Russell Crowe a Roma per la proiezione de “Il Gladiatore”

di Francesca EMPLER

La sera dell’8 giugno, al Colosseo, è stato proiettato su un maxi schermo il film Il Gladiatore di Ridley Scott, uscito nell’ormai lontano 2000.




Emozionante è stato ascoltare dal vivo la colonna sonora di Hans Zimmer, eseguita dall’Orchestra Italiana del Cinema. 300 spettatori hanno avuto la fortuna di assistere a questo suggestivo e irripetibile evento, dopo aver pagato un biglietto dallo non irrisoria cifra tra i 1500 e i 3 mila euro. Tra gli ospiti famosi c’è stato Connie Nielsen, Tomas Arana, Charlie Allan, Gabriele Muccino, Maria Grazia Cucinotta, Claudio Ranieri e Alessandro Roja. Due sono stati però gli ospiti d’onore: Russell Crowe, protagonista del film proietatto, e Francesco Totti, ex capitano della Roma. I due si sono mostrati al pubblico e, per l’occasione, il calciatore ha regalato all’attore una maglietta della Roma con il numero 10 e con il nome Crowe impresso sopra.




L’evento è stato organizzato dall’Orchestra Italiana del Cinema e CineConcerts, il Parco archeologico del Colosseo, in collaborazione con il Rotary International. L’evento, a scopo benefico, ha incassato 500 mila euro che saranno devoluti alla campagna del Rotary “End Polio Now”, per debellare la poliomielite, e la costruzione di un ascensore per permettere ai portatori di handicap di raggiungere il terzo anello del Colosseo.




Non pochi i problemi di viabilità durante il giorno: il Circo Massimo è stato infatti blindato, il lungotevere, in direzione di ponte Garibaldi, era ingorgato e i residenti dell’Aventino, per tornare a casa, sono stati costretti a fare un giro lungo, in alcuni casi addirittura a piedi. Bloccati inoltre anche numerosi autobus. La situazione si è fatta ancora più tesa quando anche Santa Maria in Cosmedin è stata chiusa e le macchine sono state dirottate sul lungotevere, già bloccato.

L’evento è stato poi replicato anche al Circo Massimo.

Serate meravigliose, forse irripetibili, ma certamente da dover gestire, qualora ce ne fossero altre, con maggiore organizzazione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *