Archivi tag: Spezia

Giovanili | Lazio, vittorie per l’Under 17 e l’Under 13

Due gare in programma e due vittorie per il Settore Giovanile biancazzurro. Quest’oggi, infatti, sono scese in campo le selezioni Under 17 ed Under 13 della Prima Squadra della Capitale.




Continua la lettura di Giovanili | Lazio, vittorie per l’Under 17 e l’Under 13

Roma, la Primavera giallorossa nel segno di Edoardo Soleri

di Simone DUCCI

Il calcio giovanile italiano è intriso di ragazzi di valore, soprattutto quando si parla dei colori giallorossi. Nella Primavera di Alberto De Rossi, infatti, molti sono i giovani che hanno lasciato il segno nella loro categoria, pronti per effettuare il grande salto nel calcio dei grandi: tra questi c’è sicuramente Edoardo Soleri, fresco di trasferimento allo Spezia ma ancora legato alla squadra capitolina, la quale lo ha ceduto ai liguri mantenendo un diritto di recompra. Andiamo a conoscere vita, numeri e curiosità del giovane bomber romano.




Continua la lettura di Roma, la Primavera giallorossa nel segno di Edoardo Soleri

La liberazione del Matusa: il Frosinone piega lo Spezia e torna a godere

Il 25 aprile il Frosinone festeggia al ‘Matusa’ un’altra liberazione, quella dai patemi delle recenti settimane. Lo Spezia infatti soccombe per 2-0.

Nelle scelte di partenza mister Marino continua sulla scia del 3-5-2. Krajnc, Ariaudo e Terranova dinanzi a Bardi. I soliti Mazzotta e Fiamozzi sulle corsie laterali. Gori e Maiello si muovono in cabina di regia. Sammarco sostiene il centrocampo con licenza di attacco per supportare la coppia formata da Dionisi e Daniel Ciofani.

Lo Spezia si presenta in Ciociaria con intenzioni serie considerando l’invidiabile posizione in classifica. Lo schieramento quasi si specchia con gli avversari. Capitan Terzi comanda la retroguardia con Valentini e Ceccaroni ai fianchi. Sulle fasce ecco Migliore e Vignali. In mediana Djokovic e Pulzetti pullulano in fosforo. L’ex Lanciano Piccolo guida da veterano le trame offensive insieme a Granoche e Giannetti.

Il clima da gita al mare non aiuta di certo la mente ed il fisico dei protagonisti sul rettangolo verde. Il sonnellino dopo pranzo prende in ostaggio il numeroso pubblico sugli spalti. Il torpore si sblocca al 12’pt quando Mirko Gori sfodera una conclusione dal limite che Chichizola disinnesca in volo. Qualche istante più tardi Sammarco serve l’accorrente Mazzotta che sfiora la segnatura con un diagonale mancino. Allo scoccare del 18’pt Granoche con un destro potente e preciso fa tremare la traversa. Il pallone serva aver superato chiaramente la linea di porta, ma l’arbitro non convalida il gol per gli ospiti. I padroni di casa riescono a rendersi pericolosi solo tramite calci piazzati. Interessanti le traiettorie disegnate da Maiello per la testa di Daniel Ciofani che però, almeno in un paio di circostanze, non crea grattacapi a Chichizola. Lo stesso portiere bianconero esce male sugli sviluppi di un corner. Terranova, a porta praticamente sguarnita, non concretizza a dovere. All’altezza dello scadere della prima frazione di gioco Federico Dionisi calibra un calcio di punizione su tocco di Maiello. Palo pieno. In chiusura Piccolo chiama alla presa bassa un attento Bardi. Calma piatta all’intervallo.

Maiello apre le danze della ripresa con una stoccata sparata in orbita su servizio invitante di Sammarco. Federico Dionisi prende le redini della contesa e timbra il vantaggio locale con un’azione caparbia in concerto con Ciofani. Nulla può Chichizola. D’altro canto i ragazzi di mister Di Carlo non seguono la determinazione mostrata nel primo tempo. Il difensore con il vizio del gol Terranova sciupa sul traversone di Maiello. Si vedono gli ospiti solo con un destro da dimenticare di Terzi sullo schema orchestrato da Piccolo. Pigrizia a catinelle fino al cadere del 44’st. Maiello propone un cross per lo stacco di Daniel Ciofani che approfitta di un Chichizola distratto per sigillare il raddoppio giallo-blu.

Serviva il successo ed è arrivato. La trasferta di Salerno è il prossimo piatto di un menù che al culmine potrebbe regalare al Frosinone il dessert della promozione in Serie A.

Alessandro Iacobelli

Foto di Antonio Fraioli

 

Morolo Calcio, il ds Pistolesi: “Panaccione allo Spezia è il frutto della programmazione”

di Arianna MICHETTONI

Marco Panaccione, terziono classe 1998, dal primo luglio è ufficialmente un nuovo giocatore dello Spezia. L’ASD Morolo Calcio 1966 si congratula con il giovane talento, che la scorsa stagione ha vestito la casacca biancorossa, sottolineando l’egregio lavoro di programmazione a lungo termine posto in essere con impegno. L’auspicio ora è quello di invogliare altri ragazzi dotati sul piano umano, tecnico e atletico a sposare il progetto morolano.

Il Direttore Sportivo Francesco Pistolesi ha rilasciato le seguenti dichiarazioni

IL DG PISTOLESI

“Congratulazioni a Marco Panaccione. Questa deve essere la strada giusta da percorrere. L’operazione chiusa positivamente con lo Spezia acquista una importanza enorme e la società deve usarla come tipico esempio di attrazione per i migliori talenti del nostro territorio. I ragazzi che perseguono il medesimo obiettivo di Marco Panaccione devono seguire tale viatico. La dirigenza è orgogliosa e felice perché il duro lavoro di programmazione sta portando i frutti sperati. Il Morolo deve trasformarsi ben presto in una fucina di talenti in erba”.

Ecco anche le parole del terzino   Marco Panaccione appena passato allo Spezia

:PANACCIONE ALLO SPEZIA

 

“Ringrazio calorosamente il Morolo Calcio nelle persone del Presidente Costantini, del Direttore Sportivo Francesco Pistolesi e del mister della scorsa stagione Emiliano Adinolfi. Devo molto anche alla Pro Calcio Ferentino, società in cui sono cresciuto prima del trasferimento al Morolo. Sono davvero contento di questa ghiotta opportunità, perché si tratta di un treno unico che devo assolutamente prendere e sfruttare al massimo. Sono pronto per intraprendere una nuova avventura la prossima stagione. La corsa sulla fascia è la mia caratteristica principale, alternata ad una discreta qualità tecnica sempre al servizio della squadra. Ringrazio pure mister Angelo Mirabello che mi ha seguito per tre anni con consigli fondamentali per la mia crescita”.