boubacar), Alibec (45’st Niculae) PANCHINA Gavrilas, Moise, Ionita, Gheorghe ALLENATORE Sumudica.

ROMA Alisson, Bruno Peres, Vermaelen, Juan Jesus, Seck, Emerson (44’stMarchizza), Strootman (25’st Nainggolan), Gerson, Iturbe, Totti, El Shaarawy (25’st Dzeko) PANCHINA Szczesny, De Santis, Franchi, Frattesi ALLENATORE Spalletti
ARBITRO Gocek (Tur)
NOTE Ammoniti Lovin e Boubacar, Alibec Rec. 1’pt – 4’st.

Nella Valle di Comino una scuola di perfezionamento individuale per i campioni in erba

di Ivana NOTARANGELO

Diventare un calciatore è il sogno nel cassetto di molti bambini che, cresciuti nel mito di Alessandro Del Piero, Roberto Baggio, Francesco Totti (solo per citare alcuni tra i campioni più illustri del nostro calcio), desiderano raggiungere le vette del successo e vedere il loro nome scritto sulle pagine di tutti i giornali, proprio come i loro idoli.

La scalata al successo, però, richiede impegno, sacrificio, determinazione, un pizzico di fortuna e soprattutto molto, molto impegno negli allenamenti quotidiani.

Proprio per questo motivo, Cristian Vettraino, portiere del Casalvieri (compagine militante nel Campionato di Prima Categoria – Girone H), con la collaborazione di Maurizio Silvestri e la sua Scuola “1 contro 1”, Fabrizio Forletta (Responsabile del Settore Giovanile del Broccostella) e Stefano Cedrone (allenatore del San Donato Valle di Comino, squadra che milita nel Campionato di Seconda Categoria) hanno dato il via ad un’interessante iniziativa: una scuola di perfezionamento, attraverso lezioni individuali, per bambini e ragazzi impegnati con il calcio e nella fascia di età compresa tra i sei e i sedici anni.

Il progetto si svolge attraverso uno stage ed ha avuto inizio nel corso dell’estate 2016; ha visto coinvolti tutti i ragazzi della Valle di Comino e i primi risultati sono stati davvero incoraggianti. Infatti, i partecipanti hanno mostrato progressi e miglioramenti significativi già nel corso del primo giorno di stage.

Broccostella è stato il primo paese in cui lo stage è stato effettuato, grazie al supporto di Fabrizio Forletta, seguito da San Donato Valcomino, attraverso la collaborazione di Davide Pesce (Responsabile del Settore Giovanile del San Donato Sport Is Life).

Durante gli allenamenti più specifici e particolari, si fa uso della “paretina” inclinata, uno strumento davvero fondamentale e che aiuta il ragazzo nella sua crescita tecnica.

Visti i risultati ottenuti, i tre promotori intendono estendere il progetto in tutto il Basso Lazio, con il supporto ed il sostegno delle varie scuole calcio e dei loro allenatori.

Infatti, la scuola di perfezionamento della tecnica individuale non mira ad entrare in competizione con le scuole calcio, ma a collaborare con le stesse, al fine di realizzare un binomio vincente e di successo, permettendo ai ragazzi di compiere un vero e proprio “salto di qualità”.

Dopo i primi “esperimenti” estivi, lo staff ha intenzione di proseguire il suo “viaggio” tra i piccoli paesi della zona (Belmonte Castello, Casalattico, San Donato, Alvito e tutti i paesi situati della Valle di Comino) e diffondere la scuola, organizzando stage di perfezionamento di tecnica individuale.

E chissà se un giorno questi piccoli campioni in erba non si trovino a calcare i palcoscenici più importanti del calcio che conta!

Tor di Quinto, giovedì 22 dicembre il Memorial Paolo Testa

Giovedì 22 dicembre, presso la sede del Tor di Quinto calcio si terrà il Memorial Paolo Testa, giunto alla sua quinta edizione.
L’evento, organizzato dalla società del Presidente Massimo Testa per ricordare il figlio Paolo, per quest’anno vedrà contendersi il trofeo finale la Juniores del Tor di Quinto e la Primavera del Frosinone. Fischio d’inizio ore 14:30, via del Baiardo 25.

Morolo Calcio: la nuova dirigenza si presenta verso un futuro roseo

Per il Morolo si apre una nuova epoca. La pagina gloriosa targata Angelo Costantini ormai appartiene al passato. Il sodalizio biancorosso toglie il velo sull’assetto societario con la nomina delle cariche dirigenziali.

Un gruppo di soci coeso e determinato. Tutte le decisioni dovranno essere stabilite dopo ampie discussioni collettive. Il ruolo di Presidente verrà ricoperto, a rotazione per un anno, da ogni socio. La dirigenza è aperta e disponibile per eventuali soggetti intenzionati ad entrare nella struttura societaria. Ovviamente i candidati all’ingresso dovranno rispettare fondamentali parametri basati sulla serietà e sulla reale volontà di operare solo per il bene del Morolo Calcio.

La parte strettamente tecnica, dalla Scuola Calcio alla Prima Squadra, sarà monitorata dal Direttore Sportivo Francesco Pistolesi.

2-logo-asd-morolo-calcio-1966

 

Ecco dunque l’organigramma societario dell’ASD Morolo Calcio 1966:

  • Presidente – Carmine Pagliuso
  • Vice Presidente – Guido Costantini
  • Direttore Sportivo – Francesco Pistolesi
  • Team Manager – Angelo Ricci
  • Consiglieri: Roberto Alteri, Adriano Capuano (cassiere), Patrizio Martini, Lelio Martini, Nicola Quattrini.
  • Responsabile area medica – Gino Molinari.
  • Dirigente accompagnatore – Enzo Schiavi.

 

La Ciociarissima 2017: giovedì 15 cerimonia al Comune di Sora con la consegna delle maglie del ‘Trentennale’

Giovedì 15 dicembre alle ore 17, presso la Sala Consiliare del Comune di Sora, si terrà la cerimonia celebrativa del ‘Trentennale’ de ‘La Ciociarissima’ con la consegna delle 34 maglie a tiratura limitata.

La commissione dell’Associazione Sportiva Ciclisti Sorani, dopo minuziose valutazioni, rende nota la lista dei premiati. Verranno quindi donate le maglie a figure che si sono particolarmente distinte nell’ambito istituzionale, sportivo, culturale ed imprenditoriale.

logo-as-ciclisti-sorani

Ecco dunque l’elenco dei prescelti:

  • Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli
  • Vescovo di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo Mons. Gerardo Antonazzo
  • Sindaco di Sora Roberto De Donatis
  • Assessore allo Sport di Sora Stefano Lucarelli
  • Assessore alla cultura di Sora Sandro Gemmitti
  • Consigliere Comunale delegata alle Pari Opportunità di Sora Serena Petricca
  • Associazione Iniziativa Donne
  • Alberto La Rocca (Delta Costruzioni)
  • Onorio Ianni (O&O New Auto srl)
  • Acqua Filette
  • Guglielmo Esposito (Brasilera)
  • Gaetano Berardi (Lucarelli Expert)
  • Massimo Viscogliosi (Ristorante Mingone)
  • Claudio De Angelis (BCC Roma)
  • Renato Vicini (Casa Musicale Vicini)
  • Rocco Spalvieri (Spalvieri Oro&Ora)
  • Arken
  • Bruno Bruni (Bruni Cucine)
  • Angelo Di Mario (Tartufi Talia)
  • Vincenzo Facchini (VF)
  • Tony Vernile
  • Marcella Petricca (Istituto Comprensivo 3)
  • Dino Giovannone (Istituto Comprensivo 2)
  • Rosella Pozzuoli (Istituto Comprensivo 1)
  • San Paolo della Croce Sora
  • Tiziana Di Vito
  • Monica Lupi
  • Compagnia Teatrale ‘Riccardo Gulia’
  • Luca Rea
  • Matteo Ricci
  • Fabrizio Bove
  • Peppino Chech

Ufficio Stampa Associazione Sportiva Ciclisti Sorani

Mercato Tor di Quinto, tesserato l’attaccante classe ’98 ex Aprilia e Lupa Roma Fofi

 

Il Tor di Quinto rafforza la rosa della propria formazione Juniores prelevando dall’Aprilia Flavio Fofi. Rapido attaccante classe ’98 dotato anche di un piede molto educato sarà un importante elemento a disposizione dell’allenatore della Juniores Valentino Vergari.
Fofi con un passato anche tra le file della Lupa Roma con la maglia degli Allievi Nazionali sbarca a Via del Baiardo prendendo il posto di Alexandre Iacobucci fermo ai box per un infortunio che gli impedirà di scendere in campo per diverso tempo.

Morolo Calcio: Lleshi e Malaj convocati dalla Rappresentativa dell’Albania

La ‘cantera’ del Morolo sforna talenti in continuazione. Le ultime due perle rispondono ai nomi di Ernesto Lleshi e Amarildo Malaj.

Il primo (classe 1999) è un punto cardine della compagine Juniores Elite, mentre il secondo (classe 2000) furoreggia negli Allievi Regionali guidati da mister Marasca.

Ernesto Lleshi (foto Ricci)
Ernesto Lleshi (foto Ricci)

 

Entrambi i calciatori sono stati convocati dalla Rappresentativa dell’Albania per uno stage in quel di Perugia con la prospettiva di formare una squadra nazionale dilettantistica.

Amarildo Malaj
Amarildo Malaj

 

Trova nuovamente conferma quindi il minuzioso lavoro della società lepina improntata verso la crescita oculata del proprio Settore Giovanile con tecnici qualificati e programmazione totale nei minimi dettagli.

Foto Matteo Ricci

Il sito della testata che segue lo sport giovanile e dilettantistico della regione Lazio.