Archivi tag: torre angela

Prima Categoria | Torre Angela-Atletico Lodigiani 2-2, la cronaca

Dopo le vittorie all’esordio si affrontano al Campo Torre Angela, i padroni di casa e l’Atletico Lodigiani in una sfida dagli alti valori tecnici e tattici. Due squadre provenienti dalla 2° categoria ma che sembrano voler lasciare il segno in questo lungo e difficile campionato. Al fischio d’inizio del sig. Amato di Tivoli (veramente ottima la sua direzione) sono subito i ragazzi di mister Rubenni a prendere l’iniziativa con gli ospiti ben determinati a protezione della proprio metà campo.




Continua la lettura di Prima Categoria | Torre Angela-Atletico Lodigiani 2-2, la cronaca

Giovani talenti: il centrocampista del Torre Angela Stefano Casciotti si racconta

di Paride Roncaglia

Intervista ad un calciatore giovane con una grande esperienza in Eccellenza alle spalle. Grinta e determinazione al servizio della mediana del Torre Angela.

La tua prima presenza in prima squadra?

“Quattro anni fa ho esordito in Eccellenza con il Montecelio. Venivo da un infortunio. Mi sono

 aggregato con loro a Novembre e a Dicembre mi hanno fatto esordire. Ho finito la stagione da titolare e ho avuto la fortuna di arrivare in semifinale di Coppa Italia, purtroppo poi persa. Comunque una grande stagione”.

Si stava aprendo un portone per te…

“Eh si mi hanno riconfermato anche per la stagione successiva. Però durante la preparazione ho subito un grave infortunio al tendine rotuleo e sono rimasto ai box per sei mesi. Considerando poi la riabilitazione la stagione praticamente non è mai iniziata”.

Poi cos’è successo?

“Pensavo di stare meglio con l’arrivo della nuova stagione, ma ho avuto delle ricadute al ginocchio che non mi hanno permesso di continuare a giocare in Eccellenza. Ero un po’ abbattuto ma dopo qualche tempo ho ricevuto la chiamata del Direttore dell’Atletico Kick Off Massimiliano Martinelli che mi ha invogliato a ricominciare. Ho fatto i primi mesi della scorsa stagione da loro, una società splendida. A dicembre però per alcune divergenze ho deciso di cambiare squadra e mi sono accasato al Torre Angela dove ho firmato anche per quest’anno”. 

Come è andata la seconda parte di stagione?

“Abbiamo ottenuto un buon piazzamento, ma cosa più importante ho conosciuto mister Alessio Ottobrini uno dei più preparati a livello tattico e tecnico che io abbia mai conosciuto. Io credo che sia uno dei pochi ad insegnare calcio. Riuscirebbe a far giocare bene chiunque”.

Sei fiducioso per questa annata? Dove pensi possa arrivare questo Torre Angela?

“Sì. La squadra è un bel mix tra giovani e “vecchi” che hanno fatto categorie importanti. Puntiamo ad una grande stagione e abbiamo il vantaggio di avere un grande Mister che è riuscito a far giocare palla a terra anche a me (ndr ride). Abbiamo comunque un girone con avversari tosti, vedi il Certosa, l’Albula, il Valle Martella e il Tivoli per via della tifoseria. In questa Prima Categoria abbiamo il dovere di farci valere, magari puntando ai piani alti”.

 

Tu che l’hai giocate entrambe, che differenza c’è tra l’Eccellenza e la Prima Categoria?

“A prescindere dal livello tecnico dei singoli calciatori, la velocità del gioco è quella che ti mette in difficoltà. In Prima ti puoi permettere di fare anche tre, quattro tocchi, mentre in Eccellenza uno, massimo due, altrimenti ti trovi immediatamente pressato. E poi la preparazione fisica perché in Eccellenza fai anche cinque allenamenti a settimana, compresa la rifinitura”.

Come mai hai deciso di accettare di giocare in Prima?

“Ho deciso di scendere e fare la Prima Categoria anche per conciliare il calcio e lo studio all’Università. Fare tre allenamenti mi permette di studiare. Ho sempre richieste da categorie superiori, ma per ora preferisco fare la Prima, nella quale, comunque, ti devi impegnare tantissimo”.  

Torre Angela calcio (Juniores prov.), Formisano: «I primi passi sono molto promettenti»

Ufficio stampa Torre Angela calcio

Il Torre Angela ha cominciato la nuova stagione con tutti i suoi gruppi dell’agonistica, in attesa dei “piccoli atleti” della Scuola calcio. Tra le selezioni che non hanno cambiato guida tecnica c’è la Juniores provinciale affidata ancora a mister Vincenzo Formisano. «I ragazzi stanno per completare la loro seconda settimana di allenamenti – specifica l’allenatore – Nella prima hanno accettato di fare una sorta di “ritiro casalingo” con doppie sedute giornaliere e il pranzo assieme all’interno del nostro splendido centro sportivo. Un’idea che avevo già lanciato l’anno scorso e che è stata accolta con entusiasmo, un modo come un altro per accelerare la conoscenza tra i ragazzi e il processo di amalgama del gruppo». Nonostante le gambe appesantite, la Juniores del Torre Angela ha esordito con un convincente 5-1 contro la Roma VIII in amichevole. «I primi passi sono molto promettenti, ma è inutile fare proclami in questo periodo. Siamo fiduciosi di avere un buon organico e cercheremo di fare un campionato da protagonisti. Finora il gruppo ha mostrato una disponibilità al lavoro importante e bisognerà continuare così il più a lungo possibile». Molto importante anche la decisione della società di fare un solo gruppo Juniores, a differenza di quanto avveniva nelle passate stagioni quando al fianco dei provinciali era stata allestita anche una formazione Primavera. «Avrò a disposizione atleti del’99 e del 2000, oltre ai fuoriquota – dice Formisano – Abbiamo abbondanza e questo non può che aumentare la concorrenza interna». Domani seconda amichevole pre-campionato sul campo del Cinecittà Bettini anche se la strada verso il campionato (che inizierà a metà ottobre) è ancora lunga da percorrere. Intanto tutto il Torre Angela e mister Formisano intendono fare le loro più sentite condoglianze al tecnico della Prima categoria Alessio Ottobrini che nelle scorse ore ha perso il papà. «Un abbraccio ideale ad Alessio con cui c’è un’ottima collaborazione e che, oltre ad essere un allenatore preparato, è anche una persona dall’importante spessore umano».

Torre Angela (Prima Categoria), Roberto e Fabrizio Ciani: «Grazie Sacconi, fiduciosi in Ottobrini»

Roma – Il Torre Angela ha vissuto una svolta “epocale” negli ultimi giorni della scorsa settimana. Mister Maurizio Sacconi, infatti, si è dimesso dalla guida della Prima categoria dopo diversi anni al timone della prima squadra del club capitolino. «Abbiamo provato a convincerlo fino all’ultimo – sostengono in coro il presidente Roberto Ciani e il direttore generale Fabrizio Ciani -, ma lui è stato irremovibile. Probabilmente ha voluto provare a dare un segnale forte alla squadra che in queste prime giornate non ha reso secondo le aspettative, ma il rapporto con noi e con tutto il club è rimasto assolutamente intatto. Per anni Maurizio è stato un personaggio molto importante all’interno del Torre Angela e tra l’altro continuerà a collaborare con la società nel settore giovanile, a dimostrazione che tra noi e lui le cose non sono cambiate, anche se il calcio vive di momenti e di scelte forti. A lui va un grande ringraziamento per tutto quanto ciò che ha fatto in questi cinque anni e mezzo». La scelta del club per la guida della Prima categoria è ricaduta, dunque, su un allenatore giovane, ma che ha già vissuto esperienze importanti: si tratta di Alessio Ottobrini, ex tecnico del Certosa (tra le altre) con cui affrontò proprio il Torre Angela nel campionato di Seconda categoria di due anni fa. «Un tecnico di spessore a cui va tutta la nostra fiducia – spiegano Roberto e Fabrizio Ciani – Crediamo possa essere la scelta migliore per il dopo-Sacconi: ci auguriamo che la squadra cambi passo e ottenga una tranquilla salvezza, come da obiettivo di inizio stagione». L’esordio di Ottobrini, però, non è stato molto fortunato: la prima squadra del Torre Angela, infatti, ha ceduto per 3-1 in casa contro l’Atletico Calcio Roma. I padroni di casa sono andati sotto per 2-0, poi hanno accorciato le distanze con Fadda, ma senza riuscire a completare la rimonta nonostante un buon secondo tempo. Il Torre Angela dovrà al più presto allontanarsi dalla zona “rossa” per non vivere una stagione da brividi: nel prossimo turno i ragazzi di Ottobrini saranno impegnati sul campo del Quarticciolo ultimo della classe con zero punti.

Torre Angela (Allievi Provinciali), Ramogida: «Faremo una buona stagione, c’è da scommetterci»

Roma – Subito una pausa, ma che sta per essere messa alle spalle. Il campionato degli Allievi provinciali del Torre Angela sta per entrare nel vivo: dopo il brillante esordio sul campo del Garbatella (netto 3-0 griffato dalla doppietta di Fadda e dal gol di Morfeo), la squadra di mister Giuseppe (detto “Joe” per le sue origini canadesi) Ramogida è stata costretta dal calendario a osservare subito il turno di riposo. Ma ora i ragazzi capitolini hanno potuto preparare con serenità e concentrazione il match di Roma con l’Academy Sporting Center. «Giocheremo di nuovo in trasferta per le particolarità di calendario – spiega Ramogida – e affronteremo una squadra capace di vincere due partite su due in questo avvio di stagione. Non conosco il prossimo avversario, ma immagino che per noi possa essere un test complicato che dirà qualcosa di più sul nostro valore». Di obiettivi non ne parla, ma si capisce bene che Ramogida ha molta fiducia nelle possibilità del suo gruppo. «Faremo una buona stagione, c’è da scommetterci. La squadra ha qualità importanti e può disputare un bel campionato, sono convinto che ci potremo togliere delle belle soddisfazioni». D’altronde la gara d’esordio ha già fatto capire che gli Allievi provinciali del Torre Angela saranno una delle squadre protagoniste del girone e la speranza di tutto il club capitolino caro alla famiglia Ciani è che dalle promesse si passi sempre di più alle risposte del campo. In chiusura Ramogida, arrivato in estate dopo l’esperienza al Pibe de Oro, parla del suo approdo nel Torre Angela. «Ho trovato una società che ci mette a disposizione tutto il necessario e che ci fa lavorare con serenità, senza interferire con il lavoro dell’allenatore».
Intanto è arrivato il quinto punto stagionale (in quattro partite) per la Prima categoria che ha pareggiato 1-1 nel confronto interno con l’Albula: i ragazzi di mister Maurizio Sacconi sono attesi ora dal match esterno con il Valle Martella che finora ha collezionato un punto in più dei capitolini.

Torre Angela (Allievi Fascia B Provinciali), Passerini: «Buon esordio, questo gruppo può fare molto bene»

Roma – Un esordio esagerato. Gli Allievi provinciali fascia B del Torre Angela hanno travolto con un netto 9-0 il Colonna nella prima gara di campionato. Le doppiette di Trifici e Cruz e i gol di Migliaccio, Pitzalis, Dedeu, Plazzo e Pancrazi hanno determinato il largo risultato: la squadra capitolina, dunque, ha assorbito immediatamente l’arrivo del neo tecnico Gabriele Passerini, approdato sulla panchina del Torre Angela nemmeno una settimana fa. «Chiaramente il livello delle due squadre era diverso, ma i ragazzi hanno interpretato la partita nel modo giusto chiudendo già il primo tempo in vantaggio per 5-0. Nella ripresa ho chiesto ai ragazzi di perfezionare alcuni movimenti e prediligere un’azione più manovrata, ma è chiaro che è difficile frenare “l’esuberanza” e la voglia di mettersi in mostra di atleti di questa età. Spiace sempre se un avversario chiude la gara con un passivo così ampio, ma la prestazione dei miei ragazzi è stata sicuramente convincente». Passerini, che l’anno scorso guidava gli Allievi regionali della Boreale e che in precedenza ha fatto i Giovanissimi regionali all’Ottavia, non considera un “passo indietro” l’approdo al Torre Angela. «Conoscevo già la società perché me ne avevano parlato alcuni amici e il primo impatto con il presidente Roberto Ciani e il direttore generale Fabrizio Ciani è stato sicuramente positivo. Loro mi avevano detto che questo gruppo poteva essere molto competitivo e già dai primi allenamenti l’impressione che ne avevo tratto era stata la medesima. Credo che questa sia una “macchina” con potenzialità di motore altissime: serve un pilota giusto e spero di dimostrarmi tale. Cercheremo di stare nelle prime posizioni fino alla fine per poi spuntarla». Nel prossimo turno il Torre Angela farà visita al Quadraro e secondo mister Passerini sarà una gara totalmente diversa da quella dell’esordio. «Affronteremo un avversario ostico e sarà battaglia, ma queste sono le gare che ci servono per capire il nostro grado di competitività in questo periodo».

Torre Angela, Calvanese: «Sono molto fiducioso sul finale di stagione»

di Ufficio Stampa Torre Angela

Un inizio sparato, poi una leggera flessione. Ma gli Allievi provinciali del Torre Angela, guidati da mister Enzo Calvanese, sono sempre nelle zone nobili della classifica e vogliono giocarsi le proprie carte. «Sono stato soddisfattissimo della prima parte di stagione dei ragazzi – dice l’allenatore del club capitolino -, fino a Natale tutto è filato liscio poi la dea bendata ha cominciato a voltarci un po’ le spalle e siamo stati bersagliati da alcuni infortuni che ci hanno privato, in qualche caso, anche di sei o sette elementi importanti. Inevitabilmente ne abbiamo un po’ risentito a livello di risultati, anche se le prestazioni sono comunque state soddisfacenti e spesso un pizzico di cattiva sorte negli episodi ci ha impedito di collezionare qualche punto in più. Il gruppo, comunque, mi segue e propone un calcio veloce, eseguendo in maniera frequente gli schemi su cui lavoriamo in settimana». Nell’ultimo turno prima della sosta di due settimane imposta dal comitato regionale, gli Allievi del Torre Angela hanno trovato un bel successo interno per 5-3 contro l’Alessandrino grazie alla splendida tripletta personale di Fabrizio Spagnolo e alla doppietta di Stefano Bartoli. «Piano piano stiamo recuperando gli infortunati anche se per qualcuno che rientra c’è sempre qualche nuovo forfait da registrare – sospira Calvanese – Ma vedo la squadra in chiara crescita e il nostro futuro prossimo è sicuramente roseo, la squadra è agganciata al treno di vertice e non ha una distanza incolmabile dalla testa della classifica che in questo momento è occupata dalla Borghesiana: proveremo a giocarsi le nostre carte fino all’ultimo. D’altronde il periodo di difficoltà che abbiamo vissuto noi può capitare anche a qualche concorrente e noi dovremo essere bravi ad approfittarne, quale accadesse». Nel primo match ufficiale dopo la sosta (a fine febbraio), il Torre Angela dovrà fare visita al Centro Calcio Rossonero. «All’andata vincemmo – ricorda Calvanese -, ma quella è una società che da sempre conta su un buon settore giovanile. Noi comunque andremo a Morena per fare la nostra partita e provare a conquistare la vittoria».