Archivi tag: virtus divino amore

Prima Categoria | Virtus Divino Amore, Valente: “L’obiettivo? Fare punti in ogni partita”

Che si andasse incontro ad un inizio di stagione difficoltoso, era ampiamente nei pronostici. Ma la Prima categoria della Virtus Divino Amore non vuole stare troppo a lungo a “digiuno” da vittorie: un solo punto nelle prime quattro giornate è certamente un bottino che non accontenta i ragazzi di mister Paolo Lattanzio che all’orizzonte vedono il match casalingo contro il Città di Pomezia.




Continua la lettura di Prima Categoria | Virtus Divino Amore, Valente: “L’obiettivo? Fare punti in ogni partita”

Virtus Divino Amore calcio (I categoria), amichevole con la Lazio. Randò: «E’ stata un’occasione unica»

Ufficio stampa Virtus Divino Amore

Rimarrà a lungo indelebile per la Virtus Divino Amore la data dell’11 novembre 2017. La formazione capitolina è stata ospite della Lazio per un test amichevole andato in scena sabato scorso a Formello.




Continua la lettura di Virtus Divino Amore calcio (I categoria), amichevole con la Lazio. Randò: «E’ stata un’occasione unica»

Virtus Divino Amore calcio, ecco il nuovo organigramma: «Speriamo che sia un grande anno»

Ufficio stampa Virtus Divino Amore

L’ormai ex vice presidente Gianluca Massimi lo aveva detto: «Ci saranno grandi cambiamenti nella prossima stagione». E ora che l’anno agonistico 2017-18 della Virtus Divino Amore è alle porte quelle parole trovano piena conferma nella lettura del nuovo organigramma dirigenziale e anche tecnico. Totalmente stravolto il vertice: oltre a Massimi, infatti, non c’è più nemmeno la presidentessa Giorgia Bizzaglia (come da annuncio estivo), così la carica di massimo dirigente è finita tra le mani di Fernando Marrocchi. Il vice presidente sarà Sergio Randò, mentre la figura del direttore generale sarà ricoperta da Manuel Delle Chiaie. Non è finita qui perché Emanuele Caltabiano è il nuovo direttore sportivo della Prima categoria (con Patrizio Mastropietro, Simone Giovannoni e Fabio Cirulli che saranno con le loro aziende i main sponsor), mentre Emiliano Renzi fungerà da ds del settore giovanile e Alessandro Pomarici sarà il responsabile della comunicazione. A completare il quadro ci sono il segretario Aldo Buzzi, il dottore Nicola Cuozzo (che sarà pure responsabile del nuovo progetto di primo soccorso) e la psicologa Roberta Rodi. Tante le novità anche per ciò che concerne l’aspetto tecnico: l’allenatore della prima squadra sarà Mario Di Marco con Gianluca Arnone a svolgere le funzioni di vice. Per quanto riguarda l’agonistica Paolo Lattanzio sarà ancora il tecnico della Juniores, mentre Massimo D’Alesio guiderà gli Allievi fascia A, Marco Salza farà lo stesso coi Giovanissimi fascia A e infine Andrea Fagiolo prenderà in consegna il gruppo dei Giovanissimi regionali fascia B. New entry importante sarà quella del preparatore dei portieri, l’ex Arezzo e Salernitana Tommaso Grilli. Per la pre-agonistica i tecnici saranno Luca Lombardi (2005), Mauro Moret (2006), Maurizio Addati (2007), Alessandro Trevisani (2008), Alessio Silvestri (2009) e Angelo D’Angelo (Piccoli Amici 2010-12) con Tiziano Nutile che ricoprirà il ruolo di responsabile tecnico motorio. «Abbiamo grandi progetti sia per questa stagione che per il futuro – fanno sapere dal club capitolino – Avremo l’onore di godere di una consulenza tecnica esterna da parte dell’ex calciatore professionista David Giubilato e ci saranno altre gustose novità per chi sceglierà di far parte della nostra famiglia sportiva: speriamo che sia un grande anno».

V. Divino Amore, un calcio sempre più sicuro: Cuozzo responsabile del progetto di primo soccorso

di Area comunicazione Virtus Divino Amore calcio

Tra le tante novità annunciate dalla Virtus Divino Amore, una volta superati i noti problemi che ne hanno caratterizzato il periodo estivo, ce ne sarà anche una legata al tema della sicurezza in campo e della salute. La società capitolina, infatti, ha scelto un suo responsabile per un importante progetto di primo soccorso che verrà attivato a partire da settembre. Sarà Nicola Cuozzo, esperto centrocampista classe 1983 in forza alla Prima categoria, a occuparsi di questo delicato ruolo. «La società mi ha chiesto la disponibilità e io non mi sono tirato indietro». Cuozzo sta terminando il corso di formazione denominato Pss-D (Primo soccorso sportivo defibrillato): al termine del percorso formativo il giocatore della Virtus Divino Amore avrà ottenuto una formazione specifica per affrontare ogni tipo di emergenza traumatica o medica su tutti gli apparati soggetti a rischi specifici (in gara e in allenamento) durante la pratica della disciplina sportiva, quali ad esempio concussione cerebrale, traumi addominali, nasali ed oculari, traumi osteo-articolari e altro ancora. Il corso, promosso dal Coni e dalla Federazione Medico Sportivo Italiana (Fmsi), è stato avviato nell’ambito di un progetto sulla salute che ha visto la diffusione (e l’obbligatorietà) della presenza di un defibrillatore all’interno degli impianti sportivi. «L’idea è quella di presenziare il più possibile ad allenamenti e partite in modo tale da assicurare la copertura di quel genere di figura durante le varie attività – spiega Cuozzo – A breve la sala solitamente riservata al massaggiatore dovrà trasformarsi in un vero e proprio presidio di primo soccorso, un ulteriore tassello di sicurezza e tranquillità in più per tutti i tesserati della Virtus Divino Amore». Una novità importante che non rientra nell’ambito prettamente sportivo, ma che indubbiamente fa capire le intenzioni del club capitolino di lavorare con grande attenzione su ogni singolo dettaglio.

Virtus Divino Amore calcio, il club va avanti. Massimi: «Fatto grande sforzo, ci saranno tante novità»

Ufficio stampa  Virtus Divino Amore

La Virtus Divino Amore ha messo alle spalle una delle più tormentate “estati” della sua lunga storia calcistica. Nei giorni scorsi, con un comunicato sulla pagina Fb ufficiale il club annunciava di aver «raggiunto l’accordo con la proprietà dell’impianto per continuare insieme anche nella prossima stagione», ringraziando nel contempo «le tantissime persone che ci sono state vicine in questo momento delicato. Un grazie al monsignor Liberio Andreatta per aver permesso che 70 anni di storia non finissero bruscamente e a tutto il calcio dilettantistico, vale a dire a tutti quei presidenti, giocatori e giornalisti che ci hanno inviato un messaggio di conforto oltre a tutti i ragazzi e i genitori che si sono interessati alla causa e continueranno a farlo». Concetti che il vice presidente (uscente) Gianluca Massimi intende ampliare. «Abbiamo fatto uno sforzo notevole per poter andare avanti, pagando 70mila euro per regolare i conti con la proprietà. Questa situazione, chiaramente, ci ha fatto perdere del tempo per la programmazione, ma siamo convinti delle scelte che faremo e che dovranno consentirci di ripartire con più forza. Ci saranno tante novità e tra queste posso già anticipare che il sottoscritto e la presidentessa Giorgia Bizzaglia lasceranno le loro cariche ufficiali, anche se l’attuale proprietà della Virtus Divino Amore non cambierà. I cambiamenti, però, investiranno anche altre situazioni: dall’organizzazione tecnica a quella dirigenziale, passando per la gestione della struttura. Tra i nostri obiettivi ci sarà quello di fidelizzare le persone che collaboreranno con noi, coinvolgendo i comitati di quartiere e ovviamente i genitori e in particolare le mamme magari anche in ruoli dirigenziali». Le attività generali riprenderanno a settembre, anche se prima di tutti torneranno in campo per le rispettive preparazioni atletiche sia la Prima categoria che i Giovanissimi regionali fascia B. «Per ciò che concerne la prima squadra – conclude Massimi – abbiamo scelto un allenatore giovane e molto preparato, vale a dire quel Mario Di Marco che in passato ha avuto esperienze al Centro Giano e al Morandi. Grazie anche all’opera del neo direttore sportivo della prima squadra Emanuele Caltabiano abbiamo già formalizzato l’accordo con undici nuovi giocatori: l’obiettivo è sempre lo stesso, provare ad essere protagonisti e magari centrare quel salto di categoria che inseguiamo da un po’».

Virtus Divino Amore (Giov. reg. B), Renzi: «Passi avanti si vedono, ma serve lavorare ancora di più»

Roma – Che sarebbe stato un impatto difficile lo si sapeva. E il campo sta confermando alcune difficoltà per i gruppi della Virtus Divino Amore che stanno affrontando la categoria regionale. Tra questi ci sono i Giovanissimi fascia B di mister Emiliano Renzi che sabato scorso hanno perso 5-1 in casa con il Terracina dopo aver rimediato due k.o. nelle precedenti due partite di campionato. «Una gara che i ragazzi avevano iniziato bene andando in vantaggio con il calcio di rigore realizzato da Shollo, poi dopo il gol del pareggio prima dell’intervallo hanno come perso le sicurezze acquisite e nella ripresa, con l’uno-due che è valso il doppio vantaggio del Terracina, si sono sciolti. Gli avversari, tra l’altro, mi sono sembrati alla nostra portata e potevamo sicuramente fare di più. Comunque dei passi in avanti rispetto alle prime due partite si sono visti chiaramente, ma è altrettanto evidente che bisogna lavorare ancora di più e con maggiore determinazione per dimostrare di valere questa categoria. Rimango convinto che questo gruppo ha tutte le potenzialità per ottenere il traguardo della salvezza e metterò tutto me stesso per aiutare i ragazzi: se finora ho dato il 100% e non è bastato, vuol dire che darò il 110%». Tra l’altro a Renzi sono arrivati la fiducia e il sostegno da parte di tutta società. «Il club mi è vicino e questo sicuramente mi responsabilizza ancor di più. Occorre mettere un punto a quello che è stato fatto finora e rimboccarsi le maniche». Nel prossimo turno i Giovanissimi regionali fascia B della Virtus Divino Amore sono attesi dal match sul campo dell’Unipomezia, che ha appena vinto il match di Anzio e si è portata al momentaneo quinto posto in classifica con sei punti. «Degli avversari sappiamo poco, ma nelle prime giornate anche l’Unipomezia aveva palesato qualche difficoltà. Comunque molto dipenderà dalla nostra prestazione: bisognerà vedere se i ragazzi, che sono tutti provenienti da un campionato di Scuola calcio, sentiranno la “scossa” per reagire a questo complicato inizio di stagione».

Virtus Divino Amore, il dt Mosciatti: «Scuola calcio, che orgoglio. Serve pazienza per l’agonistica»

Roma – La Virtus Divino Amore si conferma come un club in decisa crescita. A dirlo sono i numeri (in aumento) della Scuola calcio che lavora da tre anni sotto la supervisione di uno che la sa molto lunga come Nazzareno Mosciatti. Il direttore tecnico del club caro alla famiglia Bizzaglia parla con soddisfazione dei primi passi dei gruppi minori in questa stagione. «E’ chiaro che c’è tanto da lavorare, ma siamo sulla strada giusta. I numeri ci confortano e la qualità dei vari gruppi è in crescita costante, siamo molto orgogliosi del lavoro che stiamo portando avanti sulla Scuola calcio». Mosciatti presenta poi il corposo organigramma tecnico della Virtus Divino Amore per la stagione 2016-17. «Partendo dal basso, ci sono i gruppi 2009, 2010 e 2011 che sono stati affidati a Mauro Ronconi e Leo Viscomi. A salire troviamo i Piccoli Amici 2008 dei mister Alessandro Trevisani e Riccardo Cingone, i Pulcini 2007 di Marco Fognani e Maurizio Addati, i Pulcini 2006 di Stefano Mosciatti e Giancarlo Piggianelli e infine gli Esordienti 2005 di Luca Lombardi e Marco Consigli e gli Esordienti 2004 di Angelo Di Nisio». A proposito di questi ultimi, che il prossimo anno sbarcheranno nella “vera” agonistica, Mosciatti sottolinea che «hanno tanto da fare, ma comunque c’è un’intera stagione per preparare il salto nel campionato Giovanissimi».
Se la Scuola calcio “scoppia di salute”, il settore agonistico sta un po’ zoppicando a livello di risultati in questa primissima fase di stagione. «Abbiamo per la prima volta quattro squadre che partecipano ai campionati regionali e di una di queste, gli Allievi fascia B, abbiamo avuto l’ufficialità solo a settembre inoltrato. E’ normale che l’impatto con la categoria regionale può aver creato qualche difficoltà, ma sono convinto che i nostri tecnici e i vari gruppi possano far vedere il proprio valore nel corso della stagione». Ha cominciato il campionato con una vittoria, invece, la Juniores provinciale di mister Paolo Lattanzio. «A mio modo di vedere – rimarca Mosciatti – quello è un gruppo che può essere competitivo per i vertici della classifica anche perché ci sono diversi ragazzi “fuori quota” che sono nel giro della prima squadra e che possono dare un contributo importante al gruppo (anche se per regolamento ne possono giocare solo quattro, ndr). Vedremo se il campo darà il verdetto che ci auguriamo».