Archivi tag: campionato

Eccellenza: Vigor Perconti 2-2 Audace: Pagni salva i blaugrana in extremis

Di Paride Roncaglia

Il Vigor Sporting Center di Roma, domenica mattina, è stato teatro dell’avvincente match tra la Vigor Perconti di mister Bellinati e l’Audace del tecnico Di Rocco.
Dopo la prima giornata le squadre cercavano il riscatto vista la sconfitta nella sfida d’esordio: i blaugrana erano stati battuti per 2-0 dall’Insieme Ausonia, mentre l’Audace aveva capitolato con il Grifone Gialloverde tra le mura amiche.

Partita da subito intensa. Al 12’ la prima vera occasione capita sui piedi di Fortunato dell’Audace, ed è una situazione veramente clamorosa. Il 10 ospite viene imbeccato sul secondo palo da Nanni autore di una bella discesa sulla destra. Fortunato, con un buon controllo fa fuori il diretto avversario, ma a pochi metri dalla porta non la trova, mandando incredibilmente a lato. Primi 20’ più Audace che Vigor.
Al 28’ però grandissima prima occasione anche per la Vigor con Ippoliti. Il 10 blaugrana viene lanciato a rete da Pagni. Arrivato a tu per tu con l’estremo difensore Peri tenta di batterlo con un piazzato sul secondo palo, ma lo stesso portiere Audace tocca quel tanto che basta per mandare in angolo.
Al 34’ Fortunato si rifà decisamente dall’occasione sbagliata nei primi minuti. Il fantasista dell’Audace riceve il pallone a centrocampo salta due uomini e calcia da 35 metri trovando l’incrocio dei pali della porta difesa da Trinchera che nulla può. La compagine di mister Di Rocco passa in vantaggio con un autentico eurogol.
La Vigor reagisce e crea due occasioni consecutive prima con Igliozzi e poi su punizione con Carnevali. In entrambe le occasioni attentissimo a respingere Peri. Si va così al riposo con gli ospiti in vantaggio.

La ripresa ricomincia ad alto ritmo. Al 5’ doppia occasione per la Vigor non sfruttata. Prima un due contro il portiere neutralizzato da Peri. Poi, sul seguente angolo a pochi metri dalla porta una mischia che si risolve in un tiro alto sopra la traversa. Al 12’ ancora occasione Vigor con il colpo di testa di Di Paolo su angolo di Carnevali. Palla di poco alta sopra la traversa. La Vigor spinge, ma al 13’ è l’Audace a trovare il 2-0 ancora con Fortunato. Il mattatore di giornata rimane freddo davanti a Trinchera e lo batte sul secondo palo. Nell’occasione fantastico il suggerimento di Nanni in profondità. La Vigor sembra tramortita, ma mister Bellinati non ci sta ed effettua numerosi cambi per tentare di ribaltare le sorti del match. L’Audace sembra comunque in totale controllo e vicina all’obiettivo tre punti. Al 41’, all’improvviso, accorcia le distanze la Vigor con Arduini che, sulla destra, salta il diretto avversario, entra in area e calciando di punta fa secco Peri in uscita. La partita si riaccende clamorosamente, diventa nervosa e porta all’espulsione prima di Dovidio e Pasqualini per la Vigor, con quest’ultimo dalla panchina dopo essere stato sostiuito, e poi di Battaglini per gli ospiti. L’Audace non riesce a gestire, a tenere alto il pallone e soprattutto spreca qualche contropiede di troppo. Al 48’, quando sembra comunque ormai fatta, arriva il pareggio della Vigor Perconti con Pagni. Il numero 9, sotto porta, mette dentro dopo la corta respinta della difesa. Nell’occasione ancora decisivo Arduini che con un’azione sulla destra, simile a quella del 1-2, semina il panico e permette ai suoi di acciuffare il pareggio in extremis.

Al triplice fischio del direttore di gara è 2-2, con entrambe le squadre costrette a rimandare l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.

TABELLINO

Vigor Perconti 2-2 Audace
Marcatori: Fortunato 34’ pt e 13’ st (A), Arduini 41’ st (VP), Pagni 48’ st (VP)

Vigor Perconti: Trinchera, Pastorelli(Bellardini 28’ st), Di Paolo, Caccia(La Posta 15’ st), Carnevali, Dovidio, Arduini, Igliozzi(Brighi 31’ st), Pagni, Ippoliti(Rante 15’ st), Pasqualini(Venutolo 8’ st). Panchina: La Rovere, Mannarelli, De Angelis, Bocchini.

Allenatore: Francesco Bellinati

Audace: Peri, Falcone, Giordano(Battaglini 34’ st), Boschi, Alongi, Benedetti, Nanni(Tagliabue 21’ st), Colaneri, Marchionni(Di Gioacchino 43’ st), Fortunato, Denni(Dioletta 36’ st). Panchina: Giuliani, Cellitti, Hoxha, Gasperini.

Allenatore: Marco Di Rocco

Arbitro: Bosco di Ostia
1°assistente: Caputo di Latina
2°assistente: Fontana di Latina

NOTE: Angoli 9-2 Rec. 0‘pt – 5‘st Ammoniti: Pasqualini, Igliozzi, Colaneri, Arduini, Pagni. Espulsi: Al 38’ st Dovidio e Pasqualini(dalla panchina), al 43’ st Battaglini.

Giovanissimi Regionali FB | Tor Sapienza 0-1 Petriana Calcio: i gialloblu conquistano salvezza aritmetica e quinto posto. Padroni di casa all’ultima spiaggia

di Paride Roncaglia

Al comunale Alberini, a quattro giornate dalla fine, si gioca uno scontro importante per la salvezza. La squadra di casa, il Tor Sapienza allenato da mister Di Marzio, in cerca di punti per sperare ancora nella rincorsa al Cynthia, prima squadra salva e distante 4 punti. La Petriana, dall’altra parte, aveva bisogno di un solo punto per la certezza matematica di mantenere la categoria e una vittoria l’avrebbe addirittura portata tra le prime 5 forze del girone.

Il match comincia a ritmi lenti per via del grande caldo. Al 8’ Fontanella si procura una punizione dal limite. Calcia a giro dai 20 metri Sciarretta che da tanto effetto ma poca potenza, così da essere facile la presa di Bevilacqua. Il Tor Sapienza prova ad attaccare, la Petriana attende e tenta di giocare in ripartenza. Al 15’ proprio la Petriana in avanti con un’azione di contropiede insistita e conclusa da sinistra con Langone. Bella botta, ma palla alta sopra la traversa. Al 31’ bellissimo lancio in profondità di Fontanella per il numero 7 Betti che tenta di raggiungere il pallone prima del diretto avversario. La conclusione però parte debole e anche se da posizione ravvicinata, diventa facile preda per Bevilacqua. Nel finale di tempo la Petriana reclama un rigore, apparso abbastanza netto, per fallo in area di rigore su Terribile. Il direttore di gara non è però dello stesso avviso.

Nella ripresa Di Tella effettua qualche cambio e prova dare un nuovo assetto ai suoi. Al 5’ ci prova Romani sempre dalla distanza per la Petriana. Blocca centralmente Aquilini. Il vantaggio degli ospiti arriva al minuto 8. Su un punizione calciata da Lauri il pallone viene respinto al limite dell’area dalla difesa. Fantastica giocata di Laureti che controlla bene il pallone e imbuca per Santoro. Il numero 8 riesce a rimanere in posizione regolare, a sistemarsi il pallone e a calciare forte sotto la traversa. Grande esultanza da parte dei giocatori gialloblu e dei numerosi genitori al seguito. Il Tor Sapienza ha un assoluto bisogno di prendere punti e così reagisce. Al 17’ una grandissima occasione con Betti. Tutto nasce da una grande azione in solitaria di Sciarretta, forse il migliore dei suoi, che dribbla due avversari e imbuca per il suo compagno. Betti si presenta davanti a Bevilacqua, pensa solo a calciare forte e mette sull’esterno della rete. Al 29’ altra occasione ai limiti del clamoroso per il Tor Sapienza prima con Betti in una super azione personale, poi con Gammaitoni, entrato nella ripresa, praticamente a botta sicura a porta vuota. Il portiere Bevilacqua, con un riflesso pazzesco, e Figliolia sulla riga salvano la porta della Petriana. I ragazzi di mister Di Marzio ci provano fino all’ultimo, ma la Petriana resiste e tiene botta conquistandosi l’ultima occasione del match: al 38’ punizione di Lauri dalla lunghissima distanza con il pallone che prende una strana traiettoria e costringe al grande intervento Aquilini, il quale toglie il pallone quasi dall’incrocio dei pali. Sul seguente angolo l’arbitro decreta la fine dei giochi: la Petriana fra i grandi, il Tor Sapienza all’ultima spiaggia con gli ultimi 240 minuti decisivi per le sorti dei gialloverdi.

TABELLINO GARA

Tor Sapienza 0-1 Petriana Calcio

Marcatori: Santoro 8’ st (PC)

Tor Sapienza: Aquilini, Nanni(Gammaitoni 30’ st), Sciarretta(Felici 18’ st), Valeri, Arzilli, Alosi, Betti, Fontanella, Gosti(Piscedda 23’ pt), Mita, Cesarei. Panchina: Giovazzi, Castellani, Tolli, De Angelis.

Allenatore: Daniele Di Marzio

Petriana Calcio: Bevilacqua(Mearini 35’ st), Terribile(Tonnicchia 24’ st), De Mutiis(Figliolia 9’ st), Romani(Ambrosio 7’ st), Lauri, Bonichini, Mastropietro, Santoro, Besanzoni(Allegrini 1’ st), Laureti, Langone(Sagripanti 1’ st).

Allenatore: Emiliano Di Tella

Arbitro: Bevilacqua di Roma 2

NOTE: Angoli 3-3 Rec. 2’ pt – 3’ st Ammoniti: Mastropietro, Santoro

Juniores Regionali FB | Neorizon Acquacetosa 2-2 Petriana Calcio: rimandato il discorso per il titolo

Di Paride Roncaglia

Sfida d’alta classifica per l’ultima giornata del campionato Juniores Regionale FB tra Neorizon Acquacetosa e Petriana Calcio. I padroni di casa con poche speranze di vittoria nel girone, ma già certi dei play-off. Per loro, oltre che conquistare i tre punti, era necessaria la sconfitta del Palocco sul campo del Nuova Milvia. La Petriana di De Baggis aveva, invece, il destino nelle sue mani perché con una vittoria avrebbe conquistato il titolo senza dover badare al risultato del Palocco.

Sono proprio gli ospiti a iniziare il match con atteggiamento aggressivo e determinato per cercare di trovare il vantaggio. Al 4’ minuto si fa pericoloso il solito Montesi, difensore centrale abilissimo negli inserimenti in area di rigore, con il marchio di fabbrica del colpo di testa. Palla alta di pochissimo che fornisce anche la sensazione della rete per i tifosi presenti. Al 17’ arriva il vantaggio dei ragazzi gialloblu con la rete di Botoc. Gentili recupera palla con un bel break a centrocampo e vedendo il movimento in verticale di Botoc lo serve con un passaggio millimetrico. Il numero 9 calcia con il destro non appena raggiunto il pallone, subito fuori dal limite dell’area di rigore, e anticipa il movimento di Pepe che non può nulla. Palla in fondo al sacco, esplosione incontenibile di gioia per squadra e tifosi. La Neorizon però non ci sta e, dopo essersi riorganizzato, tenta di prendere campo. Al 30’ occasione su una punizione laterale calciata da Losani. Il pallone tagliato finisce sulla testa di Fuscagni che indirizza bene verso lo specchio, ma trova un grande Barillaro in opposizione. Passano i minuti e sembra stabilirsi un certo equilibrio in campo, almeno fino al minuto 40. Pergolizzi gestisce un difficile pallone in mezzo al campo e con la coda dell’occhio vede l’inserimento a sinistra di Tiberi. Il pallone raggiunge il numero 8 alle spalle del terzino del Neorizon e viene controllato dallo stesso Tiberi, il quale entra in area e con un piazzato sul palo lontano fa secco Pepe. Si va al riposo con gli ospiti avanti due reti a zero.

Entrati in campo nella ripresa si nota subito un cambiamento di atteggiamento da parte delle due squadre. La Neorizon sembra molto più determinata, mentre la squadra di mister De Baggis sicura di portare a casa la vittoria. La partita si rianima al 4’. Dopo una prolungata azione la sfera arriva nei piedi di Cenciarelli che dal limite dell’area riesce a girarsi verso porta e calciare a rete. La conclusione è centrale, alta e non molto potente, ma Barillaro appare sorpreso, non arriva ed è costretto a raccogliere la palla infondo al sacco. Si riaccende così l’entusiasmo dei padroni di casa e dei loro tifosi. Gli ospiti faticano a trovare le stesse misure del primo tempo e non si rendono particolarmente pericolosi. Al 19’, infatti, è ancora la Neorizon a farsi in avanti. Losani e ne va sulla destra con classe e potenza e mette un bel pallone sul secondo palo. All’appuntamento arriva puntuale il compagno sul secondo palo che però manda incredibilmente alto sopra la traversa.
La gara si innervosisce per l’importante posta in palio e anche per via di due cambi per parte la gara comincia ad essere spezzettata e poco giocata. Con il passare dei minuti i padroni di casa sembrano non riuscire più ed essere lucidi e la Petriana trova invece il modo di difendersi senza rischiare troppo.
Ma proprio nel recupero, quando il match sembra finito, arriva il gol del pareggio. Al minuto 50, direttamente su calcio di punizione, Gabriele firma il definitivo 2-2, con un calcio a giro sul palo di Barillaro, anche questa volta non perfetto.
Al triplice fischio del signor Rainaldi è 2-2 al Salaria Sport Village, con il Neorizon Acquacetosa ai play-off, e la Petriana costretta allo spareggio con il Palocco nelle prossime settimane per la conquista del titolo.

TABELLINO GARA

Neorizon Acquacetosa 2-2 Petriana calcio

Marcatori: Botoc 17‘ pt (PC), Tiberi 40’ pt (PC), Cenciarelli 4’ st (NA), Gabriele 50’ st (NA)

Neorizon Acquacetosa: Pepe, Baldestein, Campagna(Bonolis 1’ st), Iovinella, Fuscagni, Pacelli, Andreani, Narzi, Gabriele, Losani, Cenciarelli. Panchina: Cobianchi, Baldacci, D’Alessandro.

Allenatore: Jacopo Barlone

Petriana Calcio: Barillaro, La Rosa(Procaccini 13’ st), Gastaldini, Gentile, Montesi, Carpineti, Tiberi, Maurizi, Botoc(Marchetta 10’ st), Pergolizzi, Macrì. Panchina: Foglia, Marota, Di Maio, Cordelli, Mordanini.

Allenatore: Flavio De Baggis

Arbitro: Rainaldi di Tivoli

Note: Angoli: 2-4 Rec.: 2‘ pt – 6‘ st Ammoniti: La Rosa, Barillaro, Gentile, Pergolizzi. Espulsi: Narzi per doppia ammonizione al 46’ st

Giovanissimi Regionali FB | Almas Roma – Petriana Calcio: il risultato non conta, una situazione su cui riflettere

di Paride Roncaglia

Domenica, in una giornata dal clima uggioso e triste per tutto il mondo del calcio, che tornava a giocare dopo la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, al campo Pionieri di San Basilio si sono sfidate Almas Roma e Petriana Calcio.

La partita, valida per la sedicesima giornata del campionato Giovanissimi Regionali Fascia B, con calcio d’inizio fissato alle ore 15:00, è terminata 1-4 per gli ospiti (risultato citato solo ad onor di cronaca).

Circa venti minuti prima dell’inizio della gara solo la Petriana era in campo per il riscaldamento. Nel frattempo l’allenatore della squadra di casa, appunto l’Almas, ha chiamato a raccolta i genitori dei ragazzi presenti nella segreteria della società. Queste le sue parole:
“Signori, per varie vicissitudini oggi i ragazzi sono solamente in nove. La gara secondo il regolamento si può comunque disputare e i ragazzi sono assolutamente d’accordo per farlo. Io vi ho spiegato la situazione, se per voi va bene noi scendiamo in campo”.
Atteggiamento esemplare da parte del mister neroverde, che nonostante le difficoltà ha deciso di portare in campo i suoi e giocare al pieno delle possibilità.

Quali le cause? È possibile fare un’ipotesi: la squadra si trova all’ultimo posto in classifica ed è ormai certa della retrocessione nella categoria provinciale. Ma non è una giustificazione plausibile per non portare più i ragazzi alle gare di campionato.
È assolutamente lecito prendersela con i genitori che non hanno accompagnato i figli al campo, adolescenti e in un età in cui, è quasi una certezza, giocherebbero anche da soli contro cento.

Tornando ai protagonisti della partita inutile dire che sono stati meravigliosi. Alle 14.50 un ragazzo dell’Almas, di un anno più piccolo, è arrivato di corsa nel centro sportivo pronto per giocare, chiamato dall’allenatore all’ultimo momento, e disponibile a dare tutto per la causa.
L’entusiasmo dei nove giocatori dell’Almas, diventati dieci, non ha bisogno di commenti e tutto questo solo per essere diventati uno in più.

Iniziata la gara l’Almas dimostra da subito di essere in partita. Stessa cosa la Petriana di mister Di Tella con importanti ambizioni di classifica e rispettosa dell’avversario mai sottovalutato. Lo 0-0 resiste 12 minuti, ma poco importa, i dieci in maglia verde risultano fantastici agli occhi di tutti.
La cosa più bella la naturalezza nell’affrontare la situazione, la tranquillità per chi è lì per divertirsi e giocare allo sport più bello del mondo.

Il primo tempo termina 2-0 per gli ospiti, ma la ripresa riserva un’emozione ancora più grande. L’Almas riesce a mettere a segno la rete per accorciare le distanze e in un attimo è come se il Pionieri di San Basilio fosse diventato la Bombonera di Buenos Aires. Per qualsiasi persona presente, magari con il giudizio lucido dato dalla sua neutralità, sono palpabili quella gioia e quei valori che solo il calcio sa trasmettere. Valori che in una giornata come quella di domenica valgono il doppio se non il triplo, valori che nel ricordo di Davide Astori vanno esaltati e presi come riferimento. Sentimenti che i bambini, perché a quattordici anni parliamo ancora di bambini, con la loro spensieratezza anche nei momenti più complicati come, in piccolo, può essere giocare 90 minuti con un uomo in meno, mettono a disposizione degli adulti.

Dal punto di vista tecnico, per chi conosce i campionati regionali, poche sono le volte in cui si sono registrati episodi del genere, con squadre a corto di elementi per disputare gare di campionato.

In conclusione: riflettete genitori, fate sacrifici, portate i ragazzi al campo perché non è il risultato quel che conta, ma il crescere sani e con dei valori. Tutte componenti essenziali per diventare uomini, ancor prima che calciatori.

Prima Categoria | Al Giardinetti Garbatella va lo scontro al vertice con la Roma VIII. Grosso decisivo su calcio piazzato

Di Paride Roncaglia

Al Campo Giovannoni di Roma pubblico delle grandi occasioni per il big match della terza giornata di ritorno del campionato di Prima Categoria (girone G). Di fronte le due squadre di gran lunga più forti del girone e candidate a disputare la Promozione nella prossima stagione. La squadra di casa, il Giardinetti Garbatella di mister Marco Russo, nell’occasione fuori per squalifica e sostituito in panchina dal suo secondo Pietro Fiorenza, si presentava alla sfida con la miglior difesa dell’intera stagione (solo 12 reti subite). Gli ospiti della Roma VIII, squadra capolista e con il miglior attacco, guidati da mister Fabrizio Fiaschetti, erano in cerca dei tre punti per chiudere molto probabilmente la questione primo posto.

La partita si dimostra da subito molto bella ed intensa. Al 4’ grande occasione per De Palma per portare subito in vantaggio gli ospiti: praticamente solo davanti a Rossi calcia in modo sbilenco mandando a lato. Reazione della squadra di casa con il numero dieci Gatta che tenta la conclusione al volo dopo un’azione insistita. Palla di poco al lato alla destra di Supino. Al 12’ calcio piazzato dai 25 metri per i piedi di Grosso che porta in vantaggio il Giardinetti Garbatella. Il numero otto biancorosso si conquista l’invitante possibilità di battere a rete con una potente percussione centrale. L’esecuzione è perfetta e il pallone si insacca all’incrocio dei pali dove Supino non può davvero arrivare. Dopo un grande inizio dei padroni di casa, la Roma VIII tenta di alzare il baricentro e di rientrare in partita, ma la squadra di mister Russo è compatta e ben messa sul terreno di gioco. Al 41’ occasionissima in contropiede per Ciferri. Il numero undici di mister Fiaschetti sfrutta una grande imbucata di Romozzi e le maglie larghe della difesa biancorossa, ma arrivato solo davanti a Rossi non riesce a far altro che sparargli addosso il pallone del pareggio. Finisce in crescendo la Roma VII per quanto riguarda la prima frazione di gioco, ma la squadra di casa resiste e mantiene il vantaggio.

La ripresa presenta la stessa intensità del primo tempo, se non superiore. Soprattutto a centrocampo le due squadre si danno battaglia su ogni pallone per cercare di prendere il sopravvento. In compenso, per via del grande equilibrio, faticano ad arrivare occasioni da gol. Al 18’ ci prova addirittura in rovesciata Ciferri, il migliore dei suoi, sugli sviluppi di un angolo. Giocata tanto bella quanto inefficace. Al 25’ il Giardinetti Garbatella prova in contropiede con l’asse Turcarelli-Di Cicco. Il numero sette va via sulla destra in velocità e con buona tecnica. Arrivato sul fondo mette un gran pallone sul secondo palo per l’accorrente Di Cicco che conclude al volo, ma manda alto sopra la traversa. Al 29’ ancora Turcarelli questa volta dalla distanza: tiro angolato, ma un po’ debole, quindi bloccato a terra dall’estremo difensore. Al 36’ grandissima conclusione in diagonale di Ciferri che sfiora l’incrocio dei pali e quindi il pareggio. Il Giardinetti Garbatella rimane anche in dieci nel finale per l’espulsione di Pascoletti per doppio giallo, ma resiste agli attacchi degli ospiti, peraltro poco convinti. Non ci sono grossi pericoli corsi da Rossi nel tempo di recupero e la Roma VIII non sembra avere le forze per arrivare al pareggio.
Al triplice fischio del signor Prencipe di Tivoli è Giardinetti Garbatella 1-0 Roma VIII, con la sfida per il primo posto più che mai viva.

LE PAGELLE
GIARDINETTI GARBATELLA 1957
Rossi 6: non molto impegnato durante la gara, quando chiamato in causa è attento e preciso
Tufshe 6: nonostante giochi in un ruolo non suo si disimpegna bene e non concede nulla al diretto avversario
Paoliello 6: gioca una partita diligente. Una volta prese le misure sul diretto avversario lo contiene bene per gran parte della gara
Pascoletti 5,5: attento e preciso in molte delle chiusure effettuate. L’espulsione per doppia ammonizione nel finale non gli fa raggiungere la sufficienza
Leccese 6,5: non è un cliente facile il centravanti che deve contenere insieme al collega di reparto. Anche lui però è sempre puntuale
Santoni 6: a centrocampo è lui a spezzare spesso la manovra degli ospiti. Corre tanto e non molla un centimetro
Turcarelli 5,5: fatica ad entrare in partita per gran parte della gara. Vorrebbe strafare, ma qualche volta eccede nelle giocate. Qualche errore di troppo
(dal 35’ st Brancati S.V.)
Bendia 6,5: se non ci fosse Grosso a rubargli la scena sarebbe lui il migliore in campo. Sempre sul pezzo, tanti dribbling efficaci e pericoli per la difesa ospite
(dal 40’ st Federici S.V.)
Gatta 6,5: esperienza e sacrificio a servizio della squadra. Combatte, tiene il pallone e fa salire la squadra. Non va mai vicino alla rete, ma il suo lavoro è di vitale importante ed è fatto benissimo
(dal 26’ st De Cicco 6: entra con grande voglia di dimostrare e con l’intento di dare una bella mano alla causa dei suoi)
Di Cicco 6: parte in sordina, ma esce alla distanza dimostrando tutte le sue doti.

Il migliore Grosso 7,5: piede magico che porta alla rete decisiva per i tre punti. Per il resto partita di grande quantità e qualità in mezzo al campo.
(dal 19’ st Forte 6: entra in un momento delicato della gara al posto del migliore in campo. Si fa trovare pronto)

L’allenatore Fiorenza 6,5: sostituisce bene lo squalificato mister Russo con cui è sempre in contatto e ha stabilito prima della gara il da farsi. Incita, richiama, quasi corre dietro ai suoi ragazzi nelle varie fasi di gioco a dimostrazione della voglia di vincere dell’intera squadra

ROMA VIII
Supino 6: non può nulla sul gol subito. Per il resto è attento ed efficace nelle uscite e nelle parate effettuate
Speranzini 5,5: soffre per tutta la partita la rapidità degli attaccanti di casa. Spesso è sorpreso alle spalle dall’avanzata dell’esterno
Di Mena 6: sulla fascia gioca una buona partita in fase di spinta. Dalla sua parte non arrivano grossi pericoli dagli avversari
Tanzi S.V. (dal 22’ pt Conte 5: non entra in partita nel migliore dei modi nonostante non sia facile per la tanta intensità vista in campo)
Chicca 5,5: la sua partita difensiva non è delle migliori. È vero che la rete viene da calcio piazzato, ma gli attaccanti di casa spesso rischiano di entrare facilmente in area di rigore
D’Antimi 5,5: poca libertà di proporre gioco in mezzo al campo per via della marcatura speciale prevista per lui. Rimandato
De Palma 6: a una buona gara a centrocampo anche se inizialmente soffre la grande aggressività dei padroni di casa
Riccardi 6: qualità e quantità mostrate per buona parte del match. Non è una grande giornata per i suoi, ma lui è comunque sufficiente
Antunes 5: non entra mai in partita e fatica a saltare il diretto avversario. Può fare di più
(dal 32’ st Frezza 5: con quasi venti minuti a disposizione, compreso il recupero, e l’obiettivo di aggiungere pepe all’attacco dei suoi, praticamente non si vede mai)
Romozzi 6: combatte tra le maglie della difesa avversaria per cercare di far salire la squadra. Un po’ macchinoso in alcuni frangenti, ma il suo lavoro è importante e spesso efficace

Il migliore Ciferri 6,5: è lui a creare i maggiori pericoli per la porta avversaria. Tenta in tutti modi e fallisce anche una grandissima occasione nel primo tempo. Premiata la sua voglia

L’allenatore Fiaschetti 5: la sua squadra concede i primi quindici minuti all’avversario e poi fatica a costruire azioni da gol nel finale. Se sei la capolista ti devi far rispettare su qualsiasi campo. C’è da lavorare dopo questa sconfitta.

TABELLINO: GIARDINETTI GARBATELLA – ROMA VIII 1 – 0

MARCATORI: Grosso 12‘ pt (GG)

GIARDINETTI GARBATELLA: Rossi, Tufshe, Paoliello, Pascoletti, Leccese, Santoni, Turcarelli(Brancati 35’ st), Grosso(Forte 19’ st), Bendia(Federici 40’ st), Gatta(De Cicco 26’ st), Di Cicco. PANCHINA: Cortini, Annunziata, Ruperto.

ALLENATORE: Pietro Fiorenza

ROMA VIII: Supino, Speranzini, Di Mena, Tanzi(Conte 22’ pt), Chicca, D’Antimi, De Palma, Riccardi, Antunes(Frezza 32’ st), Romozzi, Ciferri. PANCHINA: Marrocchini Melchi, Gespi, Selva, Mazzullo, Forti.

ALLENATORE: Fabrizio Fiaschetti

ARBITRO: Prencipe di Tivoli

NOTE: Ammoniti Paoliello, Turcarelli, Romozzi, Tufshe, Forte, Federici. Espulsi: Pascoletti Angoli 4 – 3. Rec. 4’ pt – 5’ st.

Juniores Regionali FB | Show della Petriana Calcio: tennistico 6-1 al Kolbe Ponte Mammolo

di Paride Roncaglia

Al Pio XII di Via dei Monti di Primavalle va di scena il match tra Petriana Calcio e Kolbe Ponte Mammolo. Un match tutt’altro che scontato se si guarda la classifica, ma che invece si è rivelato a senso unico. Già dai primi minuti la Petriana prova a sviluppare gioco e a prendere campo.

Dopo uno studio iniziale al 18’ Botoc sfiora la rete del vantaggio con un sinistro potente che per un attimo da anche l’illusione ottica del gol. Tutto nasce dall’iniziativa della coppia di sinistra Porzia-Pergolizzi. Due minuti dopo ancora Porzia ad inventare e ancora Botoc favorito dell’assist. Il numero 9 di casa arrivato davanti all’estremo difensore lo salta con una suolata, ma spedisce sull’esterno della rete da posizione defilata con la porta sguarnita. La svolta della gara al 27’ con il calcio di rigore assegnato alla Petriana per un fallo sul numero otto Maurizi. Dagli undici metri. trasforma con freddezza Botoc battendo il portiere Carletti alla sua sinistra. Al 30’ raddoppiano i padroni di casa ancora con Botoc servito in verticale da un pallone geniale di Maurizi. Il numero 9 arrivato davanti all’estremo difensore rimane lucido e lo fredda con un preciso piattone. Al 45’ il Kolbe sfiora il gol per riaprire la partita con l’unico sussulto di un primo tempo senza idee. Sugli sviluppi di un calcio di punizione da sinistra la palla non viene spazzata dalla difesa di casa e rimane disponibile per il piede di Daniele che calcia di prima intenzione a pochi passi da Barillaro. Il pallone viene deviato miracolosamente da un difensore e finisce in angolo sfiorando il palo di pochissimo. L’ultima emozione del primo tempo arriva al secondo di recupero con la traversa colpita da Botoc che sfiora la tripletta personale.

La Petriana ricomincia come aveva finito, amministrando il gioco e gestendo il ritmo della gara. Al 5’ arriva il 3-0 con il capitano Carpineti che sale in area per il calcio d’angolo e mette dentro sfruttando anche una netta deviazione di un difensore ospite. Il Kolbe Ponte Mammolo prova comunque a darsi da fare, ma la Petriana e soprattutto Botoc sono in grande giornata. Al 14’ il numero nove compie un grande lavoro sulla fascia e dal fondo mette a rimorchio per Pergolizzi che piazza sul primo palo e segna il gol del poker. Al 19’ ancora Botoc protagonista con un’altra traversa dopo un contropiede ben condotto da Di Maio e Tiberi. Al 35’ un altro sussulto degli ospiti che segnano il gol della bandiera: grande punizione a giro di Falasca, ma parata straordinaria di Barillaro. Sul seguente angolo arriva la rete in mischia dello stesso Falasca, sicuramente buono per il morale. La squadra di mister De Baggis però non sembra volersi fermare. Prima colpisce un altro legno con il colpo di testa di Marota da pochi passi, poi segna i due gol che fanno diventare tennistico il risultato. Al 43’ l’assist di La Rosa dopo un grande slalom e il gol di Marchetta a tu per tu con Carletti. Al 47’ il gol di Di Maio all’ultimo di recupero. Con una prova straordinaria la Petriana archivia la pratica e si lancia sempre più verso la vetta della classifica, mentre il Kolbe Ponte Mammolo esce probabilmente ridimensionato consapevole della differenza che ancora c’è con le prime della classe.

TABELLINO

PETRIANA CALCIO – KOLBE PONTE MAMMOLO 6 – 1 

MARCATORI: Botoc 27’ e 30’ pt (P), Carpineti 5’ st (P), Pergolizzi 14’ st (P), Falasca 35’ st (KPM), Marchetta 43’ st (P), Di Maio 47’ st (P)

PETRIANA CALCIO: Barillaro, La Rosa, Castaldini, Gentili(Di Maio 17′ st), Montesi(Marota 25′ st), Carpineti, Tiberi(Cordelli 25′ st), Maurizi, Botoc(Marchetta 31′ st), Porzia, Pergolizzi(Macrì 15′ st). PANCHINA: Foglia, Mordanini.

ALLENATORE: Flavio De Baggis

KOLBE PONTE MAMMOLO: Carletti, Di Staso(Piccolo 11′ st), Aloisi, Gotti, Falasca, De Santis(Tiberia 36′ st), Morelli(Taddeo 5′ st), De Rossi(Felli 5′ st), Daniele, Roccia(Antonini 36′ pt), Foglietta. PANCHINA: Serrano, Torchia.

ALLENATORE: Vincenzo Roccia

ARBITRO: Leone di Roma 1

NOTE: Ammoniti: Botoc, Tiberi Angoli: 6 – 6. Rec. 2’ pt – 2’ st.

Allievi Regionali | Palocco 2-1 Petriana Calcio, la cronaca e le pagelle

Di Paride Roncaglia

Al campo sportivo di Casal Palocco si gioca il match tra Palocco e Petriana Calcio valido per il campionato Allievi Regionali. Le due squadre, divise prima della gara da due punti in classifica si giocavano la possibilità di avvicinarsi al treno delle squadre situate nella parte medio alta della classifica.




Continua la lettura di Allievi Regionali | Palocco 2-1 Petriana Calcio, la cronaca e le pagelle

Juniores élite | Vigor Perconti 2-0 Nuova Tor Tre Teste. La panchina di lusso fa felice Bellinati

di Paride Roncaglia

Al Vigor Sporting Center era di scena il big match tra la Vigor Perconti di mister Francesco Bellinati, capolista del girone B d’Elite e la Nuova Tor Tre Teste di Marco Mei, a soli due punti di distanza in classifica. Era quindi, a tutti gli effetti, un autentico spareggio per laurearsi Campione d’inverno e mettere un importante tassello sulla vittoria finale del campionato. La partita, in tutta la sua durata, non ha certo deluso le aspettative, sia sul piano dell’intensità che del gioco.
Al 6’ la prima grande occasione è per la Vigor con il bel sinistro di Madonna. Il centrocampista di casa, grazie ad una combinazione stretta con un compagno, riceve il pallone appena entrato in area di rigore e di prima intenzione calcia di mancino al volo. Nonostante non sia il suo piede la conclusione parte potente verso il secondo palo, dove arriva a salvare il portiere Kostas che respinge sulla sua destra. Al 9’ ancora Madonna su assist di Taormina che altruisticamente lascia al compagno da buona posizione: il numero otto calcia ancora di prima intenzione, ma questa volta il diagonale esce debole dal piede ed è facile preda di Kostas. Al 13’ terza occasione clamorosa per i ragazzi di Bellinati. Madonna dopo un’azione prolungata trova l’imbucata in area per Martellacci che conclude sul secondo palo. La palla sembra destinata in fondo alla rete, ma arriva provvidenziale il salvataggio di un difensore ospite che mantiene il risultato sullo 0-0. La Tor Tre, nei minuti seguenti, tenta spesso in contropiede, ma i risultati scarseggiano ad arrivare. Manca sempre l’ultimo passaggio ai ragazzi di Mei che però tengono bene il campo rispetto ai primi minuti di gara. Si instaura un certo equilibrio dopo un bell’avvio dei padroni di casa che sembra poter essere spezzato solo da una grande giocata. Al 26’ ci prova su punizione De Luzi dal limite dell’area: posizione ottima per un tiro a giro, ma il pallone si infrange sulla barriera. Al 36’ la Vigor ci prova con Chayebi il quale fa partire un bel destro a giro. Para ancora l’attento Kostas. Al 39’ ancora conclusione a giro, ancora della Vigor e ancora parata di Kostas, questa volta più difficile e su Fratini, rientrato da sinistra verso il centro. Termina in parità la prima frazione di gioco.
Nel secondo tempo la Vigor alza ancora di più il baricentro. Primo effetto è l’espulsione per somma di ammonizioni di De Luzi, il quale lascia la Tor Tre in dieci. Il numero otto ospite prende due gialli in due minuti: prima allontanando il pallone a gioco fermo e poi commettendo un fallo su ripartenza della Vigor. Al 9’ la Tor Tre, nonostante sia in inferiorità, per poco non passa in vantaggio con un grandissimo contropiede condotto da Masini. Conclusione finale del numero quattro De Cicco, in proiezione offensiva nell’occasione, deviata in angolo dal portiere. La Vigor continua ad esercitare la pressione sulla difesa di mister Mei, ma manca di precisione sotto porta per arrivare alla rete del vantaggio. Al 21’ Fratini in solitaria sfiora ancora la rete del vantaggio. L’azione parte da destra con il numero undici che punta l’area, si accentra e fa partire un gran destro a giro il quale termina non di molto alla sinistra di Kostas. Al 23’ ancora Vigor vicina al vantaggio. Madonna conclude da dentro l’area dopo una mischia sugli sviluppi di un angolo. Para ancora Kostas con sicurezza. Al 34’ episodio dubbio che avrebbe potuto spostare gli equilibri del match. Lampis entra in area di rigore seguito da Indino che per fermarlo trattiene la sua maglia. L’attaccante ospite cade a terra forse troppo in ritardo rispetto al contatto ed è per questo che il direttore di gara decide di non assegnare il penalty alla Tor Tre Teste. Subito dopo ammonisce lo stesso Lampis per simulazione. Equilibrio che si sblocca nel finale grazie a due intuizioni di mister Bellinati. Al 41’ la Vigor si porta in vantaggio dopo tantissimi tentativi non sfruttati. Sulla punizione di Paradisi dalla trequarti la palla non viene messa fuori dalla difesa ospite e rimane disponibile per Casagrande. Il giocatore di mister Bellinati, appena entrato, calcia di prima intenzione e batte l’incolpevole Kostas facendo esplodere la tribuna del Vigor Sporting Center. Al 46’ arriva poi la rete che legittima il vantaggio con Rossetti. Su un cross dalla trequarti, il numero diciotto, anch’egli subentrato nella ripresa, stoppa spalle alla porta, si gira e batte con una grande conclusione l’estremo difensore della Tor Tre. Al triplice fischio del signor Martinelli è Vigor Perconti 2-0 Nuova Tor Tre Teste, una vittoria meritata e che poteva essere molto più larga viste le occasioni mancate dai ragazzi della squadra di casa.

TABELLINO

VIGOR PERCONTI – NUOVA TOR TRE TESTE 2 – 0

MARCATORI: Casagrande 41′ st (VP), Rossetti 46′ st (VP)

VIGOR PERCONTI: Martini, Pastorelli, Indino, Colacicchi, Paradisi, Spatara(Casagrande 36′ st), Taormina(Oliva 44′ st), Madonna, Martellacci(Rossetti 10′ st), Chayebi, Fratini. PANCHINA: Pancotto, Mascoli, Djengue, Pasquetto.

ALLENATORE: Francesco Bellinati

NTTT: Kostas, Guerrieri, De Marchis, De Cicco(Evora 41′ st), Pasquali, Di Giacomo, Zanoletti(Valentino 10′ st), De Luzi, Inglese, Masini, Lampis. PANCHINA: Di Biasio, Pezzi, Melucci, Puddu, Cangianiello.

ALLENATORE: Marco Mei

ARBITRO: Martinelli di Ostia Lido

NOTE: Ammoniti Madonna, De Marchis, Lampis. Espulsi: De Luzi al 7′ st per somma di ammonizioni. Angoli 7 – 4. Rec. 3’ pt – 4’ st.