Archivi tag: Torres

Coppa Italia Serie D, il Trastevere recrimina ma esce dalla competizione contro la Torres

Al Trastevere Stadium di Roma la squadra del Rione cede il passo a una cinica Torres, capace di approfittare delle rare occasioni di una partita molto nervosa e giocata a ritmo alternato da entrambe le squadre. Decisive, nella ripresa, alcune decisioni arbitrali che hanno fatto infuriare i padroni di casa.

La prima frazione non offre grandissimi spunti di cronaca.

Per registrare infatti il primo tiro in porta bisogna attendere il quarto d’ora, quando Mangiapane su punizione impegna Caruso. La replica capitolina arriva cinque minuti dopo con Riccucci, che prova a replicare l’eurogol del turno precedente contro la Nuorese: il suo sinistro al volo, stavolta, finisce largo di un paio di metri.

Ad ogni modo, l’emozione più forte dei primi quarantacinque minuti la regala Insenna, il portiere classe ’97 della Torres: su un retropassaggio di un compagno al 28’ cicca il rinvio, facendo correre un brivido di terrore alla sua squadra. Per sua fortuna, il pallone termina fuori. L’estremo difensore sardo si riscatta però al 34’ quando respinge in bello stile un tiro di Fiorini.

Nel finale di tempo è nettamente il Trastevere a fare la partita, ma la squadra amaranto viene punita da una ripartenza micidiale degli ospiti.

Da una respinta da calcio d’angolo, infatti, nasce il gol di Varriale, bravo a concludere sotto la traversa il contropiede portato avanti dall’intero tridente di mister Bacci.

A inizio ripresa i due tecnici si affidano agli stessi ventidue in campo; dopo cinque minuti arriva l’episodio che fa imbestialire il Trastevere. Mucili raddoppia per la Torres, ma sul gol incombe l’ombra di una doppia svista arbitrale. La sig.ra Finzi di Foligno, infatti, non sanziona prima un ponte ai danni di Menichetti, poi una clamorosa spinta ai danni di Pieri. Fatto sta che il numero 9 ospite, davanti a Caruso, firma il gol dello 0-2. Inutili le proteste dei padroni di casa.

Il doppio svantaggio ha il potere di scuotere i capitolini, che in maniera volenterosa si gettano nella metà campo ospite, portando Fiorini a tu per tu con Insenna, bravo a respingere in uscita.

A venti minuti dalla fine i cambi di mister Gardini donano nuova linfa al Trastevere.

Panico e Massella sostituiscono Lorusso e Pagliaroli. Di contro, mister Bacci difende il punteggio con la proposta di Bachis al posto di un buonissimo Mangiapane.

Il finale è convulso: a dieci dalla fine si accende una mischia in area della Torres, Andriolo svirgola e Insenna perde il pallone dai radar. Si avventa sulla sfera Panico che sulla linea viene spinto da Gueli, che interrompe così una chiara occasione da gol: rigore ed espulsione per il numero 3 rossoblù. Dal dischetto Riccucci non sbaglia, e riaccende una partita apparentemente chiusa.

Negli ultimi minuti la voglia talvolta disordinata dei padroni di casa non viene premiata, nonostante un serrato arrembaggio e un ultimo episodio molto discusso, al 90’, con Panico ancora una volta atterrato in area di rigore.

Il punteggio finale è amaro: si interrompe così, dopo tre successi, il cammino del Trastevere in Coppa Italia di Serie D. Nonostante il turn over, i ragazzi di mister Gardini hanno espresso un buon calcio, a tratti giocando più con il cuore che con la testa. Sul risultato, poi, pesano di sicuro gli episodi sfavorevoli e una condotta arbitrale almeno discutibile.

Nonostante l’eliminazione, l’allenatore può ritenersi soddisfatto: “Sono contento di come la squadra abbia affrontato questa partita – ha commentato Aldo Gardini – Abbiamo schierato sette under su undici, molti dei ragazzi oggi in campo avevano pochi minuti nelle gambe: siamo stati sempre in partita, anche dopo il doppio svantaggio. Non voglio parlare degli episodi arbitrali perché in campo tutti possiamo sbagliare. Mi tengo stretto questa prestazione, che non ci premia di certo per il risultato ma che ci dà conferma che questa rosa è una rosa di alto valore tecnico.”

 (fonte: Andrea Salvi, Ufficio Stampa – ASD Trastevere Calcio)

IL TABELLINO

TRASTEVERE – TORRES 1-2

Trastevere Caruso, Losi, Vendetti, Riccucci, Pieri, Menichetti, Allegrini, Mastromattei , Fiorini (42’ st Campori), Lorusso (26’st Panico), Pagliaroli (26’ st Massella). A disp. Ceccucci, Tarantino, Giannone, Pace, Mangione, Sofia. All. Aldo Gardini

Torres Insenna, Andriolo, Gueli, Simonetti, Posillipo, Della Guardia, Accardo, Minunzio (47’st Ladu), Mucili, Mangiapane (18’st Bachis), Varriale. A disp. Pinna, Ferrarini, Ammoscato, Marcangeli, Sassu, Badami, Solinas. All. Guglielmo Bacci

Arbitro: sig.ra Finzi di Foligno

Assistenti: sig. Montagnani di Salerno, sig. Caso di Nocera Inferiore.

Marcatori: 45’ pt Varriale, 5’st Mucili, 34’ st (rig.) Riccucci

Note: Ammoniti: Pieri, Mastromattei, Massella (Tr.), Posillipo, Simonetti (To.) Espulso: al 33’ st Gueli per interruzione di chiara occasione da rete. Spettatori: 100 circa

Coppa Italia Serie D: OstiaMare subito fuori, la Torres passa all’Anco Marzio

Finisce prematuramente l’avventura in Coppa Italia dell’Ostiamare di mister Greco, sconfitta 2 a 0 dalla Torres di Bacci all’Anco Marzio, nel I Turno della competizione. Gara stregata per i lidensi che, sotto nel punteggio (rete di Merino al 26′ del primo tempo) regalano al folto pubblico assiepato in tribuna una seconda frazione d’applausi, con una traversa e altre occasioni che non si sono tramutate in gol per pochissimo. Nel finale, a tempo scaduto, invece, arriva il 2 a 0 (a firma di Ammoscato) di una cinica Torres che si porta via vittoria e qualificazione.
“Non è stato l’esordio che ci aspettavamo, prendiamo il buono che c’è stato e continuiamo a lavorare in vista della prima di campionato”. Così, in poche parole, al termine della sua prima ufficiale sulla panchina biancoviola, il mister dell’Ostia, Alfonso Greco che, comunque, può ripartire dall’ottima ripresa, nella quale si è vista un’Ostiamare ancor più vivace e pericolosa, e nella quale si è messo in evidenza uno dei volti nuovi a Via Amenduni, lo sgusciante Coco, classe ’96, che ha imperversato sulla sua fascia, regalando vivacità all’attacco lidense.
Proprio nella ripresa, dopo l’emozionante “abbraccio” alle popolazioni colpite dal terremoto e un primo tempo nel quale l’Ostiamare ha tenuto bene il campo fino alla disattenzione che, al 26′, ha portato al gol sardo (iniziativa di Scalzone e assist per Merino che, nel cuore dell’area, trafigge un incolpevole Quattrotto), i lidensi attaccano a testa bassa, dimostrando grande condizione ed energia, ma il gol non vuole saperne di arrivare nonostante la mole di lavoro prodotta dalla formazione biancoviola.
Clamorosa, su corner di Coco, la traversa colpita da Colantoni, ad Adragna battuto, poi Piroli prova a girare nel cuore dell’area ma la sfera finisce alta. Occasionissima ancora più tardi per Attili che impatta benissimo di testa, ma trova la deviazione “di spalla” di un difensore rossoblù e così è solo corner. In quello stesso frangente ce ne saranno ben 4 a dimostrazione della pressione lidense. Anche Vano ha la chance di colpire ma il gigante dell’Ostia viene fermato proprio nell’istante della conclusione.
Insomma, fino alla fine è un monologo dell’Ostiamare, con la Torres che rischia più volte di subire la rete, ma al 91′, beffardo e cinico, arriva il 2 a 0 della squadra sassarese, che chiude definitivamente l’avventura dei Gabbiani in Coppa Italia. E’ Ammoscato a firmare il gol, in azione di contropiede. Ora testa al campionato, Domenica tutti a tifare Ostiamare all’Anco Marzio, alle 15, contro il Latte Dolce, un’altra sassarese per la prima ufficiale in campionato dei ragazzi di Alfonso Greco.

IL TABELLINO

OSTIAMARE – SEF TORRES 0-2

MARCATORI: 26’pt Merino, 46’st Ammoscato (T).
OSTIAMARE: Quattrotto, Calveri, Vecchiotti, Bellini, Colantoni, Piroli, Ferrari (1’st Coco), D’Astolfo (25’st Cristiano), Vano, Magrassi (1’st Catese), Attili. A disp. Barrago, Palmieri, Baldinelli, Rondoni, Breda, Fraschetti. All. Alfonso Greco.
SEF TORRES: Adragna, Sassu, Della Guardia, Bachis (30’st Bisogno), Posillipo, Mezzapelle (8’p t De Ambrosis), Badami, Simonetti, Mucilli (20’st Ammoscato), Merino, Scalzone. A disp. Insenna, Ladu, Ferrarini, Evola, Minunzio. All. Bacci.
ARBITRO: Pascarella di Nocera Inferiore. ASSISTENTI: Nasti di Napoli; Zanfardino di Frattamaggiore.
NOTE: Prima dell’inizio della sfida è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del terremoto.

(Riccardo Troiani – Ufficio Stampa Ostiamare Lidocalcio – Foto www.ostiamare.it)