Morolo Calcio: il Vice Presidente Guido Costantini parla del progetto biancorosso

Morolo Calcio: il Vice Presidente Guido Costantini parla del progetto biancorosso

Il Vice Presidente del Morolo Guido Costantini espone, con alcune importanti dichiarazioni, il progetto posto in essere ormai da tempo dalla società e che sta portando i frutti auspicati. I risultati, sotto vari punti di vista, sono l’esito di una accurata programmazione basata su principi ben precisi. La valorizzazione del Settore Giovanile, competitivo in tutte le categorie, costituisce il vero fiore all’occhiello del sodalizio biancorosso. I migliori talenti, dopo l’apprendistato nel vivaio, vengono utilizzati in pianta stabile in Prima Squadra con concrete possibilità di spiccare il volo verso il professionismo. Basti pensare a Marco Panaccione (classe 1998) che vestirà la maglia dello Spezia l’anno prossimo.

Ecco allora le dichiarazioni del Vice Presidente del Morolo Calcio Guido Costantini

“Il profilo di Stefano Campolo rispecchia al meglio le nostre esigenze e, per questo motivo, lo abbiamo scelto con estrema convinzione. Si tratta di un allenatore competente, attento ai minimi dettagli e capace di mettere i più giovani nelle condizioni migliori per esprimersi. L’esigenza di abbassare i costi di gestione ci consente di operare con oculatezza sul nostro vivaio. Stiamo portando avanti il percorso programmatico intrapreso tre anni fa, fondato sulla volontà di inserire tra i grandi un cospicuo numero di ragazzi cresciuti nel nostro Settore Giovanile. Nella prossima stagione un folto gruppo di giocatori provenienti dalla Juniores, infatti, saranno inseriti nella rosa della Prima Squadra. Il discorso della progettualità chiama in causa appunto il Settore Giovanile. Veniamo da una stagione davvero ottima. La Juniores ha strappato il secondo posto e parteciperà quasi certamente al torneo Elite. Gli Allievi hanno vinto il Campionato e si apprestano ad affrontare la categoria regionale. Puntiamo al raggiungimento di risultati importanti anche con i Giovanissimi. Il trasferimento di Marco Panaccione allo Spezia è il classico esempio che conferma la bontà del lavoro societario. In tal senso abbiamo potenziato lo staff tecnico con nuove figure di assoluto valore morale e professionale”.

Alessandro Iacobelli

Nato ad Arpino il 26 agosto 1994. Giornalista pubblicista dal 21 marzo 2016, con una grande passione per il calcio e lo sport in generale. Corrispondente dalla Ciociaria, dove segue con attenzione le realtà calcistiche regionali e provinciali del territorio. Autore di svariate interviste ed approfondimenti. Studente della facoltà di lettere - curriculum comunicazione, presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.