Archivi tag: Intervista

Post Finale Juniores Elite Francesco Bellinati (allenatore Vigor Perconti): “non faccio i complimenti alla terna arbitrale. Sono molto arrabbiato.”

di Michelangelo Ottaviano

(foto di © Gian Domenico SALE – www.photosportiva.it

Continua la lettura di Post Finale Juniores Elite Francesco Bellinati (allenatore Vigor Perconti): “non faccio i complimenti alla terna arbitrale. Sono molto arrabbiato.”

INTERVISTA ad Alessandro Vitagliano Responsabile Settore Giovanile Cassino calcio: “vogliamo continuare a crescere”

di Lorenzo Petrucci

Intervista esclusiva al Responsabile del Settore Giovanile del Cassino calcio, Alessandro Vitagliano, in merito a questa prima parte di stagione per le varie categorie giovani del club biancoazzurro, prospetti futuri e sogni nel cassetto.




Continua la lettura di INTERVISTA ad Alessandro Vitagliano Responsabile Settore Giovanile Cassino calcio: “vogliamo continuare a crescere”

“Dal calcio ho avuto tutto” – L’intervista a Fabio Petruzzi

Intervista realizzata da Andrea Celesti

Schietto, sincero, determinato e con una grande passione per tutto quello che fa. Sono queste le qualità principali di Fabio Petruzzi, ex calciatore con un grande passato in Serie A alle spalle.

Continua la lettura di “Dal calcio ho avuto tutto” – L’intervista a Fabio Petruzzi

Intervista a David Di Michele: “sarei felice di allenare un giorno in Serie A”

di Simone Ducci

L’ex attaccante di Serie A e Nazionale David Di Michele ha rilasciato una lunga intervista ai nostri microfoni, durante la quale ha parlato del calcio dilettantistico, fornendo alcuni consigli ai calciatori più giovani.

Un parere sui campionati dilettantistici. Ci sono allenatori e giocatori tecnicamente e tatticamente validi?

“Anche nel calcio dilettantistico ci sono giocatori interessanti e di qualità, che possono far bene nel professionismo. Ciò che può venire a mancare è magari la mentalità del lavoro perché tra i dilettanti ci si può adagiare su alcune cose mentre nel professionismo si deve sempre rimanere sul pezzo. Ci sono poi allenatori molto preparati che hanno idee importanti e lo dimostrano quando arrivano in Lega Pro, proponendo un calcio di livello. In questo momento il calcio sta puntando molto sugli allenatori e questo è a favore di noi giovani allenatori”.

Pensi di essere pronto a sederti su panchine di Serie B o magari di Serie A, visti i numerosi allenatori giovani presenti?

“Bisogna prima dimostrare tanto in Lega Pro e in Serie B per poter arrivare in A. Io ho avuto solo un’esperienza in Lega Pro e quindi dovrò ancora migliorare. Ancora non posso allenare perché devo prendere il UEFA A e poi fare il master per poter allenare in A. Se troverò in futuro la possibilità di allenare sarò felice di farlo”.

C’è qualcuno a cui ti ispiri?

“Ammiro tanto Spalletti perché mi ha allenato e mi piace come fa giocare le squadre e ammiro la sua idea di calcio. Mi piace che la mia squadra giochi a calcio e cerchi di offendere tanto, facendo un bel gioco. Nel calcio di oggi penso sia importante giocare a pallone senza mai buttarlo. Ciò agevola sia un allenatore sia la squadra. Una volta che si mette in campo la squadra con le giuste opzioni bisogna avere la fortuna e la bravura che tali opzioni siano messe in campo la domenica dai ragazzi. Questa è la mia idea di calcio, poi ci saranno partite meno belle ma la mia idea è che la maggior parte delle partite siano belle”.

C’è una squadra che ti piacerebbe allenare un giorno?

“Dirne una è difficile anche perché ce ne sono tante che giocano bene in Serie A. Sarebbe facile dire Roma, Inter, Milan e Napoli. Quest’ultima in questo momento gioca secondo me il miglior calcio d’Italia.

Qual è il segreto per diventare un grande calciatore? Che consiglio daresti ai giovani calciatori?

“Non c’è un segreto vero e proprio: ci sono tanti fattori. Non bisogna arrendersi mai, nel bene e nel male. Bisogna essere determinati. Non bisogna cullarsi quando le cose vanno bene perché si perde di vista l’obiettivo. I grandi campioni ogni anno si mettono sempre in discussione, vedi i vari Higuain, Messi e Ronaldo. Ciò vale anche per i giovani che vogliono ambire a palcoscenici importanti”.

Perché molti giovani si perdono, pur avendo le qualità giuste?

“In questo calcio la difficoltà grande nelle Giovanili è il mantenere i giusti equilibri. Il ragazzo promettente può perdere di vista il suo bene poiché viene circondato da amici, genitori, procuratori e parenti che non fanno altro che fargli complimenti: è facile essere bravo a 12 anni, il difficile è mantenersi. Un ragazzo di 12 anni può perdere facilmente la testa”.

ESCLUSIVA – Fondi, il d.g. Morrone: “Anche la prima squadra ad Ardea. Faremo meglio dell’Unicusano”

di ANDREA PONTONE

In seguito al passaggio di testimone tra Unicusano e Pezone, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni il nuovo Direttore Generale del Fondi, Alfonso Morrone.




Continua la lettura di ESCLUSIVA – Fondi, il d.g. Morrone: “Anche la prima squadra ad Ardea. Faremo meglio dell’Unicusano”

Studio legale Ricca di Brescia: “stiamo lavorando affinché ogni nostro giocatore possa avere l’occasione di diventare professionista”

di Lorenzo Petrucci

A margine della finale Allievi Elite, vinta per 3-1 dalla Vigor Perconti contro la Tor Tre Teste, abbiamo avuto il piacere di contattare l’agente Giuseppe Basile dello studio Ricca di Brescia e procuratore di ben sei giocatori della finalissima di Ciampino parlando con lui del presente e del futuro dei suoi assistiti.

E’ recente la vittoria della Vigor Perconti nel campionato Allievi elite del Lazio contro la Tor Tre Teste, che partita hai visto e pensi che il risultato è stato giusto?
“Penso che sia stata una finale scontata, all’atto conclusivo sono arrivate le squadre più forti del campionato e al di là del risultato complimenti ai due allenatori. A Miccio (Vigor Perconti) che ritengo essere uno dei migliori allenatori della categoria per quanto riguarda il settore giovanile Laziale , considerando proviene da società professionistiche come Nocerina e Crotone, ha arricchito con il suo bagaglio di esperienza le squadre che ha allenato alla Vigor Perconti, portando in due anni due titoli regionali nelle categorie 2001 e 2000. dall’altra parte anche Emiliano Corsi si è dimostrato essere un allenatore di qualità, ed e stato un ottimo motivatore portando comunque la sua squadra a disputare una finalissima regionale. ”

Nella finale, in entrambe le squadre, avevi diversi giocatori in procura (Timperi della Vigor Perconti e nella Tor Tre Teste Angeli, Ciotti, Melucci ,DE Luca e Marianelli) come si sono comportanti in campo?
“Partendo da Alessandro Marianelli, il più piccolo, l’unico classe 2001 tra le file della Tor Tre Teste nella finale, negli ultimi due anni spesso e’ stato aggregato da sotto età con i 2000, ritengo che sia un giocatore molto valido e di notevole prospettiva, e che ha tutte le carte in regola per far bene in futuro. Per quanto riguarda Massimiliano Ciotti ritengo che abbia fatto un buon campionato , è un ragazzo ,senza grilli per la testa, ritengo essere un giocatore che può ancora dare tanto e ci auguriamo che possa avere tante soddisfazioni in futuro. Matteo Melucci: ha avuto una stagione particolare, è stato poco utilizzato, è una punta vera, rapido sotto porta, ogni volta che è entrato a partita in corso, ha sempre dato il massimo, facendo anche gol. E’ un giocatore che farà sicuramente molto bene in futuro. Su Lorenzo Angeli invece posso dire che è stata una stagione da incorniciare. E cresciuto notevolmente sia tatticamente che fisicamente, ha dato il suo contributo al torneo delle regioni, laureandosi campione d’Italia.Ha avuto anche la soddisfazione di indossare la maglia azzurra della L.N.D. di mister Silipo. Gli auguro tutto il bene possibile per la sua carriera. Emanuele De Luca: E stato sicuramente un punto fondamentale della squadra, con la sua costante presenza ha contribuito fortemente alla finalizzazione del gioco di Mister Corsi, ha tutte le carte in regola per fare sempre meglio. Su Andrea Timperi invece penso che sia un ragazzo che tutti vorrebbero avere nelle loro squadre, ritengo che sia un giocatore di una notevole capacità tecnica e tattica.Andrea ha dato molta qualità al gioco del suo allenatore, lo stesso Miccio lo ha fatto giocare in situazioni abbastanza di sacrificio facendosi trovare sempre pronto Penso che nel suo futuro calcistico ci saranno belle sorprese ,e sono molto contento che abbia coronato la sua splendida stagione con il titolo regionale. Ora si andrà’ a giocare le finali con il suo gruppo, e spero che possa far bene, chiudendo la sua stagione con il tricolore.”

Avere ben sei ragazzi tra le due finaliste, deve essere stato per te una bella soddisfazione?
“Sicuramente avere sei giocatori su trentasei è motivo di orgoglio. Il fatto che questi ragazzi siano stati scelti dallo studio Ricca dimostra che sono ragazzi di prospettiva, sono tutti validi e sopratutto seri . Sono contento per quello che hanno fatto, però ora dovranno lavorare sodo per il futuro .

Per Angeli, Ciotti, Melucci e Marianelli e De Luca, invece la stagione può dirsi conclusa, hai avuto modo di parlare con loro e che parole hai espresso nei loro confronti?
“Per Lorenzo e Matteo e’ stata ancora più difficile smaltire la rabbia, in quanto per loro e’ stata le seconda sconfitta consecutiva in finale, avendola giocata la scorsa stagione da sotto eta, guidati da Damiano Buffa. che per quel che mi riguarda resta uno dei migliori allenatori del panorama Laziale. . La finale Allievi è una partita che tutti vorrebbero giocare e portarsi a casa, come già ho detto è stata una finale tra le due squadre più forti e alla fine una sola vince. Ai ragazzi della Tor Tre Teste ho detto di star tranquilli, anche perché le sconfitte aiutano a crescere.”

Dopo le due semifinali allievi fascia B elite giocate che idea ti sei fatto delle partite?
“Sicuramente avrei scommesso su una nuova finale tra la Vigor Perconti e la Tor Tre Teste, che ritengo anche nei fascia b siano le squadre più forti del campionato. Peccato, ma faccio comunque i complimenti a mister Corsi e al suo gruppo, in particolar modo a nostro Alessandro Marianelli che nelle due partite finali ha giocato ad altissimo livello ,segnando anche il 2 a 2 contro l’Urbetevere. Per quanto riguarda la Vigor Perconti non posso che fare ancora una volta un plauso a mister Miccio,per la seconda finale di stagione conquistata,e in particolar modo voglio citare Gianmarco Maggini,che con un intervento strepitoso, ha contribuito a portare la sua squadra alla finale, e gli auguro di coronare il suo anno con la vittoria regionale.

 Per tutti questi ragazzi, che si sono ben comportanti in questa stagione, pensi che si possano aprire le porte del professionismo nelle prossime settimane, prossimi mesi? Puoi dirci se c’è qualcosa che si muove?
“Sicuramente il lavoro che stiamo svolgendo noi dello Studio Ricca ( Mauro Ricca, Alessandro Maffini ed Io) , è importante, stiamo lavorando molto affinché questi ragazzi possano realmente coronare il loro sogno, . Ci sono delle trattative importanti in corso, che a breve ci auguriamo possano concludersi. Mi auguro che i nostri ragazzi, possano avere le giuste gratificazioni, “AD MAJORA.